Magazine Cucina

Stoccafisso accomodato alla ligure

Da Piccolalayla

Avete mai provato lo stoccafisso accomodato alla ligure?

Io no fino a qualche giorno fa’. Venire da una città siciliana dove lo stoccafisso o pesce stocco, come si chiama sull’isola, è il piatto tipico alle volte può essere limitante; impari a mangiare quel determinato prodotto sempre con la ricetta tradizionale.

Questa volta invece ho deciso di allontanarmi da casa e assaporare i piatti del territorio di altre regioni. Cosi eccomi intenta a preparare uno squisito piatto di Stoccafisso accomodato alla ligure.

Non ho trovato molti cenni storici ma ho scoperto che la traduzione italiana di “accomodato” è elaborato. Lo ”stocco accomodeu” per dirlo in lingua genovese è il piatto della festa del Santo Natale.

Del resto anche in Sicilia il Pesce stocco a ghiotta si prepara nelle feste importanti come il Natale, come anche in tantissime altre regioni italiane.

Ma torniamo alla nostra ricetta dello stoccafisso accomodato alla ligure… è un piatto veramente strepitoso che racchiude il meglio degli ingredienti di questa terra incastonata tra il mare e le montagne: olio, olive, erbe aromatiche e una cucina tra mare e terra

Prepararlo è veramente semplice, vi occorrerà una pentola dal fondo spesso, di coccio meglio ancora ma potete usare anche la ghisa come nel mio caso e po’ di tempo per la cottura. Si perché lo stocco va fatto cuocere per almeno due ore e lasciato riposare prima di essere servito in tavola. Così il suo sapore si affina diventando un gran piatto.

stoccafisso accomodato alla ligure

Ingredienti per 4 persone

Per lo stoccafisso accomodato alla ligure

1 kg di stoccafisso ammollato
800 g patate medie
2 acciughe salate o (4 sottolio)
capperi sotto sale
cipolla media
2 carote
costa di sedano
funghi porcini secchi (facoltativi)
bicchiere di vino bianco
30 g pinoli italiani
50 g di olive nere
300 ml salsa di pomodoro
foglia di alloro
spicchio d’aglio italiano
sale marino iodato fine
pepe nero macinato
prezzemolo fresco
olio evo

Utensili

Pentola di ghisa

Tempo di preparazione 3 ore

Preparare lo stoccafisso accomodato alla ligure

Lavate e pelate le patate. Tagliatele a pezzi grossi e tenetele a bagno in acqua fredda fino al momento di utilizzarle. Se avete deciso di usare i funghi secchi ricordatevi di metterli a bagno in acqua calda per circa 30 minuti. Successivamente scolateli e tagliateli grossolanamente.

Mettete a bagno in capperi in acqua tiepida per rimuovere il sale di conservazione. Asciugateli su carta da cucina e teneteli da parte.

Lavate le alici sotto l’acqua corrente per rimuovere il sale, togliete la lisca e asciugatele su carta da cucina (l’acqua potrebbe far scoppiettare l’olio). Tostate leggermente i pinoli in una padella pulita e teneteli da parte.

Pelate la cipolla, la carota, l’aglio lavateli e tritateli al coltello con il sedano.

In una tegame capiente rosolate in un fondo d’olio evo il trito di verdure. Dopo qualche minuto unite le olive, i pinoli, i capperi e i filetti di acciughe fate sudare il tutto per circa 10 minuti, mescolando spesso, unite ora i pezzi di stoccafisso (precedentemente ammollato in acqua per tre giorni) e sfumate con il vino bianco.

Una volta che il vino bianco sarà evaporato aggiungete i funghi ammollati e tritati (se avete deciso di usarli), la salsa di pomodoro, la foglia di alloro, una presa di sale e una macinata di pepe. Allungate con un mestolo di acqua calda e una volta raggiunto il bollore aggiungete le patate coprite con il coperchio e portate a cottura per 2 ore circa a fiamma medio bassa. Mescolate solo verso la fine della cottura e regolate di sale e pepe quanto necessario.

Se necessario aggiungete acqua calda per non far bruciare il pesce o viceversa se troppo liquida la salsa togliete il coperchio e lasciate evaporare fino ad ottenere un sugo della consistenza desiderata.

Lasciare riposare lo stoccafisso accomodato alla ligure almeno 30 minuti prima di servirlo a tavola cospargendo con una manciata di prezzemolo fresco.

stoccafisso accomodato alla ligure

L'articolo Stoccafisso accomodato alla ligure proviene da Profumo di Sicilia.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog