Magazine Cultura

Sessant'anni dalla morte di Stalin. Una poesia di Mandel'štam

Creato il 05 marzo 2013 da Candida
Sessant'anni dalla morte di Stalin. Una poesia di Mandel'štamSe ne sprecheranno oggi di parole.   E' comunque importare ricordare una delle tragedie che ha devastato il Novecento.
Lo faccio con una delle poesie di Osip Mandel'štam, poeta morto proprio per la sfida lanciata a Stalin con questi versi. Dopo questa poesia Mandel'štam fu arrestato (la dettò lui stesso all'ufficiale della Lubjanka che lo interrogava) ma se la cavò con un confino. Ma qualche anno dopo, durante il Grande Terrore del 1937, un nuovo arresto finirà con la condanna ai lavori forzati e alla sua morte in un lager di transito.
Non ci sentiamo il paese sotto i piedi
Non ci sentiamo il paese sotto i piedi,
a dieci passi di distanza non si sentono le voci,
e ovunque ci sia spazio per un mezzo discorso
salta sempre fuori il montanaro del Cremino.
Le sue dita dure sono grasse come vermi,
le sue parole esatte come fili a piombo.
Ammiccano nel riso i suoi baffetti da scarafaggio,
brillano i suoi stivali.
Ha intorno una marmaglia di ducetti dagli esili colli
E si diletta dei servigi di mezzi umini.
Chi miagola, chi stride, chi guaisce
Se lui solo apre bocca o alza il dito.
Forgia un decreto dopo l’altro come ferri di cavallo:
e a chi lo dà nell’inguine, a chi fra gli occhi, sulla fronte o sul muso.
Ogni morte è una fragola per la bocca
Di lui, osseta dalle larghe spalle.
(trad. di Serena Vitale)
Мы живем, под собою не чуя страны,
 Наши речи за десять шагов не слышны,
 А где хватит на полразговорца,
 Там припомнят кремлевского горца.
 Его толстые пальцы, как черви, жирны,
 И слова, как пудовые гири, верны,
 Тараканьи смеются глазища
 И сияют его голенища.
 А вокруг него сброд тонкошеих вождей,
 Он играет услугами полулюдей.
 Кто свистит, кто мяучит, кто хнычет,
 Он один лишь бабачит и тычет.
 Как подкову, дарит за указом указ –
 Кому в пах, кому в лоб, кому в бровь, кому в глаз.
 Что ни казнь у него – то малина
 И широкая грудь осетина.
Ноябрь 1933

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una ricetta

    Prendi quattro gamberi, lasciali erubescendere di complimenti e soffrittitudine in una padella color-del-cielo-quand'è-terso, un minuto per gambero, non di... Leggere il seguito

    Da  Fabriziogabrielli
    CULTURA
  • una moda...

    moda...

    La violenza sui bambini nella moderna letteratura poliziesca. Ritorno su un argomento che mi sta a cuore e di cui ho accennato in altro blog, riprendendone in... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA, LIBRI
  • Una Casa

    _______________________________________________________________ Domenica 4 novembre 2012 UNA GIORNATA AL CENTRO DI ASCOLTO (2): Una Casa che sia anche Comunità... Leggere il seguito

    Da  Gabrielederitis
    CULTURA, LIBRI, SALUTE E BENESSERE, SPIRITUALITÀ
  • Serie TV - Una classifica e una domanda

    Serie classifica domanda

    Non sono mai stato un attento appassionato di telefilm. Infatti, ne ho viste pochissime, di serie tv, la maggior parte delle quali solo recentemente. Leggere il seguito

    Da  Drjekyllmisshyde
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Una notte

    notte

    Domenica 23 Dicembre 2012 21:12 Scritto da danipi Era una notte come tante altre quella notte. Anche quella notte era nata la Luna , che brillava con il suo vis... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Una biblioteca in una provetta

    biblioteca provetta

    Pochi giorni fa Sul Romanzo vi parlava di futuro, in particolare della prima biblioteca pubblica interamente digitale. Pensavamo di avere intravisto il tempo... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Una confessione

    Quelli che seguono questo spazio dall’inizio sapranno che, per un breve periodo di tempo, il mio romanzo, chiamato provvisoriamente Alba di Guerra, è stato... Leggere il seguito

    Da  Fant
    CULTURA, FANTASY, LIBRI, SERIE TV