Magazine Cultura

Solo per sempre tua di Louise O'Neill

Creato il 14 agosto 2019 da Anncleire @anncleire
Solo per sempre tua di Louise O'Neill Per ora sono solo ragazze che stanno facendo le scelte sbagliate. Sono "puttane". Ma se non si fossero accorte di aver compiuto le scelte sbagliate? E se la loro strada in cui si trovano ha segnali stradali diversi dai nostri?

"Solo per sempre tua" è il primo libro di Louise O'Neill edito in Italia da Il Castoro. Si tratta di una distopia di una ferocia terribile e incauta. Come molte delle mie letture mi è stata suggerita da Mirya e non pensavo che mi avrebbe colpito così tanto. È vero che ci ho messo una vita a recensirlo ma credo sia più per il bisogno di metabolizzare che per altro. Il mondo descritto dalla O'Neill non è così lontano dalla realtà.

Sono sempre state amiche, Freida e Isabel. Ora hanno sedici anni, frequentano l'ultimo anno della Scuola e sono in attesa della Cerimonia dove sperano di essere scelte come compagne da uomini ricchi e potenti. L'alternativa è diventare concubine, o non essere scelte affatto e andare incontro a un destino terribile. Come tutte le altre ragazze, Freida e Isabel sono state prodotte in laboratorio e allevate con l'unico scopo di diventare perfette: la cura del corpo deve essere la sola ragione di vita, il loro carattere deve essere socievole e disponibile. Ora che il momento sta per arrivare la pressione è fortissima. Isabel mette a rischio la sua sfolgorante bellezza perché non vuole più sottostare alle regole di questo mondo spietato... Poi finalmente i ragazzi arrivano, per scegliere le loro compagne. Freida sa che deve combattere per il suo futuro, anche se per questo deve tradire la sua migliore amica, anche se significa innamorarsi quando è vietato, anche se sa che le conseguenze possono essere irreparabili...

Più mi guardo intorno più mi rendo conto di che mondo potremo mai lasciare alle generazioni future, a quelli che ci seguiranno nel muovere passi incerti verso un mondo che crolla, che brucia, che si dilegua sotto i passi di chi non riesce a riconoscere che la diversità è un valore aggiunto e non un nemico della nostra tranquillità. L'effetto fotocopia diventa inevitabile non solo per conformarsi ma anche per nascondersi tra la folla, ammantandosi con i canoni di bellezza che vengono proclamati da pubblicità e social media e televisione. Se non sei giovane, magra, in forma, non sei adatta a rivestire un ruolo nella società. Il libro della O'Neill muove le basi da questo concetto, per poi indagare a fondo gli effetti deleteri per un gruppo di ragazze aizzate una contro l'altra per assolvere al piacere di un manipolo di ricchi uomini che cerca la sposa ideale. Freida è solo un esempio di una ragazza gettata in una scuola, messa in competizione con altre ragazze per essere la migliore. La Scuola accoglie le ragazze fin da ragazzine e le educa per diventare le mogli dei figli più ricchi del loro mondo, più raggiungono punteggi elevati, più possono ambire ad accaparrarsi il ragazzo migliore, più sono aggraziate, filiformi, gentili, oneste, volenterose, capaci, più attireranno l'attenzione del futuro marito. Più si metteranno in gioco, più avranno chance di vincere una prigione con sbarre sempre più dorate. Se non risultano le migliori possono solo sperare di salvarsi, ma il loro destino è terribile e totalizzante. Si cerca di vincere, ma si vince per modo di dire. Ogni compagna di classe è una nemica con cui fare i conti, un continuo paragone che strappa dal profondo una volontà sempre più forte di emergere come la migliore. In un mondo ipertecnologico, che offre armadi che scelgono i vestiti migliori e tablet che possono fare di tutto, eppure resta un mondo sterile, con personaggi che si dilaniano tra calorie da mantenere e incertezze di ogni genere. Freida è ossessionata dal peso, dalla linea, dagli zigomi, dal compiacere un gruppo di ragazzi che pretende di essere riverito. "È come se esistessimo solo nella superficie di uno specchio." afferma Freida parlando della condizione in cui vive, l'immagine bellissima e irraggiungibile a cui aspirare, questa perfezione malata di una fotografia che non si adatta ad ogni ragazza, ma che viene mostrata come l'unico esempio possibile. C'è smania, competizione, una gara a colpi di tradimenti e scoperte, mancanze e irriverenza. Freida non è libera e non lo sarà mai, prigioniera dell'instabile promessa di avere un marito. Freida ha una migliore amica, Isabel che sembra nascondere un segreto e progressivamente si allontana, diventando fredda, distaccata, irraggiungibile, Freida cerca in tutti i modi di non lasciarsi spezzare, ma non si rende conto della partita che sta giocando finché non diventa troppo tardi. Ogni passo è un equilibrio verso un obiettivo che tende a distruggere ogni cosa, progressivamente le ragazze perdono la loro possibilità di scelta e di commettere errori, devono essere perfette a costo della loro salute fisica e mentale. Il cerchio intorno a loro sembra chiudersi sempre più in fretta, in una concitata corsa che le priva di ogni grado di libertà.

Il particolare da non dimenticare? Un armadio...

Una storia che è una corsa verso una vittoria irraggiungibile, una lente di ingrandimento crudele e inarrestabile su un mondo governato dall'apparenza e dal maschilismo, donne che devono essere perfette per condurre vite patinate di fianco a uomini a cui non interessa nulla se non la loro bellezza. Terribile e crudele.

Buona lettura guys!

Solo per sempre tua di Louise O'Neill Please enable JavaScript to view the

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines