Magazine Per Lei

Siamo tutte principesse

Creato il 19 aprile 2019 da Annachiatto @AnnaChiatto
19 aprile 2019

Ho incontrato un pirata che mi ha detto che sono una principessa. No, non mi stava facendo un complimento, ma non voleva ferirmi. Ci stavamo raccontando e disegnava con le parole l’immagine che ha di me.

La mia fotografia mi immortalava mentre vivo tutto come una favola. Mi metto abiti da Cenerentola come in una favola. Bacio con gli occhi sognati come in una favola. E dipingo tutto intorno la mia quotidiana e personalissima favola.

E ho cominciato a credere che avesse ragione e mi sono chiesta quando sono diventata una principessa che racconta favole (e perché?).

Non è stato da bambina. Avevo troppo da fare a salvare gli adulti a cui volevo bene e alle recite scolastiche sceglievo sempre i ruoli da maschio. Perché erano quelli forti. Non volevo fare la donzella in difficoltà. Credere nella favole da dove vengo io è complicato. Cresci con la consapevolezza che la realtà è tutto tranne che quella scritta nei romanzi.

Poi sono cresciuta. È lì che qualcosa è cambiato. Volevo che tutto intorno a me fosse bello. Volevo essere all’altezza e non sua altezza. Volevo essere gentile e raffinata come Grace Kelly. Volevo essere a mio agio con la ricchezza anche se non basta solo quella, volevo la grazia nelle cose e degli animi. Volevo essere Carry di Sex and City per usare una metafora moderna. Volevo scriverla io la mia favola e raccontarla agli altri.

È a quel punto che sono diventata una principessa.

È forse per questo che ho scelto un lavoro che prevede che la soddisfazione più grande sia far vivere un giorno da favola a chi ha deciso di essere principessa per un giorno almeno.

Vogliamo tutte essere delle principesse.

E non cerchiamo necessariamente un principe ma qualcuno che creda che qualche giorno l’anno le favole possano esistere, e che ci permetta di sognare anche (e soprattutto) quando la vita fa schifo.

Sono una principessa. Anche se non ho un regno e non aspetto un principe azzurro che venga a salvarmi.

Siamo tutte principesse


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine