Magazine Mondo LGBTQ

Rita Bernardini pubblica la sua busta paga da deputato: "Vi dico io come tagliarla"

Da Albamontori @albamontori

Ecco cosa fa una parlamentare sinceramente onesta!

Ho spesso sostenuto di fronte ai piagnistei sulla diffusa e insostenibile  povertà del nostro Paese, dei suoi cittadini a tutti i livelli, classi dirigenti e parlamentari compresi, che in realtà  dimostriamo ogni giorno da anni, da che ricordo, che la situazione Italiana è ben diversa da quella che si pretende sia. 

Il popolo dei lavoratori stipendiati italiani, quello che paga le ritenute ( leggi tasse) anticipate e alla fonte, si può permettere da anni ( diciamo così anche perché non può fare diversamente, grazie alle leggi, ai partiti, alle chiese, persino ai sindacati) di mantenere non solo decentemente, ma nel lusso spesso sfrenato e ammirato, la classe dirigente e politica, ma anche la classe imprenditoriale, artigiana e commerciale, sempre più estesa e ingorda. La Casta insomma. Accanto alla Mafia, altrettanto ingorda, anche se meno pubblicizzata.

Il che dimostra che in realtà in pochi si riesce a produrre una notevole ricchezza, che se fosse distribuita e utilizzata veramente a vantaggio di tutti produrrebbe benessere diffuso e servizi certo ben migliori di quelli che ci vengono elargiti.

Come mai mi può venire in mente una cosa del genere ?  E' molto semplice, ci sono dei fatti che dimostrano che la realtà è ben diversa da quella che ci viene raccontata proprio da costoro, di cui fanno parte anche i media. 

Perché sono realtà che non sfuggono a chi, dall'Est europeo, dall'Africa, dall'Asia, dal SudAmerica, decide di spendere tutto ciò che ha, magari si indebita pure, per venire qui a lavorare, sicuro di trovare comunque modo non solo di sopravvivere, ma di riuscire a guadagnare abbastanza da mandar soldi a casa.

 Essere eletti a rappresentare i cittadini per dare forma e attuazione alle loro necessità e diritti è un servizio alla collettività, non può e non deve essere considerato un mestiere, anzi una professione, profumatamente retribuita e privilegiata, al di sopra di ogni controllo.

I radicali si sono sempre opposti a queste forme di malcostume, denunciandone  i pericoli, gli abusi, gli sprechi, l'ingiustizia e la profonda inciviltà politica, mostrando col loro esempio come tale malcostume possa e debba essere palesato, denunciato, in modo da porvi fine ed evitarne gli sprechi e l'ingiustizia a favore della collettività. Naturalmente la Casta e i suoi ammiratori, gli aspiranti emulatori dei "furbi" e dei profittatori, non hanno mai apprezzato la politica, anche personale, dei radicali

E sono orgogliosa di aver contribuito ad eleggerne ben 9 in questa legislatura. Capisco anche che diano fastidio a quelli che non sono e non vogliono essere così, onesti e trasparenti. 

>>Nel 2008, in occasione delle elezioni politiche, è nata la delegazione radicale nel gruppo del Partito Democratico. 
Nove Radicali sono stati eletti in Parlamento: la vicepresidente del Senato Emma Bonino, i senatori Marco Perduca e Donatella Poretti, i deputati Marco Beltrandi, Rita Bernardini, Maria Antonietta Farina Coscioni, Matteo Mecacci, Maurizio Turco e Elisabetta Zamparutti.
I dati riguardanti le loro attività pubblicati su questo sito sono tratti dal sito Open Parlamento.

Per conoscerli meglio visita anche la sezione a loro dedicata: Eletti Radicali, nel menu Chi Siamo.

Da Radicali italiani.it 07/01/2012


Rita Bernardini con i cedolini parlamentariLa denuncia: "I collaboratori pagati in nero sono centinaia: devono essere pagati dall'Ente e non dal parlamentare. Inoltre giustificare tutte le spese."Intervista pubblicata dal Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno (articolo di Francesco Ghidetti)
Rita Bernardini, esponente della pattuglia radicale eletta nelle liste del Pd a Montecitorio, ci mostra la sua busta paga (guarda PDF »). "Specifico subito. Non c’è ‘una’ busta paga. Ma treIl primo cedolino, inviato dal gruppo parlamentare, prende il nome di ‘Rimborso per spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettore’. Il secondo è ‘l’Indennità’. Il terzo è la ‘Diaria’. Inoltre, ogni tre mesi arriva un altro cedolino di 3.323,27 euro per spese di viaggi e trasporti. Infine, ogni sei mesi ecco i 3.098,74 euro per le spese telefoniche". Scarica e guarda i cedolini (pdf) »
Lei quanto si mette in tasca pulito?"Non è un calcolo facile. Varia di mese in mese. Al mio partito verso mensilmente 5mila euro. Poi, ne spendo altri 1.200 per una consulenza e altri 800 per un contratto a progetto, ovviamente entrambi regolari".
In tutto ne prende 14mila, no?"Sì. Leviamo i settemila tra partito e contratti di consulenza e collaborazione. Poi ci sono i contributi extra, le iscrizioni e il discorso dei viaggi...".
Che non pagate."Sì, il trasporto. Ma quando si è fuori per visitare carceri come ho già fatto per almeno 180 volte, o per presenziare a un convegno, spesso si deve trovare un albergo e anche un posto dove mangiare... anche se noi radicali con gli scioperi della fame risparmiamo molto in tempo e denaro: tre cappuccini al giorno e non ci pensi più!".
Collaboratori: molti sono in nero. Vero? Falso?"Verissimo. Su 630 deputati, quelli che hanno stipulato un regolare contratto sono circa 230... Gli altri si intascano i soldi oppure, appunto, pagano in nero".
La Camera non potrebbe pagarli direttamente?"È la proposta radicale mutuata dal Parlamento europeo. A Bruxelles i collaboratori vengono direttamente remunerati dall’organo istituzionale".
Sulle altre voci tutto bene?"No. Noi radicali chiediamo che vengano tutte rendicontate, per usare una brutta espressione. Vai in una città? Mi dici il motivo. Telefoni? Me lo devi giustificare. Magari poi si scopre che per fare bene il tuo lavoro spendi più di quanto è previsto".
Perché un eletto a Roma dovrebbe avere la diaria?"Infatti. Si potrebbe eliminare o ridurla drasticamente per i romani; per gli altri chiederei le ricevute degli affitti pagati".
Costi della politica: che fare subito?"Abolire il finanziamento pubblico ai partiti come volle il popolo italiano nel referendum radicale del 1993. Popolo italiano preso in giro: si pensi che da quell’anno le uscite sono aumentate di cinque volte. E poi voglio rivendicare un nostro successo quando abbiamo denunciato la follia degli affitti che la Camera paga e continua a pagare. Autocastrazione pura: Montecitorio non ha previsto clausole di recesso dei contratti. Per ogni deputato si spendono 9mila euro al mese. Per 630...".
Altre voci?"Prenda le trattenute per l’assegno vitalizio, per l’assistenza sanitaria, e per il Tfr: queste sono tutte amministrate in un ‘fondo di solidarietà’ gestito direttamente dagli onorevoli questori. Ebbene, questo fondo ha accumulato nel corso degli anni un bel tesoretto: circa 140 milioni. Utilizziamoli".
Per che cosa?"Servizi ai parlamentari. Lì bisogna investire. Più banche dati, più ricerca, più conoscenza".
E l’anagrafe pubblica degli eletti?"Noi la volevamo obbligatoria ma, grazie a una nostra proposta, oggi chi firma la liberatoria può dettagliare il proprio reddito e i propri interessi economico-finanziari su www.camera.it. Finora l’hanno fatto 216 parlamentari su 945, ma sono convinta che entro la fine della legislatura questa piccolo successo di trasparenza lo porteremo a casa". Rita Bernardini pubblica la sua busta paga da deputato: Condividi484
Leggi altri articoli su:
  • Eletti
  • Partitocrazia
  • Trasparenza
<a href="http://www.facebook.com/people/Alba-Montori/725928608">Profilo Facebook di Alba Montori</a>

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog