Magazine Attualità

Smart Communities Tech, il Cluster tecnologico a Torino

Creato il 18 luglio 2017 da Retrò Online Magazine @retr_online
Smart Communities Tech, il Cluster tecnologico a Torino

Qui lavorano in rete nove regioni e province italiane: Piemonte, Lombardia, Toscana, Veneto, Liguria, Provincia Autonoma di Trento, Emilia Romagna, Lazio, Puglia.

Qui si collabora allo sviluppo di nuove tecnologie in aiuto alle sfide locali di ogni sistema metropolitano: mobilità, sicurezza e monitoraggio del territorio, salute e benessere, istruzione e formazione, beni culturali e turismo, e-governement, energia e ambiente.

Qui vengono incoraggiati e supportati nuovi modelli di collaborazione pubblico-privato, capaci di ideare e realizzare soluzioni tecnologiche innovative per migliorare concretamente la qualità di vita nelle piccole e grandi comunità.

Grazie al supporto della rete tecnologica nazionale, Smart Communities Tech ha l'obiettivo di costituire un grande aggregato di competenze italiane (e non solo), coerente con le priorità di Horizon 2020, in grado di mobilitare congiuntamente il sistema industriale, il sistema della ricerca e quello della pubblica amministrazione nazionale e regionale per generare agende comuni di ricerca e piani strategici di sviluppo tecnologico condiviso.

In particolare il Cluster intende promuovere:

  • investimenti focalizzati sui bisogni prioritari evidenziati dai territori e dalle comunità.
  • Coordinamento tra i progetti, riducendo la duplicazione di investimenti e aumentando il livello di interoperabilità delle soluzioni;
  • Ricadute industriali dei progetti di ricerca in termini di soluzioni permanenti sui territori e di sviluppo dei soggetti coinvolti.PMI, Granzi aziende e PA possono aderire al network di Smart Communities Tech ed avere accesso a tutto il supporto che il cluster mette a diposizione dei propri associati. Basta seguire le istruzioni date nel sito www.smartcommunitiestech.it
  • Chi ha accesso a tutto questo?
Smart Communities Tech, Cluster tecnologico Torino

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :