Magazine Cultura

Stellina

Da Foscasensi @foscasensi

Comincia con una piccola brace, una stellina polare nel punto centrale dell'occhio. Da lì la macchia nasce e prosegue, mentre sotto di lei il visibile si torce come una presa di tabacco arso. Finisce con una breve cecità. Oh, come è chiaro, adesso, che un occhio non è altro che un occhio, una cosa umida e soda, che non andrebbe presa molto sul serio. Eccolo. Così, muto, si ritira alla sua prima dimensione, quella che aveva quando ancora non era colmo di aria e di astrazioni, e riposava nel buio, come un uovo di merlo. Sulla sua membrana, ora, il torrente sanguigno pulsa a una profondità dolorosa. L'altro occhio, che tutto questo non sa, nuota ancora nel mondo della luce, postulando spazi e le loro derive di tempo.
E ancora sogna.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines