Magazine Cultura

Sale 103 piani con la prima gamba bionica controllata per via neurale

Creato il 15 novembre 2012 da Andream
Il 4 novembre Zac Vawter ha salito a piedi le scale che conducono alla sommità dei 103 piani della Willis Tower di Chicago. Se l'impresa si salire a piedi il più alto grattacielo dell'emisfero occidentale non fosse sufficiente a colpire l'immaginazione, si aggiunga il dettaglio che Vawter ha perso una gamba in un incidente motociclistico e che ha compiuto la sua impresa usando la prima gamba bionica controllata col pensiero.
Sale 103 piani con la prima gamba bionica controllata per via neurale
La protesi è infatti controllata da un microprocessore che riceve i propri input dai nervi normalmente utilizzati per comandare i muscoli della gamba. Quando Vawter fu sottoposto all'intervento di amputazione, nel 2009, il chirurgo ridiresse i nervi che conducono normalmente i comandi ai muscoli della parte inferiore della gamba, in modo che terminassero sotto la pelle del lato posteriore della coscia: lo scopo di questa operazione, detta "reinnervamento mirato", fu proprio quella di permettere l'uso di una futura protesi controllata da questi nervi, sebbene tale tecnologia all'epoca non fosse ancora esistente.
I pensieri di Vawter attivano i trasduttori applicati alla sua gamba, i quali a loro volta trasmettono i comandi al microprocessore inserito nella protesi e incaricato di tradurre tali ordini in movimenti coordinati di ginocchio e caviglia.
Esistono già protesi bioniche per le braccia, ma quelle per le gambe sono più complicate e più delicate: la sicurezza della protesi è infatti fondamentale, dato che un errore in una protesi di un braccio può portare a perdere la presa su di un oggetto, quella in una protesi di una gamba a cadere dalle scale.
Il progetto, del costo di 8 milioni di dollari, è finanziato dal Dipartimento della Difesa statunitense e portato avanti dalla Vanderbilt University, dal Massachusetts Institute of Technology, dalla University of Rhode Island e dalla University of New Brunswick. Si tratta dell'ennesimo passo avanti della tecnologia prostetica, un ambito in cui la scienza sembra essere ben più fattiva della divinità.
David Baker, "Thinking his way to the top: Amputee uses thought-controlled bionic leg to climb 103 flights of stairs to top of skyscraper", Mail Online, 5 novembre 2012.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines