Magazine Cultura

Renato Fucini, Il professore – 3/3

Da Paolorossi

Finita la vendita, poco prima delle nove, consegnava la bottega alla moglie e dormiva fino all'ora di desinare. Dopo mangiato, faceva un pisolino di due o tre ore, e verso buio andava in piazza a prendere una boccata d'aria, perchè proprio ne aveva bisogno prima d'andare a cena e a letto.

Una mattina, avanti giorno, mentre preparava assonnato le sue parigine, sbadigliando, brontolando e impastando, sbagliò la qualità e la dose degli ingredienti. Invece di sale, ci buttò zucchero; invece di anaci, coriandoli.

Da quello sbaglio, la sua fortuna. Il grido dei nuovi biscotti coi coriandoli passò presto dai ragazzi alle famiglie, e alla bottega di Cecco fu una processione continua di gente del paese e della campagna, fra le quali primeggiavano i villeggianti dei dintorni che non davano respiro al povero Cecco, il quale fu costretto a chiamare in aiuto un suo fratello calzolaro. Ma nemmeno in due poterono bastare al lavoro, e bisognò, dopo pochi giorni, mettere all'opera anche la moglie e i tre figlioli maggiori.

Dai villeggianti, la fama delle parigine si estese ai loro amici e parenti lontani, e cominciarono allora a fioccar lettere, cartoline, telegrammi e vaglia postali in tal quantità, da mettere alla disperazione Cecco e il suo fratello che non sapevano più dove battersi la testa, in mezzo a quel trambusto indiavolato. Ma Cecco e il suo fratello, da buoni toscani, amici sinceri del quieto vivere, e previdenti, annusata la tempesta che li minacciava, pensarono seriamente ai casi loro, e si misero al coperto prima che incominciasse a piovere più forte.

- Mondo birbone! e questa si chiama vita da cristiani?
- Se non ci si piglia rimedio a tempo, qui, caro mio, ci si lascia la pelle!
- Sangue d'un cane! qui non si mangia più un boccone in pace!
- Qui c'è appena tempo di riprender fiato la notte!
- Qui non si conosce più quand'è festa e quando è giorno di lavoro!
- E servitori di tutti!
- Eppoi che maniere! - Io n'ho bisogno di un chilo per domattina!... Io di due chili in tutti i modi, per domani sera. Io di tre per... Ma, signori, abbiamo due braccia sole!
- Siamo di carne anche noi!
- Io non ne posso più!
- Io mi tengo ritto per miracolo!
- Si chiude e si fa finita?
- Finiamola!

E presi da un sacro orrore per quella vita da galeotti, i due fratelli decisero di vendere la bottega allo Svizzero, di mandare al diavolo tutti i loro tormentatori e.... crepi chi vuol crepare!...

- Professore, ben alzato.
- Ha riposato bene, professore?

Fra quei giovanottacci della barcaccia v'era anche il figliolo di quel birbone dello Svizzero che a forza di parigine aveva comprato, in due anni, pezzo di figuro! un bel cavallo, un bel calesse e una bella casa colle persiane, col giardino e ogni cosa!

( Renato Fucini, Il professore, tratto da "All'aria aperta",1897 )

Categories Tags

Renato Fucini, Il professore – 3/3
Fucini Renato Campagna, Fucini Renato, Toscana, Tuscany

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :