Magazine Informatica

Scienziati hanno caricato una GIF dentro un batterio vivo

Creato il 19 luglio 2017 da Angariblog
Scienziati hanno caricato una GIF dentro un batterio vivoScienziati hanno caricato una GIF dentro un batterio vivo

Il protagonista di questa assurda storia è un Escherichia coli (E. coli), batterio noto alle cronache per gastroenteriti e dolorosi mal di pancia, qui usato come un pendrive grazie alla facilità di manipolazione del suo genoma. I batteri vengono già utilizzati per una miriade di motivi, in questo caso dei ricercatori di Harvard ne hanno sfruttato uno vivo per inserire bits di DNA codificato con foto e una GIF di un cavallo al galoppo. Il tutto grazie al collaudato sistema Crispr.

Una volta inseriti i bits hanno effettuato il processo inverso, decodificato il genoma del batterio e ricostruito la medesima GIF con il 90% di accuratezza. Lo studio è alquanto particolare e pone diversi quesiti, ma è una prova diretta del metodo Crispr, capace di trasformare cellule vive in storage di dati, come confermato dal genetista di Harvard Jeff Nivala:

Il nostro vero obiettivo è far in modo che le cellule immagazzinino informazioni su loro stesse all'interno del genoma, così che potremo in futuro guardarci dentro.

Scienziati hanno caricato dentro batterio vivo
Continua a leggere l'articolo su HDblog...


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :