Magazine Media e Comunicazione

Sky Sport MotoGP HD: programmazione dedicata a una stagione straordinaria

Creato il 09 novembre 2015 da Digitalsat
Sky Sport MotoGP HD: programmazione dedicata a una stagione straordinaria

Sky Sport MotoGP HD: programmazione dedicata a una stagione straordinariaLa grande rimonta di Valentino Rossi a Valencia non è bastata, ma le imprese del campione italiano nel Mondiale 2015 rimarranno a lungo nel cuore di tutti i tifosi che, fino alla fine, hanno voluto sognare. Per ringraziare Rossi di questa stagione indimenticabile, e per celebrare il quinto titolo iridato di Jorge Lorenzo, da Sky Sport MotoGP HD (canale 208) dedicherà l'intera programmazione al campionato appena concluso.

Si parte lunedì 9 novembre, alle 9.45 del mattino con "Lorenzo V", uno speciale che racconta i titoli mondiali vinti dallo spagnolo. Alle 19, poi, sarà in onda il primo passaggio di "Una stagione straordinaria", per rivivere la storica sfida tra Rossi e Lorenzo e un Mondiale mai così competitivo curva dopo curva.

A partire da martedì 10, spazio all'attualità con i primi test della nuova stagione sul circuito di Valencia, in onda dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17, in diretta su Sky Sport MotoGP HD. In serata, alle 20.45, si torna a parlare della gara di Valencia con la rubrica "Fast Track", che ripropone gli highlights delle tre classi.

Mercoledì 11, i piloti saranno di nuovo in pista per la seconda giornata di test spagnoli, in onda sempre dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17 sul canale 208. Alle 20, spazio alle parole del campione del mondo 2015 Jorge Lorenzo, a cui Sky ha riservato una one to one esclusiva. Seguirà alle 20.30 l'appuntamento con "MotoGP Fever", per rivivere il meglio del GP spagnolo con frammenti di gara, interviste e momenti chiave dal Paddock.

Nei giorni successivi, a rotazione su Sky Sport MotoGP HD, sarà poi possibile rivivere gare, interviste, rubriche e speciali che raccontano la stagione appena conclusa.

IL FILM DEL MOTOMONDIALE 2015

  1. Qatar: 29 marzo. Si accendono i motori. In notturna vince Rossi davanti alle Ducati di Dovizioso e Iannone. È una storica tripletta italiana.
  2. Usa: 12 aprile. Ad Austin vince il campione del mondo in carica Marc Marquez, davanti a Dovizioso. Terzo Valentino Rossi, che è leader della classifica.
  3. Argentina: 19 aprile. Rossi taglia il traguardo per primo e sul podio indossa la maglia numero 10 di uno dei suoi eroi, Diego Armando Maradona.
  4. Spagna: 3 maggio. A Jerez Jorge Lorenzo piazza la prima di quattro vittorie consecutive. Il maiorchino trionfa davanti al pubblico di Casa, ma "Rossi c'è": terzo.
  5. Francia: 17 maggio. A Le Mans Lorenzo è primo. Però Rossi non molla ed è secondo. I due, compagni in Yamaha, si abbracciano dopo il traguardo. La Malesia è ancora lontana.
  6. Italia: 31 maggio. Al Mugello i tifosi del 'Dottore' sperano nella vittoria, ma è ancora il maiorchino a prevalere. Rossi è terzo, dietro a Iannone ed è comunque festa.
  7. Catalogna 14 giugno. Ancora Lorenzo, sempre più vicino a Rossi che limita i danni con l'ennesimo secondo posto.
  8. Olanda: 27 giugno. Assen è terra di Valentino. Che infatti torna alla vittoria davanti ad un ritrovato Marquez. Anche Lorenzo sale sul podio. La gara ha uno strascico polemico per le 'sportellate' tra Rossi e Marquez all'ultima curva. Alla fine i protagonisti sorridono, ma è l'inizio della fine di un'amicizia.
  9. Germania: 12 luglio. Al Sachsenring le Honda arrivano davanti. Ma il pesarese, terzo, tiene ancora dietro Lorenzo.
  10. Indianapolis: 9 agosto. Si torna in America e rivince Marquez. Segue Lorenzo, Rossi terzo.
  11. Repubblica Ceca: 16 agosto. A Brno giornata storta per Rossi. Vince Lorenzo e Marquez gli nega il secondo posto.
  12. Gran Bretagna: 30 agosto. A Silverstone Valentino trionfa sotto la pioggia. Un ottimo Danilo Petrucci, con la Ducati Pramac, sale per la prima volta sul podio a precedere Dovizioso.
  13. San Marino: 13 settembre. Anche a Misano la pioggia rimescola le carte. Vince Marquez davanti a Smith e Redding, increduli di essere sul podio. Rossi è quinto, ma approfitta della caduta di Lorenzo per guadagnare punti.
  14. Aragon: 27 settembre. Sul podio Lorenzo, Pedrosa e Rossi.
  15. Giappone: 11 ottobre. A Motegi è Pedrosa a tornare alla ribalta, dietro Lorenzo e Rossi.
  16. Australia: 18 ottobre. Vince Marquez a Phillip Island, seguito da Lorenzo e da un incontenibile Iannone che "ruba" punti a Rossi, che stavolta non va sul podio. E comincia a 'sospettare' Marquez di tirare la volata al connazionale.
  17. Malesia: 25 ottobre. A Sepang sul podio salgono Pedrosa, Lorenzo e Rossi. Ma il contatto tra Rossi e Marquez, con la caduta del pilota Honda fa esplodere la bomba che covava dall'Australia. E costringe il pesarese a partire ultimo a Valencia. Ultimo atto di una stagione che è già nella storia.
  18. Valencia: 8 novembre. Rossi parte ultimo, Lorenzo a razzo. Lo spagnolo primo dall'inizio alla fine è inseguito - quasi scortato - da Marquez che non attacca mai. Rossi scala posizioni ma arriva solo alla quarta, e lì il divario è oramai incolmabile. Prova Pedrosa a ravvivare la corsa: da terzo attacca Marquez, ed è l'unico brivido in testa, sorpasso e controsorpasso. Senza rischi Lorenzo chiude primo, e campione del mondo.
In testa fin dalla prima gara sono mancati 5 punti per la vittoria del decimo Mondiale a Valentino Rossi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :