Magazine Cultura

Storie da orsi

Creato il 09 settembre 2016 da Phoebes

di Martin Milk

Storie da orsi

Titolo: Storie da orsi
Genere: erotico
Autore: Martin Milk (Facebook ufficiale)
Nazione: Italia
Anno prima pubblicazione: 2012
Ambientazione: Italia, “un luogo sconosciuto”; 2012
Personaggi: due anonimi innamorati; Tore e Giorgio; Ginger e Fred; Alberto e Franco
Casa Editrice: lite editions
Copertina: foto di Anonimo
Pagine: 33
Provenienza: Amazon, 13 gennaio 2013
Link al libro: ANOBIIGOODREADS
inizio lettura: 18 agosto 2016
fine lettura: 18 agosto 2016

Voto: 3/10
Storie orsi

Entrare nel mondo erotico gay richiede: conoscenza, sperimentazione ed esperienza.

(Dall’introduzione)

Quattro racconti che esplorarono il mondo degli Orsi.

Storie da orsi

Immagine tratta dal libro.

Non so bene cosa mi aspettassi da questo libro, ma qualunque cosa fosse, non ce l’ho trovata. i quattro racconti sono uno più brutto dell’altro, proprio in senso letterale: letto il primo l’avevo trovato deludente, a libro finito penso sia quello che mi è piaciuto di più… il che è tutto dire! Ho trovato le trame molto banali, perfino nel secondo racconto dove c’è una sorta di colpo di scena non mi è parso tutto questo granché di originalità.

I personaggi neanche mi sono piaciuti. Dovrebbero, immagine, nell’intenzione dell’autore, farci conoscere non tanto il mondo gay quanto quello più specifico degli orsi*: ebbene l’immagine che ne emerge da questi racconti è di uomini che preferiscono partner molto più vecchi o più giovani e vivono le relazioni solo tramite tradimenti. Ora ovviamente io sono tutt’altro che un’esperta sull’argomento, ma non credo che da un libro che promette non guarderete più il mondo omosessuale con gli stessi occhi di prima sia questo quello che dovrebbe rimanere della comunità ursina.

Il libro è di genere erotico, sul quale ammetto di non sono molto esperta, ma anche qui non mi ha convinto: ho letto cose più interessanti su AO3 (e con più interessanti non intendo più porno – anche se ovviamente ci sono anche quelle).

Lo stile onestamente non lo so giudicare bene, quando le storie mi dispiacciono così tanto faccio difficoltà a separare le due cose, ma non ricordo di aver provato particolare fastidio da questo punto di vista durante la lettura, quindi forse da questo punto di vista il libro posso anche promuoverlo.

La copertina non è particolarmente elaborata ma gradevole, e il titolo mi piace molto, penso sia una delle cose mi ha più incuriosito e spinto a comprare il libro.

Storie da orsi

Immagine tratta dal libro.

Commento generale.

Mentre leggevo il libro alla fine di ogni racconto aggiungevo un brevissimo commento a caldo, e in ordine i miei commenti sono stati:
IN THE DARK ROOM: Non mi è piaciuto
RAPPORTI OCCASIONALI: Ancora meno
IL VICINO DI CASA: No
VERGINITÀ: Schifo

A freddo magari potrei mitigare un poco i giudizi così lapidari, ma resta il fatto che il libro proprio non mi è piaciuto: le storie le ho trovate insignificanti, i personaggi scontati, empatia zero.

Mini recensione

Una grande delusione:
storie infelici, meschine, banali.
Poveri orsi!
Grazie a…

…TuttoSuiLibri.com, la cui recensione mi ha fatto venire voglia di leggere questo libro.

Sfide

Mini Recensioni 2016
Lo scaffale traboccante 2016

Storie da orsi

Immagine tratta dal libro.

Un po’ di frasi

La catena che porti al collo ondeggia, seguendo ogni tuo movimento.[incipit di IN THE DARK ROOM]La musica aveva cominciato a ripercuotersi tra le meningi.[incipit di RAPPORTI OCCASIONALI]“Questa te la devo proprio raccontare.“Cosa, di grazia?[incipit de IL VICINO DI CASA]Ho caldo. Sono in fila, aspetto il mio turno per il check in.[incipit di VERGINITÀ]

explicit Leggi

Domani avremo di certo il tempo di riposare abbracciati sul nostro divano per tutte le ore che vuoi, amore mio. [explicit di IN THE DARK ROOM] Con il sorriso ancora stampato sul volto, e alle spalle l’altare e gli occhi fissi sulla folla, Don George alzò le mani al cielo: “Padre Nostro, che Sei nei cieli…” [explicit di RAPPORTI OCCASIONALI] “Che ne dici: giochiamo un pochino? Posso fare io il vicino di casa? “Come vuoi tu, Fred. [explicit di IL VICINO DI CASA] Questa consapevolezza non posso cancellarla. Gli ho dato la mia verginità. [explicit di VERGINITÀ]


*Wikipedia

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines