Magazine Bellezza

[Review] Sono una brava ragazza, di Penelope Bloom

Creato il 12 giugno 2019 da Valentina
Buondì lettori,
oggi voglio portarvi il mio parere su Sono una brava ragazza, romanzo divertente e piccante di Penelope Bloom, primo della Attraction Series.

[Review] Sono una brava ragazza, di Penelope Bloom


Titolo: Sono una brava ragazza
Autore: Penelope Bloom
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 9 maggio 2019
Pagine: 224
Prezzo: 9,90 €
Link Amazon: https://amzn.to/2EMPeZ2
Oggi sono più vicina di quanto lo sia mai stata al mio obiettivo: diventare una giornalista d’inchiesta. Basta con i soliti trafiletti sul meteo o sull’importanza di lavarsi le mani, questa è la mia grande occasione per dimostrare che non sono più la ragazza imbranata e pasticciona di sempre. Ho ottenuto il mio primo, vero incarico per un super articolo sulla corruzione nelle grandi aziende. Per farlo, devo infiltrarmi come una moderna James Bond alla Galleon Enterprises. Per ottenere il posto da stagista c’è da superare il colloquio con un certo Bruce Chamberson, così potrò indagare su un presunto giro di corruzione. Mi sento davvero concentrata, non mi posso permettere di fare errori. Ma perché mi tremano le gambe adesso che l’uomo più bello che abbia mai visto è entrato nella sala d’attesa e mi sta guardando in cagnesco mentre faccio colazione? Ogni capo ha le sue regole e apparentemente Bruce non sopporta che qualcuno tocchi la sua frutta. Soprattutto la banana che gli viene lasciata fuori dall’ufficio ogni mattina, quella di cui non può fare a meno, e che io avevo scambiato per un gentile omaggio…
“Natasha era piombata nella mia vita in modo maldestro, aveva inciampato, era scivolata e si era schiantata contro le mie difese, ma alla fine le aveva abbattute tutte, in una perfetta coreografia a due tra la sua goffaggine e il destino.”

Adoro le commedie divertenti e questa è stata per me una bella boccata d'aria fresca. Letto tutto d'un fiato, con un ritmo calzante e piccante, Sono una brava ragazza ci porta nei panni di Natasha, una giornalista di New York giovane e alle prime armi, alle prese con un lavoro che ama ma in cui non riesce a dare il meglio di sè, un monolocale piccolo ma caro, una vita sentimentale inesistente e la sua irrefrenabile sbadataggine.
Non può assolutamente perdere l'occasione che il capo le serve su un piatto d'argento: dovrà fingersi stagista per scoprire cosa tramano i fratelli Chamberson alla Galleon Enterprises, una delle più grandi aziende di marketing di New York, e tentare di cambiare la sua carriera di giornalista.
Sostenere il colloquio alla Galleon Enterprises sarà semplice, come mangiare una banana!
Natasha si ritroverà ad essere sfruttata da Bruce Chamberson, l'imprenditore più affascinante ed intransigente che ci sia, dovrà passarlo a prendere tutte le mattina con l'auto aziendale, che con la sua guida finirà più ammaccata del solito, portargli la banana perfetta tutte le mattine alle 10.00, affiancarlo alla maggior parte dei pranzi di lavoro ed assisterlo in qualsiasi cosa, come fargli da caddy in una partita a golf. Ah, il tutto, ovviamente, senza essere pagata, perchè sembra che sia l'unico modo per Bruce per renderle la vita impossibile.
Tra Natasha e Bruce nascerà un rapporto di amore/odio unico... e piccante!
"Dovetti girare tre diversi supermercati per riuscire a trovare una banana che non avesse sfumature verdi nè ammaccature marroni su di sè. Non l'avevo mai visto così serio come quando mi aveva elencato le caratteristiche che doveva avere la banana. Lunga almeno venticinque centrimetri. Dura. Nessuna macchiolina. Nessuna venatura verde. Mi fece unire le mani, in modo che avessi un metro di paragone per misurarla: doveva essere della lunghezza giusta e abbastanza grande, ma non troppo. Sembrava che mi stesse insegnando come disinnescare una bomba nascosta nel seminterrato di una scuola materna."

Impossibile non voler bene a Natasha, una ragazza sbadata e un po' sfigatella ma con una grinta fuori dal comune e che non teme alcuna difficoltà. E' anche per questo che nonostante sia giornalista (lavoro dei suoi sogni) in un piccolo giornale, le vengono dati solo incarichi semplici e per nulla entusiasmanti. Ma finalmente un giorno le viene proposto il lavoro che potrà dare una svolta alla sua carriera e ci si butta a capofitto, non senza figure imbarazzanti.
Bruce è invece l'esatto opposto di Natasha, abitudinario, maniaco dell'ordine, con la giornata organizzata minuto per minuto e perseguendo sempre il motto "non fare lo stesso errore due volte". Ai più può apparire freddo e distaccato ma è un uomo dal cuore d'oro e con un passato burrascoso che continua a mettergli i bastoni tra le ruote. Per non parlare delle donne, non si fida più di loro.
La sbadata ed il perfettino formano insieme una coppia fantastica, i loro dialoghi sono ironici, pieni di doppi sensi e frecciatine.
Lo stile frizzante ed ironico di Penelope Bloom è la punta di diamante di questo romanzo, divertente e pieno di sarcasmo. I personaggi protagonisti sono descritti alla perfezione, a scapito purtroppo dei personaggi secondari, di cui abbiamo avuto solamente un'infarinatura generale, perchè a mio avviso alcuni personaggi, come William, potevano essere ampliati molto di più.

[Review] Sono una brava ragazza, di Penelope Bloom

ringrazio la CE per la copia omaggio


Mi mancava leggere di una protagonista divertente, che non si prende sul serio, con la risposta sempre pronta. Per non parlare di un protagonista affascinante, sensuale ma anche rigido e con un passato burrascoso alle spalle. Tra loro saranno scintille, non potete perdervi questa piccante avventura da leggere tutta d'un fiato.
Inoltre è uscito da poco Voglio un bravo ragazzo, il secondo romanzo della  Attraction Series, con protagonista William, il fratello gemello di Bruce, che abbiamo iniziato a conoscere in Sono una brava ragazza.
Punto di forza: divertente ed ironico
Punto di debolezza: romanzo incentrato unicamente sui due protagonisti, personaggi secondari quasi inesistenti


[Review] Sono una brava ragazza, di Penelope Bloom

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog