Magazine Attualità

San Giovanni Drone

Creato il 26 giugno 2018 da Retrò Online Magazine @retr_online
San Giovanni Drone

I droni quest'anno hanno animato l'ultima serata della festa di San Giovanni. Ecco com'è andata.

Quest'anno alla festa di chiusura di San Giovanni si è sperimentato qualcosa di nuovo. Al posto dei classici fuochi d'artificio lo spettacolo di chiusura della festa di San Giovanni è stata affidata ai droni.

All'evento (autorizzato dall'ENAC) erano presenti 35 mila persone distribuite tra piazza Castello, via Roma e piazza San Carlo. Lo spettacolo è durato circa dodici minuti e durante lo show i droni hanno disegnato nel cielo tutti i simboli di Torino, dalla Mole Antonelliana alla Fiat Cinquecento, ed infine una grande scritta Torino.

Quello di Torino è stato uno degli spettacoli di droni luminosi più lungo mai realizzato dalla Intel, colosso americano produttore di microprocessori.

Ha coinvolto ben 200 droni, piccoli quadricotteri realizzati in schiuma poliuretanica, dotati di paraeliche così da renderli più sicuri in caso di impatto. I droni denominati Intel Shooting Star, possono sostenere raffiche di vento fino a trentasei chilometri orari e sono alimentati da batterie ai polimeri di litio che garantiscono una autonomia di circa venti minuti di volo, dunque quanto la durata circa dello spettacolo.

A bordo di ogni drone era presente un particolare led in grado di creare quattro miliardi di tonalità e di colori diversi. I droni sono stati mossi tutti insieme da un unico incredibile software realizzato da Intel.

San Giovanni Drone
Da notare che riuscire a far volare contemporaneamente uno "sciame" di droni cosi uniti senza farli mai scontrare non è cosa da poco. Un programma cosi complesso ha reso possibile la creazione di figure tridimensionali e in movimento, nonché bellissimi giochi di luce.

I difetti

Da segnalare però l'organizzazione dell'evento. Scegliendo piazza Castello infatti non è stato possibile per tutti accedervi e godersi lo spettacolo. In via Roma e piazza San Carlo purtroppo c'era una scarsa visibilità e anche l'audio non era il massimo. Infine da segnalare anche lo streaming del comune che non ha funzionato per tutta la serata.

Conclusione

Noi di Retrò Online quindi ci sentiamo di approvare uno show, che pur essendo molto diverso da uno spettacolo di fuochi artificiali ha meravigliato e lasciato a bocca aperti molti torinesi (o quanto meno chi era in piazza Castello) e che ha regalato a Torino un altro primato europeo. Quello di prima città europea ad ospitare un evento d'intrattenimento con i droni.

di Tommaso Spezzacatena

San Giovanni Drone

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :