Magazine Cultura

Storia, cartografia e navigazione. La scoperta del Brasile. Articolo di Rolando Berretta

Creato il 18 marzo 2020 da Pierluigimontalbano

Storia, cartografia e navigazione. La scoperta del Brasile.Articolo di Rolando BerrettaStoria, cartografia e navigazione. La scoperta del Brasile.  Articolo di Rolando Berretta

Vorrei dire la mia sulla scoperta del Brasile e sul periodo interessato. Come è riconosciuto globalmente, a Lisbona operava una spia del Duca Ercole 1 d’Este. Nulla da dire! La nostra abilissima spia era riuscita a corrompere un grande cartografo portoghese (chi sarebbe? che rischiava la vita) e a far pervenire una copia di una carta geografica che riporta tutte le scoperte dei loro grandi navigatori. Premesso che, in quel periodo, tutti erano affamati di notizie e TUTTI cercarono di informare i loro “paesani”. I mercanti che operavano a Lisbona, Siviglia (etc) ne avranno recapitato di posta. Se andate sulla wikipedia, alla voce: Planisfero di Alberto Cantino, potete capire meglio questo preambolo. Ci sono due lettere che provano questo misfatto.Vediamo il contenuto della prima; si parla del ritorno di Miguel Corte Real; il fratello Gaspar aveva proseguito la ricerca. Il testo della lettera completo   lo trovate nel libro di Henry Harrisehttp://www.archive.org/stream/lescorterealetl01harrgoog (da pag. 204)

Lisbona 150117 ottobre….Gia son nove mesi passati che questo serenissimo re mando alle parte de tramontana dui legni ben armati, solum per cerchare se possibil fusse ch’a quella parte vi si potesse ritrovare terre on insule alcune: cusìhora, alli undece del presente, salvo, et con preda, uno de epsi e ritornato: et ha portato gente et le nove quale non me ha parso che sencia sentita da Vostra Excellentia debbiano passare, et cusì precisamente tutto quello qual fu per il Capitan al Re me presente racontato qui di sotto distintamente scrivo: In prima raccontano che partiti che furon del porto de Lisbona quatro mesi continui sempre per quello vento et a quel polo caminarno, ne mai in tutto questo spacio heberno vista de cosa alcuna. E intracti nel quinto mese volendo pure in ante seguire dicono che ritrovarno masse grandissime de concreta neve andare mosse da l’onde sopra il mare a galla: Da la summità de le quale per la potentia del sole una dolce et chiara aqua se dissolvea, et disciolta per canaletti da epsa facti ruinando al basso giù cadea: Onde che avendo gia la nave bisogno de acqua, con li battelli a quelle se acostarno: Et per quanto fu a lor necessario ne prederno, et temendo de stare in quel locho per il loro presente periculo volseno tornare indrieto, ma pur aiutati da speranza deliberarno como meglio potesseno andare anchora alcun giorno inanti et poseronsi al viaggio nel secondo giorno del quale ritrovarno el mar gelato, et constrecti ha abbandonare la impresa cominciarno a circondare verso maestro et ponente ove tre mesi sempre, con bon tempo a quella volta continuarno: Et nel primo giorno del quarto mese heberno vista fra questi dui venti d’un grandissimo paese: al quale con grandissima allegreza se acostarmo: et correndo molti et grandi fiumi dolci per quella regione al mare, per uno de epsi, forsi una legha fra terra, intrarno, et in quella di smontati, trovarno copia de suavissimi et diversi fructi, et albori et pini de si smisurata alteza et grosseza che sarebbeno troppo per arboro de la più gran nave che vada in mare: ivi non nasce biada d’alcuna sorte, ma gli homini di quel paese dicono non vivere se non de pescasone et caza de animali, de li quali el paese abonda, cioè cervi grandissimi vestiti di lunghissimo pelo, le pelle de li quali usano per veste, ne fanno case et barche: et cusi lupi, volpe, tigri et zebellini: affermano esservi, che mi pare miraculo, tanti falcuni peregrini quante passere sono nel nostro paese, et io ne ho veduti et sono belletissimi.Degli homini et de le donne de questo loco ne pigliarno circha da cinquanta per forza, et hannoli portati al re, li quali io ho visti, tochi et contemplati; et cominciando alla loro grandezza, dico che sono alquanto più grandi del nostro naturale, cum membre correspondevole et ben formate: li capelli de maschij sono longi quanto noi altri usiamo, et pendono con certe inhanelate volveture; et hanno il volto con gran signi segnato, et li segni sono como quelli de li Indiani; gli occhi suoi tranno al verde, da li quali, quando guardano, dona una gran fireza a tutto il viso: la voce non se intende, ma per ciò in sè non ha alcuna aspreza, anci più presto è humana: la condicione et gesti loro son mansuetissimi, rideno assai e dimostrano summo piacere et questo è quanto alli homini; la donna ha piccole poppe et bellissimo corpo, et tien un viso assai gentil esco, il colore de le quale più presto se può dire bianco che altro, ma il maschio è assai più negro. In summa, salvo che la terribile guarda tura de lhomo, in ogni altra cosa mi pareno eguali alla imagine et similitudine nostra. Da ogni parte sono nudi, salvo che le membre vergognose che con una pelle de sopra dicti cervi se tengon coperti: non hanno arme ne ferro niuno, ma cio che lavorano et cio che fanno, fanno con durissime pietre aguze, con le quale non è cosa si dura che non taglino. Questo naviglio è venuto di la a qua in un mese, et dicono esservi 2800 milia de distantia. Laltro compagno ha deliberato andar tanto per quella costa che vuol intendere se quella è insula o pur terra ferma. Et cusi il re con molto desiderio et quello et altri aspetta, li quali venuti che siano et portando cosa degna de vostra excellentia subito ne darò notitia a quella.Il resto della lettera fa capireche lo spionaggio è altra cosa. Cantino e il veneziano Pietro Pasqualigo furono invitati a visitare il Palazzo Sintra dal re Dom Manuel. Dunque: il Corte Real riportò indietro dei Nativi con gli occhi verdi, con gli uomini dalla pelle scura mentre le donne l’avevano chiara. Non parlavano ma ridevano….(curioso; mi sarei aspettato Eschimesi.)   Il veneziano Pietro Pasqualigo, presente pure lui, ha raccontato:et quelle ancora hanno portato uno pezzo de spada rotta dorata ; la qual certo par facta in Italia : uno putto de questi haveva al orecchie due tondini de argento : che senza dubio pareno ste facti a Venetia : il che me fa credere : che sia terra ferma…Ma torniamo alla nostra spia e alla seconda lettera che dimostra il crimine."Ill.mo Principi et Ex.mo Duci et Domino Domino Herculi Duci Ferrarie et Domino meo Benefactorique observandissimo, Ferrarie.
Ill.mo Princeps et Ex.me Dux et Domine Domine mi observandissime etc.
Per una de V. Ex in risposta d'una mia a giorni passati a quella drizata, ho inteso quanto in epsa se contiene, et maxime circha la Charta del navichare: Il che humilmente a V.S. respondendo adviso, che dicta Charta lassai in genoa a dicto messer Francesco Catanio et da lui hebbi Ducati vinte striti, cioè de libre tre ciascuno. Vera è che dicta Charta in portogallo a me de pacto facto mi costo Ducati dodici d'oro in oro. Ma astretto dal'bisogno et non havendo ove ricorrere fui sforzato a tuor dicti denari et far quanto a V.S. scrissi: la Charta è di tal sorte, et spero che in tel manera piacerà a V. Ex. che non gli sera molesto haver per epsa exbursato dicta quantidade, perché di quel piu che sopra spenderà V.S. cioè de dodici. Si che V. Ex.t ia piacendoli mi advisi quanto circha questo ho adoperare, et continuamente fra numéro de suoi fideli Servitori mi tenga.
Romae die 19. novembris 1502.
servitor AIbertus Cantinus Scripsi.
(archives de la Casa d'Esté, Modena;)
Per pura combinazione ho una cognata che faceva l’Archivista. La costrinsi a tradurla in un italiano comprensibile. (Grazie Carla.Carla MarianiArchivista a Narni TR)…Illustrissimo principe ed eccellentissimo comandante e Signore con osservanza, etc.
In relazione alla vostra eccellentissima risposta ad una mia lettera a voi indirizzata, ho capito quanto in essa è descritto, soprattutto in relazione alla Carta di navigazione: rispondendo al riguardo, umilmente l’avviso, che ho lasciato quella Carta a Genova al detto Signor Francesco Catanio per il prezzo di 20 ducati striti, cioè di tre libre ciascuno. Anche se è vero che, di fatto, quella Carta in Portogallo mi costò 12 ducati d’oro in oro. Ma, costretto dal bisogno e non avendo altra possibilità, fui obbligato ad accettare detti denari e a fare quanto vi ho scritto: la Carta è di tale sorta ( genere, fatta) che spero così piacerà a Vostra Eccellenza, che non le sia spiacevole di aver sborsato per essa, detta quantità perché è di più di quello che Vostra Signoria spenderà, cioè dodici. Cosicché Vostra Eccellenza, qualora le faccia piacere, mi avvisi di quanto farà circa questo, e mi ritenga continuamente tra il numero dei suoi servitori.
Roma 19 novembre 1502. Servitore ALBERTO CANTINUS scrissi.
Archivi della Casa D’Este di Modena.Da quello che credo di capire c’è un giro di soldi che il Cantino reclama … a modo suo. Passiamo adesso alla parte più interessante. Il planisfero del Cantino riporta, dietro, una nota.Sentiamo il parere della Prof.essa Patrizia Licini a riguardo:…Da ogni punto di vista, ciò che Cantino scrive al Duca Ercole nella lettera certamente autografa già da Roma nel novembre 1502 non è compatibile con la frase «Charta da navigar per le isole novame[n]te t[ro-vate] in la parte de l’India dono di Alberto Cantino al S. Duca Hercole» che leggiamo sul retro di detta carta nautica oggi a Modena. La frase non è di Cantino per una serie di ragioni. 1. La frase è anonima, in una scrittura corsiva che è indubbiamente diversa da quella gotica che figura su tutta la carta nautica oggi detta del Cantino, e certamente posteriore alla datazione di questa. 2. Inoltre nella lettera da Roma, Cantino annuncia al Duca Ercole di avere chiesto ai Cattaneo al ritorno a Genova un anticipo sulla somma sborsata per acquistare la carta in Portogallo, perché era rimasto senza soldi e la carta gli era costata 12 scudi d'oro in oro (dice proprio così), ma è talmente bella che, anche se cara, il Duca l'apprezzerà. Dunque questo NON è un dono di Cantino, come la frase anonima arbitrariamente si permette di dire, perché gli è costata 12 scudi che vuole riavere dal Duca. E chi ha scritto quella frase non era a conoscenza di questa lettera autografa del Cantino. 3. Un documento è autenticato da un notaio di tipo latino il quale, essendo pubblico ufficiale autorizzato ad attribuire fede pubblica ai documenti, ha il potere pubblico di garantire con il suo sigillo che il sottoscrittore è veramente lui. Ma nella frase anonima sul retro della carta non troviamo né la firma di chi la scrisse in un anno non dichiarato, né tanto meno la certificazione di un notaio. E, per di più, né sul retro né sul davanti della cosiddetta Carta Cantino noi possiamo trovare un nesso, seppur minimo, un legame che leghi il nome Cantino ad essa. Niente di Niente. Anzi, nel disegno geografico anche io vedo quella gigantesca vignetta urbana di Venezia che mi fa propendere per un cartografo di Venezia quale autore del lavoro, a parte la impiastricciata di pergamena aggiuntiva incollata per 2,5 cm (!) proprio lungo la costa del Brasile dove Vespucci svolse il quarto viaggio del 1503-1504, il secondo per Emanuele il Re di Portogallo per il mare antartico. Insomma, l'autore della frase sul retro della cosiddetta Carta Cantino può essere chiunque senza la minima garanzia di verità, tra Cinquecento e Ottocento. 4. Ercole I da Este, il Duca di Ferrara, da circa un anno era il consuocero di Papa Alessandro VI Borgia. Allora mi chiedo: che necessità avrebbe avuto il Duca Ercole di far trafugare una carta nautica in Portogallo dal suo agente Cantino (un gentiluomo ammesso alla corte del Re del Portogallo), addirittura fatta fare da un autore bravissimo che però volle tenersi nascosto per paura della pena di morte imposta da Re Emanuele su chi rivelava i segreti delle navigazioni, quando a Roma il consuocero del Duca Ercole era il Pontefice di tutti i Cristiani, il Signore del mondo al quale doveva essere comunicato per primo il risultato di ogni scoperta geografica transoceanica?5. Gli inventari della Biblioteca estense furono redatti da un notaio soltanto nel 1597 per il passaggio del patrimonio a Cesare da Este; carte geografiche e planisferi inventariati ammontano a circa 100. In conclusione anche io come Lei (che sarei Io) penso ad un archivista che scrisse quella frase sul retro nell’Ottocento nella biblioteca di Modena. Detto in parole povere Alfonso d’Este, il primogenitodi Ercole, sposò, nel dicembre del 1501 Lucrezia Borgia. Il Cantino, nel 1502, che ci faceva a Roma? Ercole d’Este morì il 25 gen 1505.Che c’entra la scoperta del Brasile con la carta del Cantino? Ci arrivo.Detta carta riporta tre note (legende): la prima in alto, segnala una terra dove i Portoghesi non riuscirono a sbarcare. Sulla Raya, in alto, c’è una nota che riguarda la scoperta di Gaspar Corte Real.. proprio dove io vedo l’isola giapponese di Kiùshù. La terza nota riguarda la scoperta del Brasile ad opera del Cabral nel 1500. La flotta di Cabral partì da Lisbona il 9 marzo del 1500 diretta in India. Finì sulle coste del Brasile il 23 aprile. Piantò la mitica Croce (isola della Vera Croce), fatti tutti i suoi calcolì stabilì che quella era terra portoghese. Mandò una nave ad annunciare la scoperta a Dom Manuel. Ma con tutti gli spioni che giravano per Lisbona nessuno ha segnalato quella nave? Qui i Portoghesi (e Brasiliani) non sono tanto chiari con le spiegazioni. Negli archivi nostrani non ci sono segnalazioni di quella nave. E’ il periodo che Vespucci sta ritornando dal II viaggio. Ed è il periodo che il cartografo Juan de la Cosa riporta nella sua celebre carta (1500) l’isola della Santa Croce scoperta per il Portogallo. Vespucci fu, poi, chiamato dai Portoghesi e partì per il III viaggio. Da quello che si intuisce Amerigo non fu informato della scoperta del Cabral; sapeva, solo, della partenza della flotta. Vespucci partì e fece scalo nelle isole di Capo Verde. E arrivò una nave che stava riportando in Portogallo le vicende della flotta del Cabral. Apprese che Cabral aveva toccato quelle terre che lui aveva toccato un anno prima per i reali di Spagna; ma più a occidente. Torniamo alla carta del Cantino. Occhio all’immagine iniziale! Sulle coste del “Brasile” c’è un rattoppo e una “mano diversa” ha aggiunto della toponomastica. Come si vede le grafie sono completamente diverse. Sulla nuova toponomastica si legge “a baida de todos santos”. Quel nome fu dato nel IV viaggio. Quando Vespucci passò al comando della spedizione. Rileggendo si scopre che era partito al comando di una nave. Tutta la flotta era agli ordini di un altro comandante. Questo comandante si era perso. In questa situazione, su comando di Dom Manuel, il comando doveva passare al Vespucci che non aveva molta stima dei piloti portoghesi: sapevano navigare solo su mari noti. Chi fosse il Vespucci lo raccontano gli incarichi che ebbe in Portogallo. Conoscete Firenze? Conoscete la Chiesa di Ognissanti e dei legami con la famiglia Vespucci? Provate a tradurre in Portoghese, o Spagnolo, la parola Ognissanti. Si legge che Nicolò Caveri, a Genova, copiò la carta del Cantino….. non credeteci. Storia, cartografia e navigazione. La scoperta del Brasile.  Articolo di Rolando Berretta
Ho fatto diversi controlli. Storia, cartografia e navigazione. La scoperta del Brasile.  Articolo di Rolando Berretta
Le carte hanno altra origine. Caveri ha sviluppato l’Emisfero centrale della carta; come Vesconte Maggiolo. Chi ha copiato non sono certamente i Genovesi. Quando si fanno certe affermazioni bisogna saperle dimostrare.Dimenticavo: la lettera da Capo Verde, datata 4 giugno 1501, indirizzata a Lorenzo di Pier Francesco de Medici, si trova facilmente in rete.Inoltre: chi ha aggiunto la nuova toponomastica …ha scritto qualcosa davanti alla zampa del pappagallo. Riuscite a decifrarla????
Rolando Berretta

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog