Magazine Attualità

Serie A: domina la Lazio, bene anche il Verona, ancora KO il Catania

Creato il 15 settembre 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online
Lazio-Verona-Catania

Lessio / Foter / CC BY-NC

Dopo i quattro anticipi tra ieri e oggi e in attesa del derby Samp – Genoa  e di Parma – Roma (in campo rispettivamente stasera e domani alle 20:45), questi i risultati delle altre partite della terza giornata di serie A, che, tornata dopo la sosta per la Nazionale, ha visto tra le altre in campo Lazio, Udinese, Verona e Catania.

LIVORNO – CATANIA 2-0 (66’, 72’ Paulinho)

Nonostante una bella prestazione, il Catania perde anche al ”Picchi” di Livorno. Partono bene gli etnei, che, con un paio di occasioni, impegnano la difesa labronica, rendendosi pericolosi soprattutto nei calci piazzati e nelle palle alte. Occasionissima anche per il Livorno a fine primo tempo, con Emeghara che sfrutta una brutta uscita di Andujar e tira a porta vuota, ma il pallone viene salvato sulla linea da Spolli. Nel secondo tempo, dopo un palo colpito dal Livorno, arriva la rete al 66’ che spezza le gambe al Catania: assist di Schiattarella e tiro di Paulinho, che non sbaglia. Passano sei minuti e arriva il raddoppio di Paulinho dopo un disastroso errore di Andujar, uscendo ancora malissimo su Emeghara, che riesce a servire il brasiliano per la sua doppietta personale. Prova  a reagire il Catania, che colpisce pure la traversa con una bella rovesciata di Bergessio, ma il risultato non cambia. Per i rossoblu terza sconfitta in tre gare, rimanendo ancora a secco in campionato.

 

LAZIO – CHIEVO VERONA 3-0 (8’ Candreva, 39’ Cavanda, 42’ Lulic)

Bella vittoria della Lazio di Petkovic, che all’Olimpico strapazza il Chievo 3-0, giocando una partita dominata in lungo e largo per buona parte della gara. Passano 8 minuti ed è subito vantaggio biancoceleste: ruba palla a centrocampo Ederson, che serve Candreva, destro sporcato che entra in rete. Reagiscono i gialloblu con Thereau, che però manda alto su ribattuta di Marchetti sul tiro di Paloschi. La Lazio è più in forma e segna due gol nel giro di tre minuti: prima al 39’ segna di testa Cavanda, poi triplica Lulic, che si invola sulla fascia sinistra e con un diagonale batte Puggioni. Nella seconda frazione Chievo quasi assente, con la Lazio che sfiora più volte la goleada.

 

UDINESE – BOLOGNA 1-1 (71’ Diamanti, 85’ Di Natale)

Al “Friuli” di Udine pareggio 1-1 tra bianconeri e rossoblu, con l’Udinese un po’ più incisiva del Bologna ma alla fine il risultato è più che giusto. Nel primo tempo occasioni da gol per i friulani, con Di Natale, Muriel e Pereyra che non riescono a portare in vantaggio i bianconeri. Nel secondo tempo ancora l’Udinese a controllare il gioco, ma fatica a trovare spazi. La partita si fa più equilibrata ed è proprio il Bologna a passare in vantaggio: al 71’ Diamanti conquista e batte la punizione vincente, segnando un gran gol. L’Udinese non ci sta e reagisce, ma i felsinei si difendono con ordine e concedono poco. A cinque minuti dalla fine l’Udinese pareggia, con un bel gol di Di Natale: Muriel controlla un pallone in area, numero in mezzo a quattro, pallonetto per Totò Di Natale che al volo batte Curci.

 

HELLAS VERONA – SASSUOLO 2-0 (12’ Martinho, 93’ Romulo)

Lo scontro tra le due neopromesse, che si sono date battaglia nello scorso campionato cadetto, termina con una vittoria del Verona. Gli uomini di Mandorlini partono subito bene e passano meritatamente in vantaggio dopo 12 minuti: assist di Hallfredsson per Martinho, il cui sinistro batte Pomini. Poco dopo si fa avanti anche il Sassuolo, che sfiora il gol con una bella punizione di Kurtic, che sfiora l’incrocio dei pali. Il secondo tempo è più neroverde che gialloblu, ma il Sassuolo non riesce a concretizzare le numerose palle-gol. All’80’ occasionissima per gli emiliani: colpo di testa di Floro Flores respinto dal portiere Rafael, Acerbi a due passi però sbaglia clamorosamente, mandando il pallone alto. Nei minuti finali il Sassuolo prova l’assedio, ma la beffa arriva al 93’ col raddoppio di Romulo che, ben servito da Jorginho, batte l’estremo difensore emiliano. Con questa vittoria l’Hellas sale ancora in classifica, portandosi a 6 punti; quota 0 ancora per il Sassuolo, che non trova il primo punto stagionale.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :