Magazine

Smettere di fumare: effetti benefici sul corpo umano

Creato il 12 aprile 2017 da Justnewsitpietro

Chi decide di smettere di fumare sa già che i primi mesi dovrà lottare contro gli effetti collaterali causati dalla crisi di astinenza, perché come ben si sa , la nicotina è considerata a tutti gli effetti una droga. I più tipici sintomi di astinenza sono : ansia, irritabilità, nervosismo, depressione, desiderio irrefrenabile della sigaretta, frustrazione, disturbi del sonno, aumento dell’appetito.

Ma vale assolutamente la pena di affrontare e superare questo transitorio malessere in vista di un generale benessere per il nostro organismo. Diverse ricerche condotte negli ultimi dieci, quindici anni, hanno analizzato gli effetti sul corpo umano quando si smette di fumare. Da questi studi è emerso che, già dopo venti minuti dall’ultima sigaretta si manifestano i primi benefici, la pressione del sangue e il battito cardiaco si normalizzano. Trascorse le otto ore, il livello del monossido di carbonio (gas velenoso mortale) contenuto nel fumo di sigaretta diminuisce, mentre la concentrazione di ossigeno nel sangue aumenta.

fumare-smettere-di-fumare

Dopo ventiquattro, i livelli di nicotina nel sangue sono già molto bassi, e i sintomi da astinenza si fanno maggiormente sentire, richiedendo molta forza e determinazione per non cedere. Dopo due giorni dall’ultima sigaretta si assiste ad un miglioramento del gusto e dell’olfatto. Al terzo giorno i polmoni riprendono finalmente e respirare, i livelli di nicotina nel sangue sono molto bassi. Dopo circa un mese non ci sono più tracce di nicotina. Nei mesi successivi aumenta l’energia fisica e diminuisce il senso di spossatezza e sparisce la cosiddetta “tosse da fumatore”. Dopo un anno migliorano sostanzialmente cuore e arterie, per cui si dimezza il rischio di malattie coronariche, come ictus, infarto. Dopo circa cinque anni il rischio di emorragia cerebrale scende al 41%, mentre quello di subire un ictus si azzera ai livelli dei non fumatori. Dopo 10 anni dall’ultima sigaretta il rischio di contrarre alcuni tumori , tra cui quello ai polmoni, si riduce drasticamente. Dopo 20 anni il corpo si normalizza e il rischio di ammalarsi è identico a chi non ha mai fumato.

Sintetizzando, in elenco, i benefici che si ottengono quando si abbandona la sigaretta sono:

  • miglioramento della funzione cardio-circolatoria
  • miglioramento delle capacità respiratorie,
  • riduzione della probabilità di avere un ictus,
  • miglioramento dell’aspetto dei denti e della qualità’ dell’alito,
  • incremento della fertilità,
  • miglioramento della vita sessuale,
  • miglioramento del senso del gusto e dell’olfatto.

Inoltre, smettere di fumare rende liberi dalla schiavitù delle influenze esterne, migliora molti aspetti della vita, e aiuta a ritrovare l’amore per se stesso e l’autostima.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :