Magazine Salute e Benessere

Si dimette per conflitto di interessi un oncologo di fama mondiale

Creato il 07 gennaio 2019 da Informasalus @informasalus

conflitto interessi

Conflitto di interessi. È questo il motivo che ha portato alle dimissioni dalla stampa scientifica di un oncologo americano di fama mondiale. Il Dr. José Baselga, ex capo medico del Memorial Sloan Kettering Cancer Center, si è dimesso circa dieci giorni fa dall’incarico di redattore capo del Cancer Discovery, un importante giornale scientifico, dopo aver omesso di rivelare accuratamente i suoi conflitti di interesse in dozzine di articoli su riviste mediche.

“Il Dr. Baselga non ha rispettato gli elevati standard relativi alla divulgazione di conflitti di interesse che l’AACR si aspetta dalla sua leadership. Di conseguenza, al Dr. Baselga è stato chiesto di dimettersi dal suo ruolo di redattore capo nella rivista”. È quanto ha spiegat o in una nota l’American Association for Cancer Research (AACR), che pubblica la rivista che Baselga stesso ha contribuito a creare e alla negli ultimi otto anni ha lavorato come editore.

Figura di spicco nel mondo della ricerca sul cancro, Baselga si è dimesso anche da capo ufficiale medico del Memorial Sloan Kettering.

Tutto è avvenuto dopo che il New York Times e ProPublica hanno rivelato che Baselga ha volontariamente omesso di rivelare milioni di dollari di pagamenti da parte di aziende farmaceutiche per decine di articoli di ricerca pubblicati. Il New York Times e ProPublica hanno rscoperto che il dottor Baselga non aveva segnalato legami con le case farmaceutiche nel 60% dei quasi 180 articoli pubblicati dal 2013 in poi. Una cifra che è aumentata ogni anno: l’oncologo non avrebbe rivelato alcun conflitto nell’87% degli articoli di giornale che ha co-scritto l’anno scorso.

Il Dr. Baselga contattato per un commento ha fornito la lettera di dimissioni che ha inviato all’AACR, ringraziando l’organizzazione per la sua “revisione deliberata e approfondita, e per aver affermato che la mancata divulgazione delle informazioni è stata involontaria”. “Capisco, tuttavia – ha continuato – che la situazione mi rende difficile continuare in un ruolo di leadership”.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog