Magazine Sport

Roma, impresa sfiorata: 4-2 al Liverpool, che vola in finale

Creato il 02 maggio 2018 da Il Blog Dello Sportivo @blogdsportivo

La Roma gioca una prova di cuore, ma non completa un’altra clamorosa rimonta. Vantaggio di Sadio Mané, poi autogol di Milner e rete di Georginio Wijnaldum. Nella ripresa Edin Dzeko sigla il 2-2 e nel finale Radja Nainggolan, prima da fuori e poi su rigore a fine recupero, firma la doppietta del definitivo 4-2. A Kiev va il Liverpool, forti del 5-2 di Anfield.

FORMAZIONI:

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, De Rossi, Nainggolan; Schick, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco.

Liverpool (4-3-3): Karius; Trent, Van Dijk, Lovren, Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner; Salah, Firmino, Mané. All. Klopp.

CRONACA:

In un Olimpico stracolmo si gioca il ritorna della semifinale di champions league. La Roma gioca con la testa orientata al terza e più digficile rimonta che significherebbe il segno di una cavalcata eccezionale. Per l’occasione Di Francesco schiera una squadra con il modulo classico, il 4-3-3 con la solota difesa e con pellegrini che sostituisce l’infortunato Strootman insieme a De Rossi e Nainggolan e con Schick, Dzeko ed El Shaawrawy. Il tecnico del Liverpool risponde con la formazione tipo e il solito e letale tridente. La gara parte forte con la Roma che inizia a spingere trainata da un pubblico che fa sentire subito l’atmosfera calda dell’Olimpico. Al 9′ minuto pero Nainggolan commette un errore gratuito e con un passaggio scellerato consente agli inglese un superiorità numerica che si conclude con il vantaggio del Liverpool firmato da Manè. Subito il gol si poteva.immaginare un Roma che avesse potuto mollare le ambizioni di rimonta, invece non molla e come dichiarato dal tecnico nella conferemza prepartita bisogna crederci sempre e così i suoi ragazzi lo.seguono e continuano a giocare e vendono premiati al 15′ quando con un rocambolesco autogol la Roma raggiunge il pari. A questo punto crederci è ilinimo anche se con 15 minuti in meno la roma deve.segnare sempre tre reti. Al 25′ però una difesa.ballerina commette il.secondo errore della serata e da corner wijnaldum di testa batte Alisson. La Roma attacca a testa bassa ma il primo tempo vede gli inglesi in vantaggio anche se la Roma dopo il secondo vantaggio degli inglesi colpisce un palo con El Shaarawy. La ripresa parte con i giallorossi continuano il loro forcing in cerca dei gol che possono portare la qualificazione e il pubblico non mai neanche per un secondo di spingere i propri beniamini e proprio questo permette alla Roma di crederci. Al 52′ ecco che Dzeko decide di mettere la sua girma sulla partita e su una respinta su tiro del faraone insacca la rete del pari romanista. A questo punto mancano sempre tre gol ma il tempo è sempre meno ma i ragazzi di Di Francesco mettono cuore e anima in campo e il pubblico lo nota e fa sentire sempre di più il suo calore e la sua spinta. Al 70′ l’arbitro decide di non concedere un rigore solare ai giallorossi ma questo non li butta giu e la.spinta si fa sempre più intensa e dopo in cambi di Di Francesco ecco che nainggolaan si fa perdonare l’errore iniziale e con un bolide da fuori insacca il vantaggio giallorosso al 84′. Quando il tempo stava per scadere ecco che ai giallorossi concede un rigore netto e sempre Nainggolan al 94′ insacca con un penalty calciato forte. La gara termina con la Roma che batte il liverpool ma per un soffio non riesce l’impresa e cosi a Kiev per sfidare il Real Madrid vola.il Liverpool. La Roma esce dal.campo sotto gli applausi di un pubblico che ha saputo vivere un sogno che per poco non è diventato realtà e per questo bisogna di grazie Roma per le emozioni che ha fatto vivere ai suoi sostenitori e au questa strada, solo su questa strada si possono raggiungere tragiardi importanti. Grazie Roma

WE'RE HEADING TO THE CHAMPIONS LEAGUE FINAL!!!!!🔴🔴🔴 pic.twitter.com/fYVKiQh5hl

— Liverpool FC (@LFC) 2 maggio 2018


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog