Magazine Informazione regionale

Scagni-Guala, lo scambio di immobili finisce in Tribunale

Creato il 30 dicembre 2011 da Lapulceonline

mario bocchioChi di esposto ferisce… Il consigliere comunale Mario Bocchio (PdL) è convinto che lo scambio tra il Comune di Alessandria e la Guala Closures spa del 2005 non sia stato vantaggioso, anzi. L’accordo era stato deciso sotto l’egida dell’amministrazione di centrosinistra del sindaco Scagni, giustificato in parte dalla minaccia mica tanto velata che o così oppure il colosso delle chiusure se ne sarebbe andato via da Alessandria. “Per valutare correttamente la salute dei conti comunali è doveroso e necessario approfondire determinate operazioni della Giunta Scagni. Magistratura ordinaria e Corte dei Conti facciano la loro parte”, dice Bocchio, il quale si è già mosso per ripagare con la stessa moneta il centrosinistra, reo di aver fatto la “spia” alla magistratura contabile sui bilanci in rosso del 2009 e del 2010.

“Ho provveduto ad acquisire tutta la documentazione – spiega – è ho fatto valutare gli atti da esperti contabili e di pubblica amministrazione. La convenzione urbanistica tra il Comune di Alessandria a la “Guala Closures S.p.A.”, approvata dal Consiglio Comunale il 18 giugno 2005, potrebbe aver determinato un arricchimento indebito di un soggetto privato a carico di risorse pubbliche”.

La tesi del consigliere è che gli effetti dell’affarone fatto dalla Scagni potrebbero aver inciso sui bilanci successivi, scagionando, in parte, l’amministrazione Fabbio.

“La dubbia veridicità dei risultati di bilancio 2005 ha causato il rinvio agli esercizi futuri di spese in conto capitale – conclude Bocchio – Potremmo trovarci nella condizione di un danno erariale irrecuperabile generato da minusvalenze patrimoniali. Per questo ritengo assolutamente indispensabile fare immediata chiarezza. Ho pertanto ritenuto opportuno, nelle scorse settimane, presentare due distinte denunce: una alla Procura della Corte dei Conti del Piemonte e l’altra alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria”.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog