Magazine Ricerca

Ridurre il dolore del bebè solo con una carezza!

Creato il 20 dicembre 2018 da Laricercascientifica

Soprattutto nei primi mesi di vita il pianto del neonato è improvviso e continuo.

Le motivazioni della sua disperazione possono essere molteplici, ma, senza dubbio, una spiegazione per cui il bimbo piange in maniera del tutto isterica e inconsolabile è che il pianto è il suo unico mezzo di comunicazione con il mondo esterno.

Il neonato piange perchè ha fame, perchè ha mal di pancia, per il dolore che prova ai denti, perchè è disturbato da qualcosa che infastidisce il suo riposo. Ai genitori l’arduo compito di interpretare il pianto e di cercare una soluzione in grado di tranquillizzare il bambino.

Secondo la scienza un buon metodo per ridurre la sensazione di dolore nel neonato, ad esempio, è quello di accarezzarlo: la conclusione arriva dopo uno studio condotto dai ricercatori della University of Oxford e pubblicato sulla rivista Current Biology.

Gli scienziati hanno monitorato l’attività cerebrale dei neonati, che dovevano essere vaccinati, mediante elettroencefalogramma, evidenziando il tipo di risposta del cervello allo stimolo di una spazzola che li accarezzava delicatamente.

Dai risultati del test si è scoperto che la carezza riduce l’attività cerebrale nei soggetti diminuendo, di fatto, il dolore sofferto per la puntura.

Ma qual è la carezza perfetta? Quella che mantiene, secondo gli scienziati, una velocità di circa 3 centimetri al secondo, che è un pò il tipo di carezza che già viene fatta dalle nostre madri o dai nostri padri come gesto innato.

La spiegazione scientifica di questa scoperta è legata all’attivazione, mediante una semplice carezza, di alcuni neuroni sensoriali sulla pelle chiamati C-tattili che sono in grado di ridurre il dolore percepito dal bebè.

Il suggerimento degli esperti, quindi, è quello di cercare di accarezzare il proprio bambino più volte durante tutte quelle situazioni, come appunto il vaccino, di maggior disturbo o fastidio.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog