Magazine Cultura

REVIEW PARTY - Falce di Neal Shusterman (Trilogia della Falce Vol.1) | Mondadori

Creato il 26 maggio 2020 da Nel @PeccatiDiPenna

REVIEW PARTY - Falce di Neal Shusterman (Trilogia della Falce Vol.1) | Mondadori
Falce di Neal Shusterman è... è... fantastico, affascinante, originale e, sviolinata meritata a parte, parliamone.
Falce è ambientato in un mondo dove la rete internet che comunemente conosciamo è diventata il Thunderhead, una mente artificiale autosufficiente, capace di gestire l’intero pianeta e dove è racchiuso tutto il sapere del mondo. Inquietate, ma allo stesso tempo quasi rassicurante perché capace di tenere tutto sotto controllo.
REVIEW PARTY - Falce di Neal Shusterman (Trilogia della Falce Vol.1) | MondadoriA cosa aspiriamo noi comuni esseri viventi? All’immortalità e all’eterna giovinezza, alla salute, oserei dire. Ma cosa accadrebbe alla terra se il normale ciclo della vita si interrompesse? Sovrappopolamento a fronte di risorse illimitate.
La vita è meravigliosa: non esistono le malattie, si sopravvive alla morte, si può decidere che età mostrare e con quale fisicità ma... C'è un MA grande quanto una casa: la morte deve continuare a esistere per il bene comune. Nascono così le falci: autorità con il compito di uccidere un certo numero di persone all’anno per evitare il sovraffollamento.Su che basi scegliere chi deve perire? Questo è un elemento fondamentale e decisamente interessante del libro, così come lo stesso ruolo di falce.Perché falce? Ovvio, perché strumento della morte.Ogni falce dovrebbe seguire una morale quando uccide e non godere nel farlo, sentire quell’azione come un dovere non un piacere. Un grande potere per un essere umano sopra la legge e che potrebbe vivere per sempre, salvo suicidio. Il potere però spesso porta corruzione e, di fatti, anche nelle falci ci sono due fazioni, coloro che seguono un’etica e coloro che se ne infischiano approfittando del loro ruolo. Anche se da entrambi i lati scorgo una sorta di sadismo, perché uccidere potrebbe essere sempre rapido e indolore, se veramente necessario, mentre le falci possono scegliere come operare: armi bianche, veleni, corpo a corpo, armi da fuoco e persino lanciafiamme.
Il mondo elaborato dall’autore è molto particolare e interessante, un futuro fantasioso dove però si denuncia in un certo senso la mancata attenzione alla privacy e l’abuso di internet che si appropria di tutte le nostre informazioni tanto da diventare un essere pensante, al di sopra della mente umana, capace di intervenire nella vita della popolazione e di suggerire come agire nel privato. Al di là di questa entità artificiale, il tema della morte è molto presente, immaginate vivere con l’ansia di poter essere scelti da una falce. 
I protagonisti di questo romanzo sono Citra e Rowan, scelti come apprendisti falce per poi ricoprire il ruolo ufficiale. Il loro mentore è Maestro Faraday una falce che per scegliere le sue “vittime” segue le statistiche di mortalità di quando ancora si poteva morire. Se da un lato abbiamo un maestro falce per bene, dall’altro abbiamo un elemento rivoluzionario Maestro Goddard che al contrario gode nell’uccidere e ama la teatralità, lui e i suoi seguaci attuano stermini di massa. Goddard odia chi come Faraday è ligio al dovere e per questo prende di mira i suoi apprendisti che a un certo punto sono costretti a dividersi. Il lettore segue la preparazione di entrambi: da un lato un allenamento violento, dall'altro empatico. Fino all’ultimo non si riesce a immaginare come possano cavarsela i due protagonisti, chi sarebbe riuscito a diventare falce e chi sarebbe... non ve lo dico.
Goddard è quel tipico antagonista rappresentato come leader carismatico le cui idee moderne attirano e accecano, nascondendone la follia.
Il finale è uno spettacolo, infonde una curiosità difficile da contenere. 
REVIEW PARTY - Falce di Neal Shusterman (Trilogia della Falce Vol.1) | Mondadori
Io tra i protagonisti ho preferito Rowan perché ha veramente lottato, buttato il sangue, dovuto adattarsi ad azioni spregevoli e poi è quello che sul finale dà, a mio parere, l’appiglio più accattivante.
Il rapporto tra Rowan e Citra non è particolarmente approfondito, ma non ne ho sentito la mancanza, in qualche modo sono risucita comunque a percepirlo.
I personaggi secondari sono vari, alcuni più importanti di altri e anche loro si dividono per moralità e convinzioni.
Il romanzo è molto discorsivo, tra i capitoli sono poste pagine di diario di diversi personaggi, in quanto le falci sono obbligate a compilare un resoconto quotidiano delle loro azioni.
Falce di Neal Shusterman è stata una grande avventura alla scoperta di un nuovo assurdo mondo, una lettura entusiasmante, penso che a oggi sia la migliore di quest’anno. Primo di una serie, non vedo l’ora esca il seguito.
REVIEW PARTY - Falce di Neal Shusterman (Trilogia della Falce Vol.1) | Mondadori
Un mondo senza fame, senza guerre, senza povertà, senza malattie. Un mondo senza morte. Un mondo in cui l'umanità è riuscita a sconfiggere i suoi incubi peggiori. A occuparsi di tutte le necessità della razza umana è il Thunderhead, un'immensa, onnisciente e onnipotente intelligenza artificiale. Il Thunderhead non sbaglia mai, e soprattutto non ha sentimenti, né rimorsi, né rimpianti. Quello in cui vivono i due adolescenti Citra Terranova e Rowan Damisch è davvero un mondo perfetto. O così appare. Se nessuno muore più, infatti, tenere la pressione demografica sotto controllo diventa un vincolo ineluttabile. Anche l'efficienza del Thunderhead ha dei limiti e non può provvedere alle esigenze di una popolazione in continua crescita. Per questo ogni anno un certo numero di persone deve essere "spigolato". In termini meno poetici: ucciso. Il delicato quanto cruciale incarico è affidato alle cosiddette falci, le uniche a poter decidere quali vite devono finire. Quando la Compagnia delle falci decide di reclutare nuovi membri, il Venerando Maestro Faraday sceglie come apprendisti proprio Citra e Rowan. Schietti, coraggiosi, onesti, i due ragazzi non ne vogliono sapere di diventare degli assassini. E questo fa di loro delle falci potenzialmente perfette.
Testo fornito dall'editore

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog