Magazine Politica

Scene di bassa norcinieria

Creato il 12 ottobre 2019 da Albertocapece

Scene di bassa norcinieriaLa politica politicante di questo disgraziato Paese è giunta a un tale punto di degrado che ormai non si distingue nemmeno più da una farsa: così mentre un Berlusconi rincoglionito continua a raccontare barzellette sporche a Rete 4 per un pubblico che politicamente che è come il residuo fisso di stronzio nelle acque minerali, in Umbria si assiste a una “fabula”, come avrebbe detto Plauto, che ha dell’incredibile e che testimonia dello stato di coma profondo della cosa pubblica. Ed è giusto che vada narrata come si deve. Dunque ad agosto il Pd di Norcia, probabilmente in vista delle regionali anticipate alle quali ora mancano due settimane, pensa di attaccare la giunta di centro destra che governa la città, chiedendo che fine hanno fatto i soldi statali per la ricostruzione dopo il terremoto del 2016. E in vista dell’appuntamento elettorale, il sindaco Nicola Alemanno ha risposto all’interrogazione rivelando che più dell’80% dei fondi destinati alla ricostruzione post terremoto  sono finiti agli alberghi ed alle società di Vincenzo Bianconi, disinvolto ristoratore fra tradizione e innovazione cui evidentemente non dispiacciono i manicaretti dell’avvoltoio.

Insomma su 27 alberghi e strutture ricettive danneggiate dal terremoto solo 3hanno già ottenuto i permessi per ricostruire e di questi solo due hanno già in mano i decreti con i fondi previsti. I due alberghi in questione, il Grotta Azzurra ed il Les Dependances sono appunto di proprietà di Bianconi e la cifra a disposizione sarebbe di quasi 6 milioni di euro. Ma non  basta, perché dalle carte presentate dal sindaco vi sono documenti che mostrano come nella longa manus di Bianconi e delle società riconducibili alla famiglia siano finiti altri due milioni e mezzo per i servizi di trasporto e di mensa per i moduli abitativi. Mai i piddini potevano pensare alle evoluzioni contro natura della politica nazionale, che all’ improvviso si sarebbero alleati con il M5s e che nell’ambito di questa alleanza si sarebbero trovati  con un candidato ibrido e auto propostosi alla presidenza di una regione martoriata dagli scandali sanitari prodotti dalle giunte targate Pd. E tale candidato è proprio quel Bianconi cui hanno lanciato un siluro. Qui va aperta una doverosa partentesi: in un  piccolo centro come Norcia è praticamente impossibile, specie sedendo in un consiglio comunale, non accorgersi che la ricostruzione ha un proprio monopolista, quindi l’interrogazione non era stata congegnata per sapere quel che già si sapeva, ma probabilmente come avvertimento  per qualcosa che si voleva ottenere o ripicca per ciò che non si era ottenuto: siamo dunque sempre dentro lo stesso paradigma del cortocircuito affari – politica dal quale non ci si riesce a liberare e in cui sono confluiti a pieno titolo i pentastellati.  Non a caso sulla vicenda Bianconi che fino a pochi mesi fa avrebbero cavalcato indignati, adesso tacciono.

Il tocco di classe su questa orrida e paradossale vicenda la dà Bianconi stesso che prima dello scandalo, pardon della macchina del fango come la chiama, senza peraltro smentire di una virgola i fatti o dare altre spiegazioni, aveva organizzato il solito canovaccio parolaio e al momento della candidatura aveva dichiarato: “Ho detto sì perché ho sempre cercato di contribuire al cambiamento”. Alla faccia, ma qualche tempo prima della candidatura aveva anche avuto il coraggio di dire che “In questi tre anni ( dal terremoto ndr) abbiamo stretto i denti ma non basterà. Le aziende non ce la fanno più, chi deve prendere decisioni per questa terra non vede e non sente. Non ci ascolta nessuno”. Invece qualcuno lo ha proprio ascoltato, ma solo lui, mentre tutti gli altri rimangono col culo per terra. .

Ci si dovrebbe indignare se la cosa non fosse così comica, con il Pd che si auto affonda e i pentastellati attoniti come conigli, ma anche con una stampa di regime che invece di dare la notizia la fornisce solo indirettamente partendo dalle repliche – peraltro inconsistenti dal punto di vista fattuale – di Bianconi. Dei cinque stelle non rimarranno che gli alberghi di un candidato presidente destinato alla sconfitta per un democratico avvicendamento di avvoltoi.

.

Annunci

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines