Magazine Viaggi

Storie fredde come il ghiaccio... Dal finestrino tutto scorre...

Creato il 06 novembre 2012 da Andrea
Mi è capitato ieri sera di vedere un piccolo spezzone di "Che Tempo che Fa del lunedì". Molti potrebbero volermene, ma devo ammettere che ormai da un po' non guardo piu' con piacere le trasmissioni di Fabio Fazio. Troppo piacione e accomodante lui. Troppo morbido e troppo ammiccante con tutto e tutti, mi mette a disagio. Si', perchè io non sono e non credo potro' in futuro essere purtroppo, cosi' politicamente corretto. Ho delle posizioni anche sgradevoli, e soprattutto posso avere delle opinioni e manifestarle con vigore. Questo non significa passare il confine del rispetto e del buon gusto, ma significa non accomodare ogni ragionamento all'interlocutore. E' un difetto in realtà, perchè gli altri amano vedere in te un cuscinetto, ma e' anche una scelta di rispetto per se stessi e per l'intelligenza propria e altrui...

Purtuttavia la televisione di Fazio non è certo la peggiore che si possa vedere sui canali italiani. Anzi, probabilmente è una televisione piacevole e a volte interessante. A volte anche dura. Mi è rimasto in questo scorcio un racconto di Massimo Gramellini su un professore suicida nell'Italia del precario precariato. Dove tutto pendola in un bilico assurdo tra l'incertezza e l'impotenza di non poter decidere nulla. Una persona per bene, ad un certo punto vede il nero artiglio dell'impossibilità chiudersi intorno alla sua gola e si lascia andare via. Si lascia scomparire. Gramellini si scusa per un attimo di aver "guastato l'atmosfera". Io penso che forse l'Italia abbia piu' bisogno di questa atmosfera per rialzare la testa e dire di no. Dire semplicemente che non tutto il gelo che c'è intorno a una situazione dolorosa e impossibile lo si puo' lasciare fuori dal finestrino del treno e continuare il proprio viaggio. Che è necessario aprirlo quel finestrino e farsi investire dal freddo fino alle lacrime per poi ritrovare il calore che viene da dentro che ci dia la forza di guardare oltre.

Dalla disperazione di uno, si potrebbe iniziare a parlare della ribellione di tanti. Perchè non tutto finisca in una ridicola barzelletta politica o satirica. Perchè una rabbia sana permetta di produrre delle idee e descriva delle esigenze da colmare. Quelli che sono li' a dirigere, dovrebbero cosi' imparare al di là delle truffe e delle rapine, che la vita reale insegna e pone i problemi che loro devono essere capaci di risolvere. Se non sanno come, chiedano aiuto a qualcuno, coordinino, non facciano finta di nulla. Ma si concentrino a fare quello che serve e non quello che ritengono senza ragione sia meglio.

Non so da dove sia nata la società italiana di oggi. So pero' che come nel precariato e nell'incertezza, anche gli ideali e le istanze sembrano morire. E i funerali delle idee e delle speranze ormai non si contano piu'...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Storie di Firenze

    Storie Firenze

    Preventivi d’artista - Tra le nicchie esterne della chiesa di Orsanmichele c’è una statua di San Filippo, opera dello scultore Nanni di Banco. Leggere il seguito

    Da  Danny
    VIAGGI
  • Storie...

    Storie...

    Ogni volta che ci vado libero il cane. Da lontano m'abbaia per via della cataratta, poi annusa la sua libertà e, aperto il cancelletto della sua recinzione, rig... Leggere il seguito

    Da  Modainsegniblog
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Storie differenti

    Storie differenti

    FOTO DAL WEB Ieri dopo la nostra partita,come raccontavo nell'altro post,siamo andati a mangiare,alcuni hanno portato moglie e figli visto che queste partite fr... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Storie di caffe'

    Autogrill ha dato il via ad un'iniziativa simpatica.......Registrandoti al sito www.storiedicaffe.it puoi pubblicare la tua frase legata ad un ricordo che evoch... Leggere il seguito

    Da  Eleuname
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Storie di strade londinesi

    Storie strade londinesi

    Verso la fine del XIX secolo, il filantropo e sociologo Charles Booth condusse una meticolosa indagine, per evidenziare l’incidenza della povertà nei quartieri... Leggere il seguito

    Da  Se4
    CULTURA, CURIOSITÀ, PROGRAMMI TV
  • Storie positanesi: Ciro Parascandalo

    Storie positanesi: Ciro Parascandalo

    Da lupo di mare a servo di Dio E’ la storia di Ciro Parascandalo che per 25 anni ( 1951 al 1976 ) ebbe la cura spirituale della comunità di Nocelle a Positano. Leggere il seguito

    Da  Massimocapodanno
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Smettetela di fare domande!

    Smettetela fare domande!

    Qualche giorno fa ho visto su YouTube il video di una ragazza che, a causa delle continue ed insistenti domande, era costretta a raccontare la sua storia per... Leggere il seguito

    Il 22 settembre 2018 da   Misshual
    LIFESTYLE

Magazine