Magazine Viaggi

Ricette green in quarantena, cucinare con gusto

Creato il 11 maggio 2020 da I Viaggi Di Monique @viaggidimonique

Cosa ho fatto principalmente durante i due mesi in questa quarantena?

Beh, quello che ha fatto la maggior parte di noi, ovvero, cucinare.

Ed eccolo qui il nostro Made in Italy.

Lo stare ai fornelli, separati o in coppia, in famiglia o in solitaria. Più o meno tutti in questo periodo di quarantena ci siamo messi in cucina.

C’è chi ha scoperto una passione, chi ha affinato le proprie doti culinarie, c’è chi, come me, ha sbagliato dosi per torte e biscotti, e ha coinvolto mamma e suocera nella ricerca del lievito per la pizza…introvabile quanto la pietra filosofale.

Ho cucinato.

Non è diventato il mio nuovo grande amore la cucina, ma ho scoperto gusti e ricette del tutto nuove per me, soprattutto grazie ai consigli di mia sorella, vegetariana.

Ho mantenuto il tocco green nel piatto, senza rinunciare però al pesce per esempio, che io amo, e ho scovato ricette gustose sia dolci che salate, che ho pensato di condividere con voi.

Speriamo di tornare presto ad una normalità, magari del tutto nuova, ma di sederci tra tavoli di bar e ristoranti. Di gustare una pizza in compagnia, che è la cosa che in fondo ci manca più del cibo, la compagnia di amici e cari.

Ma nel frattempo mi dedico ad una cucina più sana, più colorata, più ricca di ingredienti, nuovi e decisamente interessanti.

Ricette Green in quarantena, cucinare con gusto:

PANCAKES VEGANI SENZA BURRO E SENZA UOVA

Dopo aver visto almeno cento scatti di pancakes cucinati in questi due mesi di quarantena, non ho saputo resistere e mi sono concessa una domenica golosa anche io. Non potendo mangiare nè uova nè burro però, ero restia nel preparare i pancakes vegani, ero convinta che non sarebbero venuti un granchè.

In realtà i pancakes con latte di mandorla sono stati una svolta davvero buona (ideali anche per mio nipote intollerante ai latticini).

Dosi per 6/7 pancakes circa:

125gr di farina di riso

2 cucchiaini di lievito

200ml di latte di mandorla (o latte di riso)

2 cucchiai di olio di semi

1 cucchiao di zucchero (normale o di canna)

Con la frusta elettrica, o se preferite a mano, amalgamare farina, lievito e olio. Aggiungere latte e zucchero per  ottonere un composto omogeno senza grumi.

Scaldare molto bene il padellino in cui verserete un cucchiaio di composto per volta.

Nota: potete ungere il padellino con olio oppure con olio di cocco, che io uso a volte per cucinare.

E’ importante che il padellino non sia tanto grande e che sia veramente bollente, così da dare un tocco più “abbronzato” ai pancakes, altrimenti senza uova risulterebbero un tantino pallidi.

Potete mangiarli con marmellata alla fragola, frutta fresca o il classico sciroppo d’acero.

Ricette green in quarantena, cucinare con gusto

POLPETTE DI CECI o MELANZANA SENZA UOVA AL FORNO

Le polpette sono per me un ricordo di bambina, perchè all’asilo il mio piatto preferito, o forse l’unico che le maestre riuscivano a farmi mangiare, erano le polpette accompagnate da una buona porzione di purè di patate.

Crescendo ho cominciato a non mangiare quasi più la carne, tranne rare occasioni in cui mi concedo del pollo bio, per il resto non fa proprio per me (non per un discorso etico o vegetariano, la carne proprio non mi piace).

Così in questa quarantena, ritrovandomi in dispensa barattoli di ceci pronti per fare l’hummus, e qualche melanzana in più, ho cucinato le polpette in queste due varianti, molto simili.

Ingredienti per le Polpette vegani di ceci senza uova:

1 barattolo di ceci lessati già pronti

1 o 2 patate medie

1 carota media

cipolla

prezzemolo

pangrattato

olio e sale

Consiglio di usare i ceci lessati già pronti in barattolo, veloci e facili da cucinare perchè basta sgocciolarli per bene (le dosi variano in base a quante persone siete, ma io consiglio di utilizzare tutto il barattolo di 400gr).

Fate lessare in un pentolino le patate, la carota e la cipolla in modo che diventino morbide e facili da amalgamare.

Frullate bene i ceci con un cucchiao di olio extra vergine d’oliva, un pizzico di sale, prezzemolo. Aggiungete una patata lessa grande o due medie, una carota media,  e pangrattato quanto basta. Non ho dosi giuste da fornirvi perchè la consistenza la verificate man mano che preparate il composto che deve essere compatto così da poter fare le polpette.

Per un gusto più ricco, aggiungete una spolverata di paprika dolce (un cucchiaino).

Non mettendo l’uovo vi potrà sembrare un po’ “slegata” la ricetta, ma in realtà le verdure lesse riusciranno a creare la giusta morbidezza. Create delle palline con le mani e impanatele nel pangrattato, se vi va aggiungete dei semi di papavero o sesamo nel composto.

Disponete le polpette in una teglia con carta da forno, e informate in forno statico per circa 15 minuti a 180 gradi. Irrorate le polpette con un filo d’olio e controllate la cottura, se le volete più croccanti cuocete ancora per qualche minuto con forno ventilato.

Ingredienti per Polpette vegane di melanzane senza uovo:

1 Melanzana rotonda grande  o 2 medie

1 patata grande

pangrattato

prezzemolo

olio e sale

aglio

Sbucciate, tagliate a pezzetti e lessate la melanzana insieme alle patate in una pentola per circa 10 minuti. Verificate che la patata sia morbida, ma soprattutto una volta scolata la melanzana, strizzatela per bene ed asciugatela un pochino per evitare che sia troppo acquosa per l’impasto.

Frullate melanzana e patate con pangrattato, olio extra vergine, un pizzico di sale (se preferite potete aggiungere un pizzico di farina, non troppa perchè altrimenti rimane un impasto stopposo). Aggiungete il prezzemolo, uno spicchio d’aglio piccolo e se volete aromatizzare le polpette, aggiungete anche del basilico e del parmigiano.

Per la versione piccante, se vi piace, aggiungete del peperoncino e magari anche dei pomodori essiccati al composto.

Ottenete delle piccole polpette e impanatele nel pangrattato, per poi adagiarle in una teglia da forno.

La versione light prevede anche qui la cottura in forno a 180 gradi, non di più perchè altrimenti bruciano, per circa 15 minuti in forno statico, ventilato se le volete più croccanti.

Ricette green in quarantena, cucinare con gusto

INSALATA VEGAN DI POLLO, OVVIAMENTE SENZA POLLO

Premessa. Sono sempre stata un po’ restia ad assaggiare ricette vegan, sarà che ho il ricordo del tofu, che proprio no! Non mi piace per niente.

Così, quando mia sorella si è presentata ad un pranzo di famiglia tempo fa con la sua insalata vegana di pollo, ovviamente senza pollo, ero decisamente scettica.

Ma curiosa.

Anche perchè credetemi che il risultato estetico è identico. Cioè, se uno non annusa o assaggia, può davvero pensare che quello sia pollo, e invece no.

Ingredienti:

Filetti di quorn (se state esclamando “cosa scusa?”, beh l’ho detto anche io tempo fa)

carote

olive taggiasche

noci

pomodori secchi

Alla domanda “ma che cos’è il quorn” gioco l’aiuto da casa chiedendo a mia sorella, vegetariana, e divoratrice di questa proteina che è davvero un’alternativa alla carne. Di fatto potremmo brevemente riassumere che il quorn è un fungus, ma se volete saperne di più vi rimando al sito ufficiale del quorn, che no, non è una parolaccia.

La ricetta è molto semplice, ma il guaio è trovare il quorn, perchè qui in Italia è ancora un alimento poco diffuso, perlomeno dove vivo io.

Cuocete in una padella unta d’olio i filetti di quorn, solitamente la confezione ne contiene due. Rosolateli per bene, ma senza farli bruciare. Fateli raffreddare e poi tagliateli a pezzetti (vedrete, avranno l’aspetto ed il colore del pollo).

Unite le carote tagliate a julienne, consiglio di lasciarle marinare un pochino con olio e succo di limone così che siano più gustose; aggiungete le olive taggiasche tagliate a pezzettini, le noci e i pomodori secchi ed ovviamente il quorn. Salate, ma non troppo, e aggiungete anche dei crostini di pane, preferibili senza sale.

Che ne dite?

Da scettica ne ho mangiati due piatti, ed ora sono alla ricerca dei filetti di quorn (vi farei vedere la faccia di marito quando al supermercato da solo, per la quarantena, si aggirava nel banco frigo cercando l’anomalo ingrediente non pervenuto).

Ricette green in quarantena, cucinare con gusto

SMOOTHIE DI AVOCADO, MELA E MANDORLE

Ho una fissa per l’avocado. Lo so, sarà di moda, ma è davvero buono!

Dall’avocado toast, al guacamole, e perchè no, al frullato.

Ora che le giornate sono decisamente più calde mi piace iniziare la giornata con una colazione ricca di energia e frutta, e lo smoothie, ergo frullato, è davvero una buona soluzione.

Inutile dirvi che on line trovate mille mila versioni a base di frutta, latte o yogurt. E io stessa amo variare e provare combinazioni diverse.

Per una partenza davvero sprint al mattino, oppure dopo l’attività sportiva, questo smoothie con l’avocado è davvero ricco di proteine buone e sane.

Semplicemente frullate mezza mela, verde, e senza buccia; mezzo avocado (schiacciatelo per bene prima), aggiungete latte di mandorla oppure di avena, o se preferite usate 100/125gr di yogurt greco magro.

Decorate con le mandorle e scaglie e voilà.

Non mi sono convertita ad un blog di cucina, questo è e rimane un blog di viaggi, racconti e chicche. Ma ho pensato di condividere con voi anche queste piccole e semplici ricette perchè questa quarantena è stata per noi la scoperta o la riscoperta di tante cose.

Dalla lettura al cibo, dallo sport al relax e alla cura di noi stessi.

E chissà, magari ci ha fatto davvero bene non sentire troppo rumore.

Ricette green in quarantena, cucinare con gusto

ricette-vegan-quarantena-cosa-cucinare
pancakes-vegani-ricetta
pancakes- vegani-ricetta

Share


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog