Magazine Cultura

Su il Giornalino “Per questo mi chiamo Giovanni”, per raccontare la mafia ai ragazzi

Creato il 15 maggio 2012 da Lospaziobianco.it @lospaziobianco

Nella storia recente, la lotta alla mafia ha avuto tra i protagonisti indiscussi il giudice Giovanni Falcone che, insieme a Paolo Borsellino, rappresenta la Su il Giornalino “Per questo mi chiamo Giovanni”, per raccontare la mafia ai ragazzi> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="300" width="227" alt="Su il Giornalino Per questo mi chiamo Giovanni, per raccontare la mafia ai ragazzi >> LoSpazioBianco" class="alignright size-medium wp-image-51325" />figura più nota per la rilevanza del suo operato e il tragico destino. A vent’anni dalla strage di Capaci, il Giornalino, settimanale per ragazzi del Gruppo Editoriale San Paolo, commemora questa data con la pubblicazione di “Per questo mi chiamo Giovanni”, tredici episodi che rielaborano nella versione a fumetti il romanzo omonimo di Luigi Garlando, edito da Rizzoli. La rilettura è opera di Claudio Stassi, che ha illustrato e riadattato fedelmente il testo originale. Per il Giornalino, un’occasione importante per raccontare ai giovani la mafia: una storia nella storia nel linguaggio del fumetto.

 LA STORIA

Il protagonista è un bambino di Palermo, Giovanni. Per il suo decimo compleanno, il papà gli regala una giornata speciale, da trascorrere insieme, per spiegargli perché si chiama così. Tappa dopo tappa, prende vita il racconto: padre e figlio esplorano Palermo e la storia di Giovanni Falcone, rievocata nei suoi momenti chiave, s’intreccia al presente di una città che lotta per cambiare. Giovanni scopre che il papà non parla di cose astratte: la mafia c’è anche a scuola, nelle piccole prepotenze dei compagni di classe, ed è una nemica da combattere subito, senza aspettare di diventare grandi.

Claudio Stassi, nato e cresciuto a Palermo, interpreta il romanzo di Luigi Garlando in un fumetto che è anche un viaggio nella sua città, dove i colori del presente s’incontrano con il bianco e nero del passato, per una storia di forte impegno civile.

 

Su il Giornalino “Per questo mi chiamo Giovanni”, per raccontare la mafia ai ragazzi> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="349" width="250" alt="Su il Giornalino Per questo mi chiamo Giovanni, per raccontare la mafia ai ragazzi >> LoSpazioBianco" class="alignleft size-full wp-image-51326" />Anche la copertina che presenta il fumetto, disegnata appositamente per il Giornalino, sottolinea questa azione: IO SONO GIOVANNI è stampato sull maglietta di tutti i ragazzi. “Per questo mi chiamo Giovanni è un racconto che parte dalla vita e non da una vicenda di fantasia” spiega p. , direttore de il Giornalino, “È la storia di un magistrato onesto e coraggioso cui la mafia ha rubato la vita. Il fumetto ci aiuta a comprendere qualcosa della mafia e degli atteggiamenti mafiosi, delle violenze e dei soprusi che a volte incontriamo anche nelle nostre vite. Ma ci sono uomini, donne, ragazzi che affrontano con coraggio queste violenze. Da un momento importante nella storia del nostro Paese, una storia di crudeltà e sofferenza, dove troviamo anche coraggio, bene e speranza”.

A documentare i vent’anni dalla strage di Capaci, il Giornalino dedicherà inoltre un servizio sui fatti dell’epoca, il radicamento della mafia nella società, i martiri civili che ne restarono coinvolti, come gli agenti della scorta e la moglie del giudice, senza dimenticare il dramma di via D’Amelio. Ulteriori elementi di approfondimento saranno pubblicati nella duplice intervista agli autori che racconteranno sulle pagine del settimanale la loro esperienza.

Il Giornalino è distribuito nelle edicole e nelle parrocchie e per abbonamento.

E’ possibile acquistare online al prezzo di 24,90 euro l’intera serie, accedendo alla pagina www.stpauls.it/gio/michiamogiovanni, attiva a partire dal 10 maggio.

 GLI AUTORI

Luigi Garlando nato a Milano nel 1962, è giornalista alla Gazzetta dello Sport. Da anni scrive libri di successo per ragazzi tra cui “Camilla che odiava la politica” (Rizzoli, 2008) e la serie “Gol!” (Piemme). Ha scritto anche romanzi per adulti. “Per questo mi chiamo Giovanni” ha vinto numerosi premi e ispirato il film documentario “Io ricordo”, prodotto da Indiana Production per Fondazione Progetto Legalità in memoria di Paolo Borsellino e di tutte le altre vittime dalla mafia. Su il Giornalino ha pubblicato in anteprima la short story “L’sola del naso”.

Claudio Stassi è nato nel 1978 a Palermo. Vive e lavora a Barcellona. Per BeccoGiallo ha pubblicato “Brancaccio – storie di mafia quotidiana” su testi di Giovanni Di Gregorio, tradotto anche in Francia per Casterman e in Spagna per Norma Ed. Ha vinto il concorso “Montalbano a Fumetti” pubblicando per Hazard ed. “L’Avvertimento” di Andrea Camilleri a fumetti. Ha inoltre insegnato alla Scuola del fumetto di Palermo. Per il Giornalino disegna, sui testi di Fabrizio Lo Bianco, Bau&Woof.

Etichette associate:

Stefano GorlaRizzoliLuigi GarlandoGruppo Editoriale San PaoloClaudio Stassi

Puoi leggere anche:

  1. SlowComics: il fumetto vissuto con lentezza
  2. Volumi da 15 a 20 euro
  3. Brevisioni, speciale 24HIC I
  4. Top ten 2006 – Le classifiche degli ospiti parte 1
  5. Brancaccio – Storie di mafia quotidiana

Condividi:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L’uomo che manca – Giovanni Dozzini

    L’uomo manca Giovanni Dozzini

    Recensione di Eleonora Rossi Dramma al cantiere. Incidente sul lavoro a Nocera: operaio in fin di vita L’operaio è precipitato dal secondo piano mentre stava... Leggere il seguito

    Da  Viadeiserpenti
    CULTURA, LIBRI
  • Malacrianza – Giovanni Greco

    Malacrianza Giovanni Greco

    Proseguiamo con Malacrianza di Giovanni Greco le recensioni dei libri editi da case editrici romane che sono rientrati nella rosa dei 12 candidati al Premio... Leggere il seguito

    Da  Viadeiserpenti
    CULTURA, LIBRI
  • VIPERA di Maurizio De Giovanni

    VIPERA Maurizio Giovanni

    Coming Soon 13 Novembre 2012 Tornano Maurizio De Giovanni e il suo commissario Ricciardi: Napoli, 1932. Al "Paradiso", esclusiva casa di tolleranza in via... Leggere il seguito

    Da  Diegothriller
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • “Deve accadere” di Giovanni Venturi

    L’e-book “Deve accadere” è una raccolta di 15 racconti che narrano di vita, di viaggi, di sentimenti forti, di amore, di speranza. Piccoli spaccati di vita... Leggere il seguito

    Da  Edizionialtravista
    CULTURA, LIBRI
  • Don Giovanni

    Giovanni

    Nel video, alcuni momenti dell'edizione di Don Giovanni per la regia di Robert Carsen che ha aperto ieri la stagione del Teatro alla Scala di Milano e che... Leggere il seguito

    Da  Rita Charbonnier
    ARTE, CULTURA, MUSICA
  • Astara Giovanni Maria

    Astara Giovanni Maria

    Nato a Benetutti intorno al 1863, pastore. Bandito di grosso calibro, compagno inseparabile di Francesco Campesi, un altro grande fuorilegge di Tula. Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA
  • Giovanni Valsecchi penna d’alpino

    Giovanni Valsecchi penna d’alpino

    a cura di Iannozzi Giuseppe aka King LearGiovanni ValsecchiGiovanni ValsecchiGiovanni Valsecchi, capo della protezione civile di Brembate Sopra, è morto ieri... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA