Magazine Diario personale

Ritrovare un senso comune (di cosa è successo dopo il mio post sul selfie di Salvini)

Creato il 20 agosto 2018 da Cristiana

Da un paio di giorni, dopo il mio post "sommesso" sul selfie di Salvini (che riporto qui sotto per evitare che dobbiate andarvelo a cercare e vi dividiate di nuovo nel tifo a cui ho, mio malgrado, assistito in questi giorni)

Ritrovare un senso comune (di cosa è successo dopo il mio post sul selfie di Salvini)

mi arrivano 3 tipi di messaggi:

1) messaggi delle persone - credo quelle più simili a me - che vogliono ricostruire la sinistra, che si sentono orfane, senza casa. Che detestano la politica antimigranti di questo governo, ma sanno che non è continuare a passare il tempo contestando la cafonaggine o l'ignoranza dei nuovi governanti che riporterà la sinistra al governo. Piuttosto serve una lettura complessa della realtà e il mio post evidentemente ne ha offerto occasione. essere avversari non significa demonizzare qualsiasi gesto (per quanto espressione di un modo di essere), ma offrire un'alternativa. certo per offrire un'alternativa serve conoscere il Paese.

2) messaggi di persone di sinistra (!?) che sostengono che nel mio post avrei giustificato (in cosa? ho solo descritto cosa avevo visto in un video) Salvini che poiché è un criminale uccide i migranti in Libia quindi sono comparabile ai collaborazionisti (qualcuno ha proprio citato i nazisti), insomma la gente come me è la causa stessa della fine della sinistra, del mondo, ecc. A loro dico: anche io penso che sia criminale rimandare indietro i migranti (lo ho anche scritto nel post, ma evidentemente la negazione della complessità è troppo facile) . Lo scrivo dalla scorsa estate. Lo risolviamo commentando un selfie o cercando di tornare tra la gente a spiegargli che l'immigrazione è un'opportunità? Lo sapete perché la gente ha paura? Perché negli anni in cui abbiamo governato NON abbiamo modificato ad un livello degno del resto d'Europa il sistema di integrazione. E in questa mancanza abbiamo mostrato tutto il nostro elitarismo del cazzo, senza capire che in alcune zone del Paese la convivenza andava in mille pezzi. E i risultati li vediamo nelle urne. Lo dico da tutore di un minore migrante non accompagnato.

3) messaggi di persone di destra, della Lega o del M5S che mi ringraziavano per l'onestà intellettuale. Sperando che siate ancora qui vi dico una cosa: questa è la bacheca di una donna, ingegnere, lesbica, antifascista, liberale statalista (con le sue idee sulla nazionalizzazione di alcuni asset di Stato: reti, scuole, sanità ci tornerò a breve) militante per i diritti delle famiglie omosessuali e della comunità LGBT, manager di una multinazionale e da 3 anni anche al servizio dello Stato nel CDA Anas, la bacheca di una persona che è stata una renziana (e se quella definizione definisce una lista di idee lo sono ancora, forse più di Renzi) perché pensava che quello sarebbe stata la stagione per cambiare il Paese. Malgrado questo non ho lesinato critiche negli anni al PD guidato da Renzi quando il PD fece cadere la giunta Marino e quando l'estate scorsa al grido di "aiutiamoli a casa loro" anche il PD ha ceduto alla presunta pancia del Paese sul tema immigrazione, cominciando la criminalizzazione delle ONG. Per questo ho votato Più Europa e mai, dico mai, potrei votare un partito di destra, il M5S o la Lega. Non vi considero nemici, ma vi considero avversari, non vi combatterò sui vostri difetti fisici, su cosa fate nella vostra vita privata, vi combatterò sempre e solo con la forza delle idee

In generale: io penso che dal dopoguerra e fino ad un certo punto, nella ricostruzione, la comunità del Paese abbia trovato una forma comune, persino nella dialettica PCI, DC. Penso che ci sia stato un momento in cui quel senso di comunità si sia dissolto. Penso che sia anche colpa di non avere affrontato la storia del ventennio fascista come si deve, liquidandola come se non fosse successo nulla. Penso che dovremmo fare come fanno alcune tribù africane che si sono massacrate, penso che dovremmo sederci tutti intorno ad una grande quercia e parlarci. I social non funzionano molto bene come quercia, ma abbiamo bisogno di ritrovare un senso comune. Con quello, forse, poi potremo tutti insieme occuparci dei beni comuni, che poi sarebbe dovuto essere il tema della settimana. Però abbiamo tutti parlato di un selfie.

Ritrovare un senso comune (di cosa è successo dopo il mio post sul selfie di Salvini)

Classe 1976, ingegnere meccanico, da settembre 2017 sono tornata a vivere a Roma dopo un'esperienza in FCA Netherlands (e una ventina di traslochi in giro per l'Italia) come Managing Director, per assumere la carica di Sales Director per Mazda Motor Italia, un marchio automobilistico fuori dagli schemi che crede in cose in cui nessuno crede dal motore rotativo ai motori benzina che funzionano come i diesel e inquineranno meno dei motori elettrici. Da maggio 2015 siedo nel Consiglio di Amministrazione (CDA) di ANAS, cercando di servire il Paese e di dare un piccolo contributo per colmare il gap infrastrutturale italiano. Di notte scrivo libri: Quattro ed.Il Dito e La Luna 2006, Verrai a Trovarmi d'inverno ed. Hacca, 2011, "Ho dormito con te tutta la notte", ed. Hacca 2014. Vedi tutti gli articoli di calicata

Pubblicato


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :