Magazine Società

Sequestro di aria

Creato il 31 dicembre 2019 da Simone D'Angelo @SimonDangel

È noto che nel Texas occidentale si pratica lo sfruttamento intensivo dei numerosi giacimenti petroliferi e la canadese Carbon Engineering sta costruendo un impianto per aspirare l'anidride carbonica dall'aria. Si tratta del rivoluzionario e proficuo "sequestro dell'anidride carbonica", con cui si tenta di abbassare il livello del gas nell'atmosfera conservandolo permanentemente in strutture molto spesso nel sottosuolo. Parte della è utilizzabile poi per realizzare prodotti commerciabili.

Attualmente la Carbon Engineering sta portando avanti qualcosa di simile a Squamish, nella Columbia britannica, in Canada, dove grazie ad un impianto pilota assorbe l'anidride carbonica dall'aria e la trasforma in combustibile. Parte di essa può essere venduta e utilizzata in vari contesti, finanche nell'estrazione stessa del petrolio o nella conduzione di nanotubi di carbonio, sostanze chimiche utili o materie plastiche.

Si stima che il mercato del sequestro dell'anidride carbonica sotto terra sia arrivato già ad 1 trilione $ all'anno: la tecnologia per fare ciò è infatti abbastanza matura e ben compresa e in alcune regioni viene già utilizzata in siti su larga scala. Tuttavia il ritmo deve essere accelerato e raggiungere ben altri livelli, dato che per stabilizzare il riscaldamento globale in corso a 2° Celsius dovranno essere sequestrati tra 120 e 160 miliardi di tonnellate di dall'aria.

Posted in Contrassegnato da tag Natura anidride carbonica, aria, Canada, Carbon Engineering, carbonio, combustili, giacimenti, nanotubi, petrolio, plastica, pozzi petroliferi, riscaldamento globale, sostanze chimiche, sottosuolo, Texas

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine