Magazine Media e Comunicazione

Sanremo 2011: la RAI in alto mare, è ripartito il toto-conduttore

Creato il 28 agosto 2010 da Marianocervone @marianocervone

antonella-clerici-massimo-ranieri-sanremo.jpegE dopo la pausa estiva ecco che si ritorna a parlare di Sanremo e conduzioni: archiviata la possibilità di una Antonella Clerici 2.0, che lascia al suo successore una pesante eredità, avendo superato nei numeri persino il festival di Paolo Bonolis, con i suoi oltre dodici milioni di telespettatori, la Rai è ancora in alto mare per il prossimo Sanremo 2011, ed ecco che subito riparte il toto-conduttore, che, se in un primo momento vedeva finalmente spuntare il nome di Carlo Conti in pole position, come logica conseguenza dell’edizione clericiana, si è finito invece col fare i nomi più disparati: da Ezio Greggio, da sempre volto e simbolo non soltanto di Striscia la Notizia, diretto concorrente del programma, ma di Mediaset, che ha prontamente smentito i roumors, alla coppia da spot pubblicitario Christian De SicaBelen Rodriguez, quest’ultima scartata per volontà del sindaco della città dei fiori, per aver ammesso durante un’inchiesta giudiziaria di aver fatto uso di cocaina. Insomma anche un anno dopo Sanremo non perdona, lo sa bene Morgan, che per aver dichiarato candidamente in un’intervista distorta di fare uso di droga, non solo è stato eliminato dalla gara, ma è stato bandito da X Factor. Ed è proprio in queste ore che il toto-conduttore è ripartito, proponendo i nomi più (im)probabili: dal giornalista Bruno Vespa, che ha elegantemente rifiutato l’offerta, «Lusingato, ma faccio altro mestiere – ha detto il noto conduttore di Porta a Porta dalle pagine del Corriere – non sarei in grado di gestire bene una prestigiosa macchina di spettacolo come il Festival di Sanremo», all’ultimo aggiunto alla lunga lista dei papabili, Massimo Ranieri. È proprio di queste ore infatti l’ANSA secondo la quale il popolare cantante ed attore partenopeo sarebbe sì “onorato”, ma non disdegnerebbe l’ipotesi di una conduzione del festival dove vinse nel 1988 con Perdere l’Amore, pur temendo un maggior rigore: «Ne sarei onorato, ma non sono proprio adatto – ha riportato l’agenzia - Non so quanto ti facciano sperimentare. Parlerò col direttore di Raiuno Mauro Mazza dopo le vacanze». E da qui parte oggi il nostro nuovo sondaggio: chi vorreste alla conduzione del Festival? Votate!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog