Magazine Scuola

[¯|¯] Spin newtorks e Loop Quantum Gravity

Creato il 27 marzo 2019 da Extrabyte
spin networks,roger penrose,loop quantum gravity

Avevamo scritto:

Un'altra domanda, forse più impegnativa è: «Quali sono le conseguenze a livello di paradigma MWI (configurazione a più mondi)?». Possibile risposta: l'unico effetto può realizzarsi forzando il collasso della funzione d'onda dei quantum bit che compongono la rete. In tal modo, il bit cancellato viene in realtà salvato in una copia della rete di spin. In altri termini, il collasso di un quantum bit è un processo di clonazione della rete medesima. La rete-clone determinerà a sua volta un 4-spazio pseudoeuclideo che implementa un nuovo universo. Dal momento che esiste un'infinità non numerabile di quantum bit, avremo un'infinità altrettanto non numerabile di universi paralleli convoluti in unico multiverso. Il problema che si apre è: «Come si può forzare il collasso della funzione d'onda?» Tentativo di risposta: in meccanica quantistica il collasso della funzione d'onda avviene attraverso un'operazione di misura da parte di un osservatore cosciente. Nel caso di uno spin network, è ovvio che nessuno osserva tale sistema. Siamo quindi costretti ad asserire che il predetto sistema si auto-osserva, facendo così collassare la funzione d'onda dei singoli quantum bit.



Secondo Roger Penrose sembra che il collasso della funzione d'onda di spin di singolo vertice di uno spin network, sia in qualche modo collegato alla gravità, e ciò potrebbe implementare un collegamento con la Loop Quantum Gravity. È necessario premettere che secondo Penrose, la riduzione del vettore di stato che lui denota con R sia in realtà un effetto gravitazionale. In tale framework tale processo è oggettivo e infatti, Penrose lo indica con OR. Premesso, ciò a pag. 955 del suo libro "La strada che porta alla Realtà", scrive:

Le mie idee orginarie, tuttavia, richiedevano che ciascuno di questi numeri (i numeri quantici n=2s) dovesse essere effettivamente il risultato di una misurazione individuale di spin totale (azione R su cuascun spigolo)), dove nascono probabilità unendo due unità per formarne una terza. Se R è un processo gravitazionale oggettivo, allora il coinvolgimento con processi gravitazionali dovrebbe entrare in gioco a questo stadio. In questo caso non è possibile separare la gravità dalle questioni delle reti di spin.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog