Magazine Lifestyle

Roberto Cavalli in Un'Intervista fra Moda, Sesso, Matrimoni e Gay

Creato il 16 luglio 2011 da Fashionestasi @FashionEstasi
Roberto Cavalli in Un'Intervista fra Moda, Sesso, Matrimoni e Gay In'un intervista in esclusiva al Vogue Britannico, lo stilista toscano Roberto Cavalli parla non solo di moda ma anche della sua vita privata. "L'eccesso a volte è successo" dice lo stilista. "Se vuoi fare qualcosa di diverso, qualcosa di speciale, qualcosa di sexy, perchè ogni donna ama essere sexy - devi aiutare una donna a sentirsi sexy. Alcune volte le donne hanno timore ad essere sexy ma le donne devono sapere che un vestito può cambiarle la vita." La prima ambasciatrice dello stile cavalli fu Brigitte Bardot e altre donne molto forti e sexy come Kate Moss,Gisele Bundchen, Sharon Stone e Jennifer Lopez che hanno tutte fatto da ambasciatrici per il brand Cavalli e lui le ama tutte.  Oltre al suo amore per le donne sexy, come abbiamo ben capito, Roberto parla del suo segreto per far durare un matrimonio, come quello con sua moglie e compagna di lavoro Eva, che dura da oltre 30 anni. "Beh, lavoriamo bene insieme, ma non è facile. E' difficile lavorare molto e tenere insieme la famiglia, ma facciamo il nostro meglio." A 71 anni, Cavalli ancora non pensa al suo ritiro dal mondo della moda e spera di poter continuare a creare a lungo cose nuove che possono piacere al suo pubblico.  Nella lunga intervista Roberto parla della sua infanzia non molto facile, suo padre è morto in guerra quando aveva 3 anni e da li racconta che è stata dura fin quando non ha incontrato l'amore. "Ho incontrato una ragazza, la prima che abbia mai amato e abbiamo fatto l'amore per la prima volta la notte del nostro matrimonio dopo che ci conoscevamo da 4 anni e abbiamo avuto nostra figlia 9 mesi e dieci giorni dopo!" ha dichiarato. Poi racconta di come si sono conosciuti con Eva nel 1971 quando lui era un giudice e lei una concorrente di Miss Universo.

Roberto Cavalli in Un'Intervista fra Moda, Sesso, Matrimoni e Gay

Roberto Cavalli A/I 2011-12


Poi Cavalli parla di come sia fiero di essere l'unico designer etero nel mondo della moda... o quasi, dato che il giornalista gli ricorda che c'è anche Ralph Lauren. "Sei sicuro?" Risponde Cavalli. "Essere Etero ti fa essere uno stilista migliore?" Chiede il giornalista. "Forse si perchè penso a come dovrebbe essere una donna al mio fianco. La femminilità, la morbidezza. Ad ogni modo sono felice di come sono" dichiara lo stilista. Il giornalista allora gli risponde che ci deve essere un po' di gayezza in lui per il modo in cui veste gli uomini. "Lo prendo come un complimento. Il primo uomo che ho vestito è stato Lenny Kravitz e da li ho deciso di lanciare anche una collezione uomo. Ero stanco di vedere gli uomini durante le serate vestiti come pinguini." dice Roberto. Prima di chiudere l'intervista Cavalli ricorda ai giovani che vogliono fare i designer di proporre cose diverse, anche se non è facile. "Perchè spesso le sfilate delle scuole di moda o sono molto eccissive e quindi poco commerciabili o si ispirano troppo ad altri stilisti. Bisogna avere una propria personalità. Anche se non è semplice." 
Fonte: Vogue.co.uk

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog