Magazine Diario personale

Scuse e mal di testa

Da Stefano Borzumato @sborzu
darospoaprincipe

Perché mai ''No, scusa: ho mal di testa'' dovrebbe valere per la donna che evita di adempiere al proprio compito naturale, e non anche per l'arabo che si vuol far brillare in un attentato? Poro Salah Abdeslam...É frase che avrebbe potuto utilizzare anche il ministro Federica Guidi così teneramente dedita al suo menage familiare? Altro che mano amica...E credo sia balenata anche tra i pensieri del bolognese Alberto Vacchi: Confindustria gli ha preferito Vincenzo Boccia. Sempre meglio una tetta a cui attaccarsi.Avrebbe potuto formularla degnamente anche Antonio Contedopo il 4-1 subito dalla Germania?Touchet...Toupet!

darospoaprincipeIn realtà esistono svariati tipi di mal di testa, oltre a quello inventato dalla donna come squallida scusa per non assumersi la propria responsabilità di adulto senziente.

Basterebbe dunque poco per smascherarla, la donna fedifraga! Domande dirette, mirate. E il mistero sarebbe subito svelato. Difficile trovare la donna onesta... Magari si trincererebbe dietro la battuta ''Pesce d'Aprile!'': ma questo varrebbe un solo giorno l'anno. Mentre la sofferenza del pesce si protrae per 365 giorni l'anno.Le statistiche dicono che il 25% delle donne soffre di mal di testa contro il 6% degli uomini: siamo sicuri che questi ultimi non siano uomini solo all'anagrafe?Comunque: che tipo di cefalea colpisce la tua capa? Non santa. E nemmeno quella dell'ufficio.

darospoaprincipe

Ti dolgono i seni? Non le tette: proprio quelli paranasali. Ecco che il dolore si propaga nell'area intorno agli occhi, con epicentro terzo occhio, sopra il naso. I seni paranasali sono quattro paia di cavità collocate all'interno degli zigomi, della fronte, dietro la cavità nasale e, in profondità, dietro l’osso frontale. I seni paranasali sono rivestiti dalle stesse mucose che costituiscono il naso e la bocca.

Quando si viene colpiti da un raffreddore o da un’allergia i tessuti dei seni paranasali si gonfiano e producono una maggiore quantità di muco, esattamente come avviene nel naso. Il sistema di lubrificazione dei seni può bloccarsi e quindi il muco può rimanere intrappolato all'interno dei seni. Tutto ciò facilita lo sviluppo di batteri, virus e funghi, e può provocare la sinusite.

Come si può sputtanare la femmina che millanta? Grazie a una semplice diafanoscopia: inserendo una fonte luminosa nella bocca della menzognera si vede agevolmente se la luce riesce a filtrare attraverso le struttura ossea del volto o meno.

darospoaprincipe

Per il mal di testa a grappolo l'analisi si complica: la diagnosi dipende esclusivamente dalla descrizione di dolore e frequenza degli attacchi compiuta dalla 'malata'.Il dolore è forte e colpisce la zona intorno a un occhio: può durare pochi giorni come intere settimane.É tutto molto teorico, dunque, ma si sa per certo che fumo e alcool sono acceleratori del dolore: quindi, se la millantatrice si prende un bicchiere di vino o si accende una sigaretta, sappiatelo, vi sta mentendo.Altrettanto certo è che i normali analgesici non servono a nulla: quindi, se la millantatrice prende un Moment e sta poi meglio, vi ha mentito.É altresì certo che la posizione sdraiata risulta insopportabile: quindi, se la millantatrice vi volta le spalle nel letto, siate al più portati a prenderlo come un invito.darospoaprincipeLa scusa più probabile di cui la millantatrice si avvarrà sarà inevitabilmente l'emicrania: tra le cause si annoverano lo stress (notoriamente buono per giustificare ogni stato di sofferenza fisica) e gli sbalzi ormonali.É la scusa perfetta. Il dolore che colpisce una parte della testa è acuto, ma non rilevabile oggettivamente. Può durare poco e può passare con un po' di riposo e con un Moment.Si dice sia collegata a disturbi uditivi e visivi, anch'essi riconducibili alla sola sfera soggettiva, però.La nausea e soprattutto il vomito sono due elementi che potrebbero fare la differenza, certo, ma due dita in gola chi non se le sa mettere?É solo con la frequentazione che la millantatrice può essere smascherata: a meno di essere masochista, infatti, dovrà evitare birra e vino, formaggi, cioccolato, caffeina e glutammato (presente in molti preparati giapponesi).
Ecco dunque che solo la vegana purista potrà risultare giustificata dal suo mal di testa. Per tutte le altre... Nessuna pietà! 
Le emicranie sono come i buoni propositi, ci se ne dimentica appena il male è passato. - Marion Crane (Janet Leigh) in Psyco, 1960


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog