Magazine Attualità

Siena capitale del jazz internazionale

Creato il 03 luglio 2017 da Paomaggi @paomaggi

Siena capitale del jazz internazionaleAncora  da smaltire gioie e del Palio Siena si appresta a ospitare le più importanti scuole di jazz del per una settimana di concerti straordinari. Dall’8 al 14 luglio infatti Siena Jazz mette in scena il ventisettesimo International IASJ Jazz Meeting che quest’anno festeggia anche i 40 anni dell’Accademia Nazionale del Jazz di Siena, nata il 9 settembre del 1977.
 Per una settimana circa 150 partecipanti provenienti da più di 20 nazioni in rappresentanza di 48 scuole di jazz suoneranno insieme e si confronteranno nei loro percorsi formativi dando vita a un evento musicale, culturale e sociale che, fin dalla sua nascita, è stato espressione di valori quali la solidarietà fra i popoli e dell'importanza della musica come collante fra i giovani di culture, nazioni e religioni diverse.
Ogni giorno presso le aule di Siena Jazz saranno sei i concerti pomeridiani (dalle ore 18.30 alle ore 20.00), mentre a partire dalle ore 21.45 gli studenti e i docenti si esibiranno in alcuni dei luoghi più unici e suggestivi della città.
Siena capitale del jazz internazionaleSi comincia sabato 8 luglio con un grande concerto inaugurale in Piazza Provenzano che vedrà esibirsi la “Siena Jazz University Orchestra” diretta da Roberto Spadoni con special guest il sassofonista statunitense Dave Liebman
Domenica 9 luglio sarà il  Cortile del Rettorato dell’Università degli Studi di Siena a ospitare la jam session che vedrà protagonisti studenti e docenti del meeting.
Quindi le jam session si sposteranno in contrada: il 10 luglio nella Società “Castelmontorio” della Contrada di Valdimontone; l’11 luglio presso la Società “Il Rinoceronte” della Contrada della Selva; il 12 luglio nella Società “San Marco” (giardini dell’Oliveta) della Contrada della Chiocciola. I concerti finali del Meeting si terranno invece giovedì 13 e venerdì 14 luglio nella Società “Romolo e Remo” della Contrada della Lupa.
Pao. Ma.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :