Magazine Cultura

Reportage dal Salone del Mobile 2018

Creato il 18 aprile 2018 da Dfalcicchio

Reportage dal Salone del Mobile 2018

Milano

Apre il Salone del mobile 2018 e FlipMagazine c’è.

Con noi anche un collaboratore, esperto del settore da due decenni e abituato a vedere i target, i prodotti, lo stile degli stand.

All’ingresso un po’ di coda, ma tutto abbastanza scorrevole.

Il primo colpo d’occhio è l’aspetto internazionale dell’iniziativa.

E’ subito evidente la portata internazionale del Salone del Mobile 2018.

Basta guardarsi intorno e la moltitudine di visitatori stranieri è evidente, in particolar modo i gruppi compatti e interessati di giapponesi e cinesi.

Chiediamo velocemente le provenienze: i giapponesi vengono da Tokio e Osaka e altri centri, i cinesi soprattutto da Shanghai e qualcuno da Hong Kong.

Incominciando a visitare i numerosi stand, soprattutto in alcuni, gli Italiani, gli altri europei e gli statunitensi sono evidentemente una minoranza.

Gli stand sono molto belli, tutti ben allestiti e invitanti, con ampi spazi per le cucine, spesso da sogno, anche per chi non è un addetto ai lavori. Alcuni, come per esempio gli spazi di Boffi, Euromobil e alcuni altri, hanno una marcia in più.

La visione generale dell’esposizione è senza dubbio di alto livello estetico.

I punti di ristoro sono collocati in angoli ben distribuiti.

Con il passare delle ore i visitatori aumentano e fuori degli stand sul decumano si ha l’impressione della folla che chiacchiera, osserva, si muove, senza intoppi, ma con un via vai costante.

Agli stand, in alcuni soprattutto, abbiamo verificato la preparazione con le lingue straniere degli addetti alla reception. Il livello è accettabile con l’inglese, l’idioma più usato, sufficiente con il francese, buono con le lingue asiatiche, per ora una realtà ancora di nicchia, dal punto di vista, appunto, linguistico.

Questa prima giornata ci sembra l’inizio di un successo che si consoliderà nei giorni successivi e che ormai è una caratteristica pregnante del Salone.

Mauro Pecchenino

Massimiliano Teifreto


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :