Magazine Diario personale

Sherlock Stagione 4

Creato il 20 luglio 2017 da Johnny @Cornerhouseroma
Sherlock Stagione 4

Ragassuoli, per un'imperdonabile e inspiegabile mancanza qui al Cornerhouse, la famosa webbetola che tanto amate frequentare per il suo gustoso cincischiare di facezie, non ha mai parlato di una serie TV di alto livello, sempre una spanna sopra alla monnezza che mediamente ci guardiamo ossia Sherlock. La serie con protagonista Benedict Cumberbach che reinterpreta in chiave moderna le avventure del celebre Consulente investigatore Sherlock Holmes.

Se c'è una serie che ha sempre messo d'accordo te e tue moglie è proprio questa. Ti è piaciuta così tanto da regalare il cofanetto con le prime tre stagioni a tuo padre perché doveva nella maniera più categorica vederla insieme a tua madre!

Visto che proprio ieri sera avete finito di vedere la quarta (e forse ultima) stagione è giunto quindi il fatidico momento di scommentare a sproposito ma con stile anche questa serie tv purtroppo assente fin'ora dal blog.

Da qui in poi ci sono Spoiler e rovinatori vari, quindi se vi interessa non sapere nulla, al solito ci si legge presto altrimenti proseguite pure che ci fa piacere as usual!

Pronti Noi Zi Va

è davvero difficile scrivere questo piccolo e superfluo commento su Sherlock perché indubbiamente si tratta di una delle serie che più hai apprezzato fin'ora, l'onda emotiva dell'entusiasmo potrebbe davvero farti chiudere il post qui con gli occhi pieni di cuori e bruschette ma si sa, dobbiamo cercare di andare un po' oltre il semplice Like di facciabuk .Sherlock in ogni caso, è una serie a cui tutti gli appassionati di serie tv dovrebbero dare una possibilità. In una ipotetica Top5, Sherlock si giocherebbe una posizione sicuramente importante, dalla regia potrebbero tifare per una Top3.

Proprio con la seconda stagione, in cui concordi con tua moglie che sia la stagione migliore, è nato il vostro amore per questa serie dove tutti i meccanismi per realizzare un intrattenimento "fatto bene" c'erano davvero tutti: Sia da un punto di vista attoriale con Cumberbach e Freeman che interpretano alla grande i loro personaggi. Sia da un punto di vista tennico, infatti la serie eccelle in molti ambiti in particolare sul fronte della sceneggiatura, della regia e della fotografia.

Non è semplice per te scegliere il tuo episodio preferito, sicuramente è uno tra il primo o il terzo della seconda stagione e quindi nel tuo ideale di "puntata di Sherlock", avresti sempre piacere che l'episodio si sviluppi in maniera analoga a questi due ma già a partire dal finale della terza stagione qualcosa è cambiato e nella quarta stagione il cambiamento ha raggiunto il suo apice, la sua maturazione e la sua quadratura.

L'emotività di Sherlock che prima era trascurata ora è il centro nevralgico intorno al quale sono stati creati gli ultimi episodi che hanno composto la quarta stagione.

Se inizialmente la struttura degli episodi di Sherlock era pressoché concentrata sulla risoluzione dei casi in particolare sugli elementi che Sherlock era in grado di cogliere prima degli altri, il presente invece, ha visto degli episodi che hanno cercato di esplorare i limiti, l'etica e la morale dei principali protagonisti della serie. Inevitabile non pensare che esista un prima e un dopo la morte di Moriarty così come è altrettanto impossibile non paragonare i successivi villain alla sua terrificante e carismatica figura. C'è da dire però che ora viene da chiedersi se quel colpo di pistola con cui Moriarty si suicidò non sia figlio di qualcosa di diverso come vedremo a breve.

Le difficoltà nel gestire i rapporti che prima facevano sorridere, ora invece soprattutto a causa dei drammi che hanno colpito il Dr Watson, sono il grande nemico contro cui Sherlock dovrà lottare perseguitato dall'ombra del cadavere di Moriarty o dai ricordi dimenticati del suo passato.

Le trasformazioni non hanno colpito solo i personaggi ma anche il lato tennico è stato premuto a dovere con soluzioni cinematografiche e visionarie in alcuni tratti anche oniriche che hanno permesso ai noi utenti di percepire visivamente gli stati d'animo dei personaggi e entrare maggiormente in empatia con loro. Un lavoro veramente gagliardo e nel suo piccolo metaforico, quasi poetico.

Con la quarta Stagione di Sherlock si è inevitabilmente chiuso un cerchio. Abbiamo assistito alla maturazione dei suoi personaggi, sino al raggiungimento della loro completa consapevolezza del loro modo di essere e l'abbandono dei fantasmi che li hanno torturati sino a questo momento.

Tutto sembra finalmente aver avuto una risposta, o almeno, tutte le domande principali possiamo considerarle risolte. Tutto gira intorno alla figura di Victor Trevor (personaggio che Doyle ha inserito nel racconto Il Mistero della Gloria Scott). Il suo omicidio per mano della sorella di Sherlock e Mycroft, Euros, è l'origine della sociopatia di Sherlock e del muro di menzogne che da sempre avvolge Mycroft.

Sti cavoli quindi di tutte le mancanze narrative che l'ultimo episodio "Il problema finale" mostra nel devastante incontro tra Moriarty e Euros. Chi dei due è davvero la mente di tutto quello che abbiamo visto? Come possono aver costruito tutto questo in soltanto cinque minuti? Hanno avuto uno storia? Si sono visti ulteriormente? Forse non lo sapremo mai. Oh che poi nell'intento degli sceneggiatori, è chiaro che non c'era quello di dare una risposta chiara e definitiva a questi aspetti non rilevanti per la maturazione emotiva di Sherlock.

Si abbiamo capito, la serie ti piace, i personaggi evolvono, hai usato un sacco di parole quasi pheeegose ma a dirla tutta, la quarta stagione di Sherlock ti è realmente piaciuta? Avresti voluto girarci intorno, lasciare voi commensali con il dubbio ma no non si può non è corretto. Quindi? Ok, Ok ora lo scrivi. La quarta stagione non è certamente la tua stagione preferita forse è al terzo posto perché è comunque meglio della terza. Si Bello il percorso, bella l'evoluzione ma "il primo Sherlock", lo stile iniziale ti garbava di più. Oh i gusti son gusti! Sorry.

Per questo, è difficile immaginare altre storie della stessa qualità (che a far soldi sfruttando il brand siam bravi tutti). Forse non c'è più niente da raccontare oppure semplicemente ogni capitolo della nostra vita, del nostro viaggio deve semplicemente avere un inizio e una fine.

In ogni caso grazie del pesce e tutto il resto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :