Magazine Cucina

SIPO, al via la raccolta di indivia scarola e riccia imbiancata nelle Marche

Da Giorgino50
Sipo ha dato il via alla raccolta delle produzioni di indivie, sia liscia che riccia, nella provincia di Fermo, zona vocata per questa coltura.Le indivie sono un prodotto tipicamente invernale,  prediligono un terreno lavorato e preparato con cura. La coltura dell’indivia si avvia attraverso il trapianto di piantine provviste di pane di terra, che vanno irrigate con regolarità e di frequente. Con la pratica dell’imbiancamento si ottengono cespi teneri e di sapore delicato. Si attua semplicemente legando le foglie con un elastico. Mediamente nell’arco di 10-20 giorni, a seconda del periodo e delle varietà, si ottengono cespi pronti per il consumo. Si inizia dai cespi più sviluppati, che vanno legati quando si presentano completamente asciutti, per evitare marciumi che potrebbero compromettere totalmente il raccolto. La legatura ha il compito di impedire alla luce di giungere al cuore della pianta al fine di evitare la produzione di clorofilla, rendendo quindi le foglie più chiare.Dopo la raccolta il prodotto viene lavorato a mano e con coltello in stabilimento, le foglie verdi vengono scartate fino ad avere solo il cuore bianco del prodotto. Mediamente da una pianta viene gettato il 45-50% di foglie, ecco perché la scarola e la riccia hanno un prezzo più elevato rispetto al prezzo di mercato delle stesse ma coltivate senza essere legate.L’indivia è un ortaggio molto poco calorico e croccante con un leggero sapore amaro, ricco di vitamina A, B, C e K ma anche di potassio e calcio. Presenta un basso contenuto di sodio ed una buona quantità di ferro e fibra, di acido folico.L’indivia è una pianta biennale ed originaria del bacino del Mediterraneo che può essere consumata sia cruda che cotta (ottima saltata in padella).Visita il nostro Blog http://blog.sipo.it/ per imparare delle nuove ricette.                                                  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :