Magazine Informazione regionale

Sardegna zona franca Report di Angelo Pinna sindaco di Santa Giusta

Creato il 25 giugno 2013 da Yellowflate @yellowflate

Sardegna zona franca Report di Angelo Pinna sindaco di Santa GiustaTornato da Roma vi aggiorno brevemente sulla giornata di ieri. In un centinaio tra sindaci e delegati, insieme al Presidente della Regione Ugo Cappellacci e a tanti cittadini, ci siamo ritrovati in Piazza Montecitorio non per manifestare in maniera sterile ma con alcuni obiettivi principali:
1. portare la voce spontanea, ma civile, ordinata e rappresentata a livello istituzionale, del popolo sardo che rivendica il diritto alla Zona Franca;
2. ottenere un confronto pratico con esponenti del governo;
3. dimostrare che sardi di tutte le zone dell’isola e delle più diverse appartenenze politiche e culturali si trovavano insieme per mantenere alta la bandiera della speranza.
E’ stata una bella giornata in cui mi sono sentito davvero onorato di rappresentare il Comune di Santa Giusta e tutti i miei concittadini che tramite Facebook e telefono hanno partecipato virtualmente e col cuore a questa iniziativa (qualcuno anche in carne e ossa, vero Lallo?).

La giornata è stata proficua, infatti l’incontro con il viceministro Casero ha portato ad alcuni sviluppi significativi, tra questi l’apertura di un tavolo di lavoro tecnico e politico sulla zona franca, tavolo che sarà attivo già dalla prossima settimana.
Durante il mio breve intervento ho evidenziato la difficoltà di affrontare tutti i giorni l’emergenza della povertà e dei drammi economici che diventano sociali e familiari e quindi appare indispensabile continuare a batterci TUTTI UNITI per raggiungere questo obiettivo.
Grazie ovviamente alla Dottoressa Maria Rosaria Randaccio e all’Avvocato Francesco Scifo per il loro preziosissimo ruolo di guide e ispiratori del movimenti. Grazie ai santagiustesi che hanno capito l’importanza di questa battaglia e che ci credono insieme a me.

Tornato da Roma vi aggiorno brevemente sulla giornata di ieri. In un centinaio tra sindaci e delegati, insieme al Presidente della Regione Ugo Cappellacci e a tanti cittadini, ci siamo ritrovati in Piazza Montecitorio non per manifestare in maniera sterile ma con alcuni obiettivi principali: 1. portare la voce spontanea, ma civile, ordinata e rappresentata a livello istituzionale, del popolo sardo che rivendica il diritto alla Zona Franca; 2. ottenere un confronto pratico con esponenti del governo; 3. dimostrare che sardi di tutte le zone dell’isola e delle più diverse appartenenze politiche e culturali si trovavano insieme per mantenere alta la bandiera della speranza. E’ stata una bella giornata in cui mi sono sentito davvero onorato di rappresentare il Comune di Santa Giusta e tutti i miei concittadini che tramite Facebook e telefono hanno partecipato virtualmente e col cuore a questa iniziativa (qualcuno anche in carne e ossa). La giornata è stata proficua, infatti l’incontro con il viceministro Casero ha portato ad alcuni sviluppi significativi, tra questi l’apertura di un tavolo di lavoro tecnico e politico sulla zona franca, tavolo che sarà attivo già dalla prossima settimana. Durante il mio breve intervento ho evidenziato la difficoltà di affrontare tutti i giorni l’emergenza della povertà e dei drammi economici che diventano sociali e familiari e quindi appare indispensabile continuare a batterci TUTTI UNITI per raggiungere questo obiettivo. Grazie ovviamente alla Dottoressa Maria Rosaria Randaccio e all’Avvocato Francesco Scifo per il loro preziosissimo ruolo di guide e ispiratori del movimenti. Grazie ai santagiustesi che hanno capito l’importanza di questa battaglia e che ci credono insieme a me.

Angelo Pinna

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog