Magazine Opinioni

Riprendiamoci le parole, e custodiamole! Un progetto che può anche essere politico.

Creato il 13 ottobre 2011 da Minerva Jones
Riprendiamoci le parole, e custodiamole! Un progetto che può anche essere politico. Una delle ragioni per la quali Minerva è esasperata dai politici attualmente al potere è che l'immaginario mediocre, deprimente, disumano e patetico cui ci hanno sottoposto e che continuano a tirare a inculcarci come modello di felicità, benessere e successo (ma per favore!), si nutre di parole che costoro ci hanno rubato e delle quali fanno un uso perverso - ben distante dal loro significato originario. Ma "le parole sono importanti", perché è attraverso queste che diamo forma ai concetti e alle nostre esperienze - ben consapevole ne è chi abitualmente traduce tra lingue differenti, dove in una hai bisogno di fare un 'giro di parole' (perifrasi) per esprimere quel concetto che in un'altra lingua è riassunto in un singolo termine.
In un post molto agguerrito di alcuni mesi fa esprimevo proprio il mio rifiuto, disgusto e disprezzo per questo processo. Come già scrivevo allora, la parola 'libertà' in bocca a chi pretende di regolamentare questioni così private che investono la medesima gestione personale del nostro corpo fosse un evidente paradosso (nonché un abominio), così come il termine 'amante' – potenzialmente ricchissimo di connotazioni di dono d’amore appassionato (e gratuito) – è ora decaduto a designare persone che vivono ruoli sgradevoli in relazioni fasulle.
Riprendiamoci le parole, e custodiamole! Un progetto che può anche essere politico.Benissimo: abbiamo ora la possibilità di partecipare a un progetto collettivo per riprenderci le parole, custodirle e difenderle. La Società Dante Alighieri, che pubblica i dizionari più diffusi in Italia, lancia il progetto "Adotta una parola", con il quale chiunque può candidarsi (volontariamente ma anche senza alcuna spesa: il progetto è interamente gratuito) a divenire custode per un anno di una parola a sua scelta della lingua italiana - impegnandosi a diffonderne il significato corretto, partecipare alle discussioni che la riguardano, segnalare alla società in oggetto gli usi errati (o perversi!) della medesima.
"La rivoluzione comincia a casa", scrivevano gli Hüsker Dü. Perfetto: possiamo essere profondamente rivoluzionari e cominciare a cambiare le cose anche solo coi nostri computer e le nostre connessioni internet. E, ciliegina sulla torta, lo facciamo all'interno del 'sistema', con i suoi stessi strumenti (date un'occhiata ai credits della società...). Non vi sentite già dei brillanti bombaroli dotati delle armi migliori - ovvero la scrittura, l'intelligenza e un po' di strategia? ;-)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un insulto

    insulto

    Gian Antonio Stella, oggi, sul Corriere, scrive così: Un cittadino non può accettare di andare in pensione un paio di decenni dopo chi ancora può lasciare... Leggere il seguito

    Da  Kris
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • Un ricordo…

    ricordo…

    21 gennaio 2012 Un anno fa, Carlo postava il suo primo commento al mio blog. Se ben ricordo, era un post dedicato all’alzheimer, che aveva colpito una mia... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Un tramonto…

    tramonto…

    Un tramonto che toglie il respiro. Vorrei ringraziare il mio amico Chet Apichet del Goddard Space Flight Center per avermi fornito queste foto.Cape Sounion,... Leggere il seguito

    Da  Sabrinamasiero
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Un minialbum

    minialbum

    E’ quasi Pasqua e io non ho fatto niente di pasquale…ma sono così stressata dal lavoro :( e come se non bastasse mi è venuto un raffreddore pazzesco…comunque... Leggere il seguito

    Da  Labottegadimelany
    CREAZIONI, HOBBY
  • Un vincitore

    vincitore

    E’ strano. Com’è naturale, uno pensa sempre alla propria vita, alle proprie piccole cose, agli impegni, all’orizzonte più vicino. Leggere il seguito

    Da  Ladylindy
    DA CLASSIFICARE
  • Un bambino

    bambino

    Sono ancora visibili, fino a sabato 30 aprile presso le Officine Minganti di Bologna, le tavole di Sonia Possentini, giovane reggiana, i cui lavori esulano dall... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Un segnale

    segnale

    foto Loretta Campomaggi Se c'è un aspetto della notra vita (a tratti molto incasinata) che ancora mi intristisce, è la mancanza di tempo da dedicare... Leggere il seguito

    Da  Contofinoa3
    MATERNITÀ, PER LEI

Dossier Paperblog

Magazine