Magazine Sport

San Francisco Deltas: la start-up che … gioca a calcio

Creato il 04 aprile 2016 da Tifoso Bilanciato @TifBilanciato

San Francisco Deltas. Questo è il nome scelto per una nuova squadra di calcio che probabilmente inizierà a competere nel campionato NASL (North America Soccer League) a partire da aprile 2017. Fino a qui nulla di particolare, se non fosse che il progetto industriale di questa iniziativa nasce dal mondo delle start-up puntando in maniera decisa su tecnologia e marketing territoriale.

L'idea è nata da Brian Andrés Helmick: quarantenne, nato in Colombia, fondatore di una software house (Algentis) attiva nel campo delle HR e venduta a un fondo di private equity un paio di anni fa.

Il gruppo di investitori si presenta subito in maniera chiara, dichiarando di aver voluto mettere a sistema "i l meglio di due mondi: il calcio brasiliano e la tecnologia della San Francisco Bay". Come nelle migliori tradizioni delle startup è stato già identificato in hashtag, #bayareafutbol, che serve a "localizzare" il Club nella sua area geografica di operazione. Obiettivo dichiarato come " top priority" è infatti quello di formare la squadra con giocatori locali e di crescere progressivamente per estendere il numero di calciatori. La logica è sintetizzata sul sito con una frase: " more players, more teams, more fans " e l'obiettivo ambizioso (ma quale start-up non lo ha?) è addirittura quello di rendere la San Francisco Bay Area "la futura area più importante del calcio al Mondo".

Lo scorso 17 marzo il Club ha ottenuto un permesso quinquennale per utilizzare lo storico Kezar Stadium, che ha ospitato fra il 1946 ed il 1970 la squadra dei San Francisco 49ers.

San Francisco Deltas: la start-up che … gioca a calcio

L'accordo prevede un investimento sulle strutture per circa 460mila dollari e una serie di iniziative a favore della comunità locale, quali la disponibilità di 3mila accessi a prezzo calmierato (con valore inferiore ai 20 dollari) e la donazione di 200 biglietti a gara a favore di gruppi giovanili ed associazioni no profit.

La tecnologia la farà da padrona, facendo scendere in campo dei "cyber atleti": allenamenti che utilizzano anche la realtà virtuale, scelta della rosa da mandare in campo attraverso algoritmi che analizzano le prestazioni in tempo reale, divise attrezzate con dispositivi indossabili.

Ma non è tutto qui: la campagna abbonamenti per il 2017, già iniziata, prevede la possibilità di diventare un "abbonato-fondatore", cosa che consentirà alcuni privilegi anche per il futuro. A breve il Club metterà a disposizione anche un'app (AI Ticketing) che consentirà di selezionare i propri vicini di posto allo stadio, utilizzare il catering interno e prenotare i mezzi di trasporto per andare alla partita o in trasferta.004


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :