Magazine Cultura

Scrivere breve: Antonella Anedda, viaggio nell'arcipelago della Maddalena

Creato il 08 settembre 2013 da Faustotazzi
Scrivere breve: Antonella Anedda, viaggio nell'arcipelago della Maddalena
L'unico museo della Maddalena è navale e tutto l'arcipelago forse è la prova che si può vivere senz'arte, quando la natura intorno e davanti a noi è così forte da non lasciare posto ad altro. Scrivere un libro orizzontale, soprattutto per un poeta, è un pregio. Non c'è nulla di più onesto di un resoconto di viaggio. Non c'è una trama da inventare, non ci sono personaggi. Quando appaiono sono semplici comparse, cosa che in fondo corrisponde alla realtà. Il viaggio basta a se stesso e restituisce chi lo compie cambiato. Viaggiare ci insegna che non sappiamo nulla, capiamo poco e avremo sempre da imparare.
Amo sempre di più i luoghi di transito, gli alberghi, gli aeroporti. Arrivata, mi rassereno e apprezzo quello che ho. Se fa freddo il fatto di potermi scaldare, se ho sonno di dormire. Mi addormento facilmente appena sono in uno spazio tranquillo. Mi piace. E' un po' come se si fosse stabilita una fiducia con il mondo. La lingua non mia, mi culla. Essere stranieri rende il nostro linguaggio precario. Vivere in un paese non nostro costringe alla povertà ma evita le frasi scontate. Contempla l'allerta quasi continua del corpo e della mente. Parlare un'altra lingua ci scaccia proprio nell'angolo in cui pensavamo non saremmo più tornati, dove ci sono sabbie mobili, smottamento, fango e noi agitiamo le braccia e le gambe per risalire. Ma quando finalmente risaliamo con quel pugno di parole cominciamo a sopravvivere, sopravviviamo.
Rivedo senza capire, ricordo tutto ma non intendo nulla. Vedo ma non sento, tra me e la cosiddettà realtà c'è un vetro. Faccio fatica con la sintassi, che pure ammiro. Le parole mi colpiscono separatamente come oggetti autonomi. Alzo gli occhi dallo schermo e mi accorgo che fuori ha cominciato a nevicare. Il film continua, insieme al rumore del mare, al sole, ai corpi abbronzati. Ho pensato che i mondi si intrecciano facilmente e che forse morire sarà semplice come noutare. Anche per chi non sa nuotare, perchè in realtà sa nuotare solo che non se lo ricorda.
______________________Antonella Anedda, poetessa e saggista. Vive a Londra, lontane origini sarde. Non la conoscevo, Isolaria - Viaggio nell'arcipelago della Maddalena l'ho comprato perchè parlava di luoghi a me cari. In questa rilettura breve alla fine dell'arcipelago rimane ben poco, giusto il riferimento che ho messo come incipit, sulla natura intorno alla Maddalena. I luoghi sono gli stessi, Antonella li legge da terra che è molto diverso dal navigarli, perchè un contro è vederle Barretti e Barrettini sulla carta e scriverne chesono due  mosche di pietra, diverso è darci ancora con la risacca, nella corrente del canale tra i due scogli e rendersi conto che sono tutt'altro che insetti inanimati, sono evidentissimamente delle schegge pulsanti di un mondo che vive. Alla fine quindi del suo testo ho tenuto le riflessioni lasciando perdere tutto il resto. In fondo, forse volevamo dire la stessa cosa, Antonella e io.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione: Charlotte di Antonella Iuliano

    Recensione: Charlotte Antonella Iuliano

    Trama: Charlotte sa di non essere una ragazza comune e spesso si domanda perché preferisce alla realtà il mondo immaginario racchiuso dentro di sé. Qualcosa le... Leggere il seguito

    Da  Valentina90
    CULTURA, LIBRI
  • Leggere per poter scrivere

    Salve a tutti!È credenza diffusa quanto erronea che scrivere senza essere poi letti, senza riuscire a crearsi quella che utilizzando la terminologia del mondo... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • Teika per scrivere keiryu

    Teika scrivere keiryu

    Autore: Irina TurcanuVen, 09/08/2013 - 14:30 La cultura giapponese, per gli occidentali, è sempre stata fonte di fascino, in grado di rapirti e portarti in un... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: "Charlotte" di Antonella Iuliano

    Recensione: "Charlotte" Antonella Iuliano

    Prima di cominciare di nuovo a postare - più o meno regolarmente - desidero ringraziarvi, lettori e lettrici di Cipria e Merletti, per aver accolto con tanto... Leggere il seguito

    Da  Mrsfrancis
    CULTURA, LIBRI
  • La fatica di scrivere

    fatica scrivere

    mi aiuta a non divagare e una certa parsimonia nell'enunciazione mi sembra una caratteristica indispensabile in un romanzo poliziesco. Il lettore non ha... Leggere il seguito

    Da  Unostudioingiallo
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • Recensione: Charlotte di Antonella Iuliano

    Recensione: Charlotte Antonella Iuliano

    Cari i miei lettori, chi di voi non ha mai letto un libro delle sorelle Brontë? Se anche voi avete amato “Jane Eyre” oppure “Cime tempestose” non potrete far... Leggere il seguito

    Da  L'Angolino Di Ale
    CULTURA, LIBRI
  • Scrivere! Ipse dixit

    Scrivere! Ipse dixit

    La creatività nasce da un atteggiamento di ricettività per le idee nuove, non da un atteggiamento critico. Per questo un’idea creativa scatta in genere quando... Leggere il seguito

    Da  Studio83
    CULTURA, LIBRI