Magazine Talenti

Sedicesimo giorno dell'Anno 2020

Da Teoderica

Sedicesimo giorno dell'Anno 2020

Sedicesimo giorno dell’anno, oggi è giovedì sto aspettando di andare a pranzo, oggi si mangiano maccheroni al ragù e i resti della gallina di ieri, che devo dire ha fatto un ottimo brodo. Nel pomeriggio ho il volontariato nella Parrocchia di San Biagio, cosa faccio? Ricamo col punto svizzero o col giornino tovaglie, asciugamani e presine che poi vengono venduti in una bancarella e il ricavato va per i ragazzi dell’oratorio e in parte per un sacerdote di questa Chiesa che ora si trova in Sudamerica nelle favelas. Ricamare è molto rilassante e mi piace, mi porto il lavoro a casa e ricamo alla sera mentre guardo la televisione, l’unico rammarico è che per un asciugamano oltre al tessuto che è molto buono occorrono circa 10 ore di lavoro a cui si aggiungono altre 4 ore di lavoro più il cotone per il pizzo all’uncinetto, dopo tutte queste operazioni il manufatto viene venduto a 20 euro, mi sembra un prezzo troppo basso, mi fa sentire come una ricamatrice indiana pagata 1 euro allora, naturalmente non per me ma perché in beneficenza va a finire molto poco, ma come si dice meglio poco che niente. Anche stamani è nebbioso, ormai è già una settimana che il mondo sembra tutto grigio e non mi ricordo quasi più il colore del sole.Qualche giorno fa sono andata dalla parrucchiera perché volevo tornare coi capelli neri, ero determinata, ma la parrucchiera mi ha detto che lei non me li avrebbe tinti di nero, che sarei dovuta andare da un’altra professionista, perché rossa stavo benissimo e sembravo più giovane, con quest’ultima affermazione mi sono arresa, sembrare più giovane è un mio punto debole, così sto ancora coi capelli rossi.La foto che pubblico è stata scattata a maggio 2019 alla presentazione del mio ultimo romanzo, Io sono la divina, omaggio che mi è stato offerto dalla Circoscrizione dove sono nata e ho vissuto a lungo, una bella giornata, con tante persone, fotografo ufficiale e Autorità, tenutosi in una villa/tenuta vinicola, dove alla fine si è brindato con ottimi vini.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine