Magazine Cultura

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Creato il 19 febbraio 2011 da Cannibal Kid

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

La cavalla precedentemente
conosciuta (o relativamente conosciuta) come:
Elisabetta Canalis

Quest’oggi voglio raccontarvi una magnifica favola, proprio come farebbe quella lagna di Antonella Clerici ma senza un vestito da sirena oversize addosso. Elisabetta è un piccolo mini Pony nata tra le magiche terre della Sardegna, un luogo per darvi due coordinate a metà strada tra l’isola che non c’è e l’isola di Lost. Con queste indicazioni dovreste raggiungerla senza problemi. Elisabetta passa un’infanzia spensierata in compagnia di diversi amichetti. Non so i genitori che professione facessero, ma Eli comunque non era mai lasciata sola, un po’ era in compagnia di Farouk Kassam, un po’ di Augusto De Megni e recentemente è stata avvistata anche con una certa Yara, ma non c’è nulla di confermato.Quest’ultima battuta era troppo politically scorrect e inappropriata? Se non vi piace potete sempre cambiare blog e leggervi ad esempio Sciuscia. Azz, no: mi sa che lui è ancora più bastardo di me.I genitori della Cavallis, che comunque sono sicuro siano delle bravissime persone con un lavoro rispettabile (d’altra parte anche in Sardegna c’è crisi e bisogna sfruttare il territorio come meglio si può), decidono però di mettere fine a questa idilliaca fanciullezza della figlia e la danno via a un Cavaliere che passava da quelle parti, zona Villa Certosa all’incirca. Tra il Cavaliere ed Elisabetta ci sono alcuni contatti telefonici certificati, ma purtroppo la Cavallis quando parla non si capisce una sega di quello che dice e quindi i pm hanno stabilito che tali intercettazioni sono inutilizzabili.Poi il Cavaliere si stufa di lei perché Eli ormai cresce, diventa maggiorenne e quindi a lui le cose troppo legali gli puzzano un po’ e decide di liberarsene. Eli comunque ormai è diventata una bella puledra, nel senso che ha il viso e gli occhi da cavalla, quando parla nitrisce (sono stato bravo, ho detto nitrisce e non raglia) e ogni tanto scalcia. Ah, poi le piace anche essere cavalcata, ma questo non chiedetemi come faccio a saperlo. Insomma, una così bella cavalla non fa fatica a trovare un nuovo proprietario e infatti dalle lontane terre degli Stati Uniti d’America arriva un bel principe azzurro. Vabbè, durante il lungo viaggio forse si è un po’ perso e ormai non è che sia proprio un principe giovanissimo, però si mantiene ancora bene, come la Bellucci (Morandi, le hai dato della vecchia… non si fa con le signore. Mannaggia, ti devo insegnare tutto?)Il bel George The American (dal titolo del suo ultimo “magnifico” film) lancia così Eli dritta nell’Olimpo hollywoodiano, dove la conoscono tutti. Oh, Robert De Niro non l’ha mai vista prima ma dev’essere l’unico… Qui Eli fa un’audizione per Avatar, ma James Cameron le preferisce Anna Oxa: “Ragazzi, stiamo spendendo già troppi soldi per sta cagata di film: almeno con la Oxa risparmiamo sul trucco e pure sugli effetti speciali”. Per Seabiscuit le va meglio e viene scelta come protagonista equin… ehm, femminile. La sua carriera procede comunque alla grande, tra Struscia la notizia, Stelle a quattro zampe (lei è una delle stelle a quattro zampe) e Puttano in saldo (non è colpa mia, si chiama proprio così). Fino all’approdo più importante: il palco dell’Ariston. Elisabetta è magnifica, fa un ingresso trionfale, la gente si alza in piedi ad applaudirla. O forse la standing ovation era per Roberto Benigni che è arrivato a teatro cavalcandola?Ma la nostra Eli nazionale a Sanremo ha anche avuto modo di dimostrare tutto il suo sensazionale valore di poliglotta. Ho detto poliglotta mica mignotta, sarò stato troppo buono? Comunque facciamo un passo indietro e torniamo all’inizio di quella stupenda serata, la quarta di un'edizione del Festival sempre più memorabile.
Con un giorno d’anticipo rispetto al previsto, ieri è stato il Radiohead day e quindi per forza di cose questa baracconata di Sanremo non poteva che passare in secondo piano. Però durante la sigla qualcosa mi ha distolto dal chiedermi dove collocare “The King of Limbs” all’interno della discografia di Thom Yorke e soci. Tra i loro lavori migliori o no? Solo il tempo ce lo dirà.

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Eli, balli talmente bene che hai fatto piangere Belen

Ma c’avete fatto caso durante la sigla? Mentre fuori dall’Ariston un branco di vecchi rincoglioniti e ubriaconi ballava allegramente sulle note (questa davvero stupende) dello Schiaccianoci, così come dentro il teatro stavano facendo anche due giovani rincoglionite e ubriacone (però più gnocche del solito), sulla parte bassa dello schermo passano i titoli degli autori del programma: tra loro c’è anche Federico Moccia. Per chi non lo sapesse, Moccia prima di diventare un premio Nobal per la letteratura e un regista da Oscar era infatti un autore televisivo. E ora è tornato per Sanremo! Questo spiega tante, taaante cose. Prima di prendervela con l’incompetenza della Canalis, che pure è il simbolo stesso dell’incompetenza, tenete presente che con testi scritti da Moccia anche Natalie Portman farebbe fatica a sembrare convincente. No vabbè, Natalie Portman riuscirebbe a rendere interessante anche uno spot di Alfonso Luigi Marra. E a proposito non di Marra ma di Natalie: ANDATE A VEDERE IL CIGNO NERO – BLACK SWAN! (se le fa Belen, non vedo perché non possa fare delle markette anch’io). Intanto a bassissima richiesta popolare riparte la gara; questa sera per la gioia di grandi e piccini gli “artisti” si fanno accompagnare da alcune guest-star internazionali (ma internazionali de che? Quello che arriva più da lontano è de Roma!)
Luca Barbarossa e Rachel Del Rosario “Fino in fondo” con Neri MarcoréNeri Marcorè era bravo. Dopo essersi sputtanato alla grande con quello schifo di The Tourist, ormai non ha però più niente da perdere e si è presentato così anche sul palco dell’Ariston insieme a Luca Barbarossa. Senza vergogna, i due sono protagonisti di un imbarazzante siparietto pseudo-recitato che fa rimpiangere il testo della canzone su su su giù giù giù e viene anche tagliato dai conduttori che gli parlano sopra.(voto 2)Visto che ieri ho citato Mirko di Mai dire gol, il testo di questa coppia scoppiata mi ha riportato alla mente Olmo/De Luigi: e ci sei tu, sempre più su
Ma la Cannabis si droga? E perché Belen invece è così sobria? Che palle, è troppo professionale. Dopo tutto siamo a Sanremo, ovvero la celebrazione stessa della non professionalità (a parte l’Orchestra, loro sono molto bravi). Volevo fare anche una battuta su Morandi e la Beghelli ma Luca e Paolo me l’hanno bruciata, maledetti.
La Crus “Io confesso” con Nina ZilliGià erano i migliori, si sono presi pure l’ospite migliore (vabbé, Carmen esclusa) e allora per gli altri non vale. Ma vaffanculo, chissenefrega degli altri, tanto sono tutti degli stronzi.(voto 7+)
Anna Tatangelo “Bastardo” con Loredana ErroreLa canzone di Anna Tatangelo sono esterrefatto (o forse solo fatto?) dal dire che è una FIGATA!Peccato solo che stasera si sia presentata a cantare con Shrek (Loredana Errore, una donna che già il cognome dice tutto sulla sua vita), perché ormai rischia di essere la mia preferita assoluta. La vita è proprio strana: una settimana di Sanremo e mi ti divento un fan della Lady Tata che non ho mai sopportato prima. Tutto rego comunque, è l’effetto di follia momentaneo che questa sagra del trash fa e sono quasi certo che la settimana prossima tornerò già a odiarla cordialmente.(voto 7-)
Max Pezzali “Il mio secondo tempo” con Lillo & Greg

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Un'immagine pubblicata in esclusiva dal Giornale tratta dai festini di Arcore

Ci voleva poco, ma la versione di Lillo & Greg dà merda all’originale. Dopo Luca e Paolo e Roberto Benigni una conferma ufficiale: i comici cantano molto meglio dei cantanti di Sanremo.(voto 5)
Tricarico “3 colori” con il Coro di Voci Bianche Si La So…LUsare i bambini per ottenere consenso popolare è sempre una mossa azzeccata. Lo sa bene anche il nostro presidente del Consiglio che le bambine le usa in un diverso modo, ma quella è un’altra storia. La canzone di Tricarico in questa versione acquista finalmente un senso che nella sua interpretazione solista non possedeva. Lo sapevo che alla fine il brano aveva una sua dimensione: è una canzone per bambini!(voto 6,5)
Elisabetta Canalis a proposito dei bambini del Coro: “Erano tesissimi”. E perché te che sono 4 sere che non riesci ad aprire bocca senza inciamparti 12 volte no? Ma com’è poi che Ellen Hidding nelle telepromozioni riesce a parlare un italiano molto migliore del tuo?
E a proposito di super dive italiane che se la tirano poco e credono di essere famosissime all’estero, ecco a voi Monica Bellucci, che però è tanta roba. Gianni Morandi accavalla le gambe perché è già venuto nelle mutande.Dopo quella con Andy Garcia (Andy chiiii?), mi ero scordato di quanto belle anzi bellucci fossero le interviste di Gianni Morandi. Le domande le avrà ancora scritte quel talento poliedrico di Moccia?

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Cosa mai starà guardando il vecchio porko?

Non contento di essere venuto una volta, Gianni senza bisogno di ulteriore Viagra a un certo punto si alza e si incolla a una gamba della Bellucci come un cane in amore. E questa è la prima cosa sensata fatta da quest’uomo nel corso di tutto il Festival!L’ho già detto che la Bellucci è sposata con Vincent Cassel, il protagonista maschile de IL CIGNO NERO – BLACK SWAN? No? Beh, comunque: ANDATE A VEDERLO! (lo so, ormai sono diventato più markettaro della Belen).Sempre parlando di grande cinema, arriva Robert De Niro. Vabbè, per lui il grande cinema ormai è un ricordo lontano, però recentemente ha pur sempre fatto Machete.Morandi inizia l’intervista nel modo più sconsigliato per iniziare un’intervista: “Bob, so che a te non piacciono le interviste.” Questa è stata sicuramente un’idea mocciana. Poi gli chiede per quale motivo ha fatto ‘sto schifo di film di Manuale d’amore 3. Secondo te, per quale motivo se non lo stesso per cui tu hai fatto il Festival o Nicole M. se l’è fatto mettere in culo dal presidente del Consiglio?

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Nemmeno un grande attore come lui a Sanremo può mascherare
il suo vero pensiero: "Cosa cazzo ci faccio io qui?"

Che tristezza però: hai davanti uno dei più grandi attori di sempre e potresti parlare della sua grandiosa carriera, quella almeno che aveva fino a qualche anno fa quando ancora non faceva ste cagate di Vi presento i nostri o Manuale d’amore 3. E invece no, tutto si risolve in una marketta per suddetto film e in una serie di domande idiote. Che poi perché andare a vedere Manuale d’amore 3 quando si può andare a vedere un capolavoro come IL CIGNO NERO – BLACK SWAN?Arrivano Luca e Paolo: fategliela fare a loro l’intervista, per favore! E invece no.Gianni Morandi a proposito della Bellucci: “È stata l’intervista più bella della mia vita.” Già, peccato che per noi spettatori sia invece stata la più brutta e imbarazzante intervista delle nostre vite, a parte quella di Alfonso Signorini a Ruby Rubacuori in Kalispera.
Ruby: "Berlusconi non mi hai toccato con un dito" (19Gen11)Caricato da trarcomavaglio. - I nuovi video di oggi.

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Tra cavalle (la Canalis), tope (Belen) e scimmie (Morandi e Sarcina) questo
sembra più uno zoo che un Festival (ma nessun animale è stato maltrattato
durante le riprese, a parte qualche frustata alla Canalis ogni tanto)

Giusy Ferreri “Il mare immenso” con Francesco SarcinaFrancesco Sarcina è il cantante dei Le Vibrazioni. Per chi non l’avesse presente, è l’unico uomo al mondo che sembra più scimmia di Gianni Morandi. Lui e la Ferreri Rocher comunque li avrei visti bene la sera precedente a cantare un vecchio pezzo della musica italiana: Siamo la coppia più brutta del mondo.(voto 5,5)
Luca Madonia e Franco Battiato “L’Alieno” con Carmen ConsoliMizzega la Carmen con Madonia e Battiato che trio siculo! E c’ha pure la chitarrina rosa. Questa è un’esibizione che non si può rifiutare.(voto 7)

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

The L Word? Ci piace!

Ma tutti come stacchetto c’hanno un pezzo di storia del rock e Nathalie ha scelto “Over my shoulder” dei Mike + the Mechanics che era una canzone usata in Baywatch nei momenti tristi di Mitch Buchannon? Vedo che siamo messi bene quanto a cultura musicale, mia cara Nathalie.Nathalie “Vivo sospesa” con L’AuraAltroché Barbarossa e la puta spagnola. Loro sì che sono una bella coppia. E sì, intendo proprio coppia in quel senso.(voto 6/7)
Torna uno svogliatissimo Robert De Niro per il secondo tempo (come canterebbe in maniera insopportabile Pezzali) dell’intervista, ma stavolta Morandi cala a sorpresa il suo asso nella manica: Elisabetta Canalis. Mentre lui la presenta: “Questa è Elisabetta, una nostra bellezza nazionale” lei si aspetta che De Niro dica: “Oh certo, la conosco già, è molto famosa anche negli USA.” Peccato questo succeda solo nei sogni incantati della Cannalis.Nei miei sogni invece c’è De Niro che alle domande della premiata accoppiata Canalis/Morandi risponde: You talkin’ to me? You talkin’ to me?
La Eli nazionale comunque prende in mano la situazione e diventa sia intervistatrice, che interprete. Peccato solo manchi qualcuno che interpreti lei. In ogni caso è un vero spasso da osservare e dopo questa dimostrazione di versatilità, voglio vedere chi ancora avrà il coraggio di asserire che la Canalis non sa fare niente. Voglio proprio vedere. (Oddio, non oso immaginare quante gliene diranno oggi tra tv, giornali, radio e blog! Povera Eli, fossero tutti bravi come me…)Vabbè dai, facciamo finta di non aver visto niente. Facciamo finta che Bob De Niro non sia mai stato a Sanremo. Facciamo finta che Gianni Morandi non abbia mai chiesto alla Canalis (e dico, alla Canalis): Come si traduce “Taxi Driver” in inglese?
Roberto Vecchioni “Chiamami ancora amore” con la Premiata Forneria MarconiEtà media superiore a quella di un congresso del PD e proprio come il PD e la Canalis anche loro fanno una certa tenerezza.(voto 6)
Ed ecco riesumati dai 90s i Take That al completo! Anche qua l’età media si è fatta abbastanza alta, eh ragazzi? Mentre cantano non danno l’impressione di un gruppo molto unito, è come se ognuno facesse un pezzo per conto suo e Robbie Williams si vede chiaramente che di questa reunion si è già strarotto le balle. Quando arriva Belen comunque si ricompattano immediatamente tutti a guardarle il culo. Questo sì che è spirito di gruppo.(voto 6/7)E riecco a grande richiesta le favolose interviste della Canalis. A questo punto pretendo un suo talk-show fisso in onda ogni sera tipo il David Letterman Show. Non posso più farne a meno.
(mi sa che ho caricato il filmato sbagliato)
Davide Van De Sfroos “Yanez” con Irene FornaciariUh, la figlia di Zucchero mi aveva già amareggiato l’anno scorso quando si era presentata in gara, quindi quest’anno avrei anche fatto volentieri a meno di rivederla. Il pezzo di Van Basten comunque ormai è cult.(voto 6,5)
Luca e Paolo provano a replicare il successo di “Ti sputtanerò” con un pezzo dedicato ai candidati del PD (solo recentemente ho scoperto che significa Partito Democratico e non una nota bestemmia in voga tra i giovani): “Uno tra mille ci sarà”. Divertente, ma non troppo. Se si fa sempre satira su Berlusconi è perché le battute su di lui escono più divertenti, mentre quelli dell’Opposizione fanno vite troppo noiose per essere presi in giro. Difatti il finale della canzone è dedicato ancora a lui e non poteva essere che così.
Al Bano “Amanda è libera” con Michele PlacidoMi spiace Placido, il tuo ultimo Vallanzasca non è niente male ma in fatto di musica, dopo che hai scelto i Negramaro per comporre la colonna sonora del film e duetti con Al Bano, dimostri davvero di avere pessimi gusti. E comunque sta Amanda (chiunque essa sia) sarà anche libera, ma Al Bano dovrebbero rinchiuderlo in un’istituto. Di quelli con le pareti insonorizzate, per favore.(voto 0, Al Bano ormai ha l’abbonamento e non deve più nemmeno obliterare il biglietto)
Emma e i Modà “Arriverà” con Francesco RengaCome dice Kevin Bacon nel cult/scult Sex Crimes: "Due sono una coppia, tre sono una folla." In quel caso erano Matt Dillon, Neve Campbell e Denise Richards, qui più modestamente sono Emma, Renga e il tipo ingellato modaiolo. Serata dopo serata mi urtano sempre meno, e ciò credo che non sia un bel segno per le mie orecchie e per i miei gusti musicali, ma tant’è.(voto 6+)
Visto che non hanno passato il turno, non vedremo mai l’esibizione di Morgan con Patty Pravo (l’avranno fatto apposta?) e nemmeno gli ottimi Marta sui Tubi con la pessima Anna Oxa (ma menomale, perché a vederli con quella Winx mi sarebbero solo scaduti).
Ah, ma stasera oltre alle super interviste della Canalis c’è anche la finale tra i gggiovani. Il potere del grande giornalismo quasi quasi ce lo faceva dimenticare.
Micaela “Fuoco e cenere”La Alicia Keys dei poveri, ma pur sempre una Alicia Keys dei poveri. Voglio dire, si è capito cosa intendo, no? Non si è capito niente? Cosa stavo dicendo? Boh, sarò stato colpito dalla sindrome di Morandi, più grave dell’Asperger.(voto 6+)
Raphael Gualazzi “Follia d’amore”Il Michael Bublé ‘de noantri aò. Musicalmente è piacevole, anche se a livello vocale non è certo il massimo della vita. Ma d’altronde cosa lo è a Sanremo? Ah già, le interviste della Canalis!(voto 6,5)
Roberto Amadè “Come pioggia”E lui chi vorrebbe essere? Jeff Buckley? Comunque il vercellese mi è sembrato meno terribile rispetto alla prima sera. Sembra anche essersi fatto una doccia apposta per l’occasione.(voto 6)
Serena Abrami “Lontano da tutto”

Sanremo 2011: Il favoloso mondo di Elisatetta Cavallis

Solita ingiustizia: ha vinto solo perché è bello

Lei non ricorda nessuno, o forse sì: Valeria Rossi, quella di dammi tre parole sole cuore amore. In ogni caso la sua è una canzoncina pop orecchiabile. In fondo è questo che si chiede a Sanremo, oltre a un po’ di gnocca, qualche battuta su Berlusconi e dei conduttori che non sanno neanche lontanamente parlare, no?(voto 6,5)
Bene bravi bis (anzi no, grazie, niente bis), ma anche se i Giovani si sono rivelati mediamente un po’ meglio degli Artistoni Ariston della categoria principale, è mancata la Nina Zilli della situazione.Alla fine comunque ha vinto…Raphael GualazziBravino eh, però certo che il futuro della musica italiana non passa per di qua.
Il futuro di Sanremo invece passa per di qua. A domani, se sarò ancora vivo, con il commento sulla gran finale. Chi vincerà? I Modà? Vecchioni? Barbarossa? Nathalie? Al Bano e dico: Al Bano??? Poco importa, perché tanto la vera vincitrice immorale di questa edizione del Festival a furor di popolo è solo lei: la Eli nazionale.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sanremo 2011 is coming!

    Lo sapete che sta arrivando Sanremo, no? E siete consapevoli che vi aspettano le mie pagelle, sì? Il Festival della Canzone Italiana, nell’anno... Leggere il seguito

    Da  Pkiara
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, TELEVISIONE
  • Sanremo tra i libri

    Sanremo libri

    Che piaccia o no, il Festival di Sanremo ha scandito il nostro tempo… a partire dal lontano 1951, anno del suo inizio, fino a oggi. Leggere il seguito

    Da  Letteratitudine
    CULTURA, LIBRI
  • Sanremo mio malgrado….

    Sanremo malgrado….

    Boicottiamo il Festival, ma fino a un certo punto. Una di noi due commari (chi vi scrive, sigh) è costretta a seguire ogni singola sfaccettatura della festa... Leggere il seguito

    Da  Commarebradipina
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Perche' sanremo e' sanremo...

    Perche' sanremo sanremo...

    Buongiorno Baghini e Baghine. Anche se in ritardo (perchè oggi si svolgerà la terza serata, quella dedicata ai 150 anni dell'Unità d'Italia), ma è giusto per... Leggere il seguito

    Da  Nana Komatsu
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Sanremo 2011 Atto III: Roberto Benigni, il giullare sul cavallo bianco

    Sanremo 2011 Atto III: Roberto Benigni, giullare cavallo bianco

    Lo dimenticheremo presto il Festival di Sanremo di Morandi, anche in questa terza serata che ha ripescato, con il sotterfugio del televoto, la soubrettina del... Leggere il seguito

    Da  Rosariopipolo
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Sanremo 2011: Fatti mandare da Mameli a prendere il latte

    Sanremo 2011: Fatti mandare Mameli prendere latte

    Salvaci tu, Roberto La terza serata (anzi, nottata) del bellissimo Festival di Sanremo 2011 è talmente lunga che è iniziata ieri mattina alle 8. Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Sanremo ieri

    Sanremo ieri

    Poche considerazioni sulla serata di ieri al Festival di Sanremo.Condivido le scelte che riguardano gli eliminati. Io, già dalla prima serata avevo espresso il... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Magazine