Magazine Calcio

Serie A: male la Lazio con l’Atalanta, vince il Genoa

Creato il 20 ottobre 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online
Serie A

Photo Credit: Roberto Vicario / Wikimedia Commons / CC-BY-SA-3.0

Nell’ottava giornata di Serie A, oltre a Fiorentina Juventus, si sono giocate due partite fondamentali. Da un lato Atalanta-Lazio, per conquistarsi una posizione nella zona dell’Europa League, dall’altro Genoa-Chievo, entrambe alla disperata riesca dei tre punti per tornare nella zona salvezza e cercare di avvicinarsi alla parte alta della classifica.

Atalanta – Lazio: 2 – 1

È inaspettato anche il primo risultato di questa domenica di campionato: Lazio sconfitta dall’Atalanta per 2-1, con gli orobici che portano a casa la terza vittoria consecutiva e salgono in classifica entrando, inaspettatamente, in zona Europa League. Male la Lazio, che non riesce a trovare continuità di risultati e, dopo due pari, crolla. Il primo tempo tra Atalanta e Lazio si conclude con il risultato di 1 a 0 a favore dei padroni di casa grazie al gol di Cigarini al 41′. Nella prima mezz’ora non si vedono grandi occasioni: merito delle due squadre, entrambe molto attente in fase difensiva e nel pressing, che bloccano ogni ripartenza, concedendo soltanto qualche tiro da fuori area. Molto più acceso è, invece, il finale della prima frazione di gara, con tre ottime occasioni per la squadra di casa, di cui solo l’ultima viene sfruttata a dovere. La prima con Bonaventura, con un bel destro dall’area su cross di Del Grosso, respinto da Marchetti. Il secondo tentativo è di Moralez, che servito in profondità da Cigarini, scavalca Marchetti in uscita, ma il suo tocco, troppo debole, vien salvato da Cavanda sulla linea di porta. Al 41′, l’Atalanta va finalmente a segno: su un cross respinto dalla difesa laziale, al limite, Cigarini calcia al volo e batte Marchetti, infilando il pallone nell’angolino in basso a sinistra della porta.
Non meno intenso è il secondo tempo: al 53′, la partita si riapre con il pareggio della Lazio grazie a un bel piatto di Perea, lasciato libero dalla difesa imbambolata e ben servito da un cross di Lulic. Le squadre continuano a spingere, nel tentativo di raggiungere la vittoria, anche nei minuti finali della ripresa: prima ci prova la Lazio, con un destro dai 25 metri che sibila alla sinistra della porta di Consigli. La partita, però, si chiude all’82′: Cigarini recupera un pallone a centrocampo, serve Denis che, sul filo del fuorigioco, supera Marchetti e insacca a porta vuota.

Genoa – Chievo Verona 2-1

A Marassi si gioca una partita importante per entrambe le rivali. Unico obiettivo: allontanarsi dalla zona retrocessione. Ci riesce il Genoa, che dal ritorno di Gasperini ha mostrato una nuova mentalità, più aggressiva, più sicura. Il Chievo, invece, non riesce né a essere efficace nella manovra offensiva né a dare una sicurezza alla squadra, restando poco solido nella linea difensiva, e soccombe: 2-1, penultimo posto in classifica e panchina a rischio. I gol decisivi sono entrambi di Gilardino. Il primo arriva al 22′, dopo un primo tempo di duri contrasti e contatti corpo a corpo tra gli avversari, ma nessuna vera occasione: l’ex bolognese colpisce con un colpo di testa su cross di Marchese e battendo il portiere Puggioni. Inutile il pareggio del Chievo all’inizio della ripresa: Bentivoglio, servito da Pellisssier, sfrutta il contropiede avviato da Estigarribia battendo il portiere Perin e riportando il risultato in equilibrio. Al 57′ è proprio Bentivoglio, sfortunato, a condannare i suoi compagni alla sconfitta: il centrocampista riesce a salvare sulla linea della propria porta una conclusione arrivata dagli sviluppi di un corner, ma la palla rimbalza sulla faccia di Gilardino ed entra in rete. Il risultato si chiude sul punteggio di 2-1. Una vittoria importante, con Gasperini e Gilardino che ci mettono la faccia (chi più chi meno letteralmente).

Fine della prima parte sulla domenica di Serie A.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :