Magazine Musica

Su ‘Radio Club 91' dal 29 ottobre 2013, 4 appuntamenti con il vinile.

Creato il 09 ottobre 2013 da Pjazzanetwork
Su ‘Radio Club 91’ dal 29 ottobre 2013, 4 appuntamenti con il vinile.
NAPOLI - Sbarca su Radio Club 91 la prima trasmissione radiofonica dedicata al vinile.
Titola "91 giri" e la puntata del 29 ottobre (in diretta dalle ore 22 alla mezzanotte) vedrà in azione la regia della emittente campana (FM 95.200 in Campania e in streaming su www.club91.it), alle prese con la cara puntina che scende, piano ma non troppo, sui solchi dei migliori dischi di rock, discomusic, jazz ed elettronica.
Ogni puntata vede nel ruolo degli apostoli del vintage Alessandra Zuppetta, Jerry De Concilio (Brand Manager di Veloce, leader in Europa nel turismo sostenibile) e gli amici di una volta.
L’appuntamento, ogni ultimo martedì del mese, dà vita a una sorprendente retromarcia temporale. Tra pezzi unici e dischi rari, l’attenzione è tutta per gli ascoltatori invitati a portare in studio il loro disco d’annata, per condividere le emozioni insieme agli speaker e ai collezionisti.

E c’è chi scommette già: qualcuno porterà alcuni introvabili 78 giri
degli inizi del secolo scorso. Altri faranno ascoltare i loro ellepì dal telefono: "Abbiamo già due prenotazioni – racconta Jerry De Concilio – un signore di Treviso e un’altro da Napoli". L’hanno anticipato sulla pagina Facebook dell’evento, ma chi vuole può prenotare la sua musica tratta da storici picture disc (vinili illustrati) chiamando lo 081-5525891 oppure prenotando il proprio intervento mandando una email a [email protected] "Tutto ha origine dalla mia passione per il vinile, nata da quando avevo 4 anni", dice De Concilio, ricordando quando ruppe la traccia "Balla balla ballerino" di Lucio Dalla. "L’ascolteremo, perché sono riuscito a ritrovarlo in un mercatino, ma quella volta la spaccai. Ora invece fa parte della colonna sonora della mia vita. Come "Thick as a Brick" dei Jethro Tull (uscito nel 1972 con la copertina "sfogliabile", stampata a più pagine come fosse un giornale quotidiano), o, ancora, rarità come "Lounge Music", un 7 pollici di musiche (mai digitalizzate) composte da Ennio Morricone per le colonne sonore di alcuni B Movies usciti tra il 1969 e il 1970".

Anche se il Gronchi Rosa è "Don Giovanni",
un cd di Lucio Battisti che lo stesso cantante fece ritirare il giorno in cui fu messo in vendita perchè i produttori vi inserirono il libretto con i testi, non hanno prezzo i Claudio Villa d’epoca. Ma ci sono vinili che si acquistano anche per 10 euro. Ora, che il disco in vinile faccia tendenza lo dicono i numeri: negli ultimi tre anni, la vendita di 33 e 45 giri in Italia ha registrato un clamoroso +250%. Le valutazioni per "Yesterday and today", 33 giri dei Beatles del `66 sfiora i 13mila dollari, secondo le edizioni. Viene detta «butcher cover» dato che i quattro Beatles sono ritratti in copertina vestiti da macellai con pezzi di bambole e sangue; è stata subito ritirata dal commercio, da qui la rarità ed il valore molto alti. Tra i patiti, è merce rara un Elvis Presley che canta in "The Christmas" album del `57: prezzo non inferiore ai 25mila euro (vinile rosso). Ottimo l’apprezzamento per Rolling Stones e Tina Turner: "

A 65 anni di distanza dal 18 giugno 1948
, quando la Columbia Records convocò una conferenza stampa all’hotel Waldorf Astoria di New York per presentare le prime 100 opere musicali della storia pubblicate come "33 giri", o "album", torna la voglia dei dischi e si apre la corsa a quello che viene indicato – per numerazione di catalogo – come il primo "album" della storia: la ristampa di una raccolta di Frank Sinatra che fino al ‘48 era venduta su quattro dischi a 78 giri. Forse potrete ascoltarlo in una delle 4 puntate in programma di "91 giri!". Dove, da buoni amanti del mondo radiofonico, chi varcherà le soglie dello studio rischierà di credere d’essere il protagonista del film Good Morning Vietnam con Robin Williams nei panni del disc jockey Adrian Cronaeur, che si muove come un forsennato da una parte all`altra dello studio per cercare, selezionare e mettere sul piatto un 33 giri dopo l`altro. Ma attenzione: perché nello studio di Radio Club 91, marchio storico della radiofonia in Campania, si correrà il rischio di ascoltare della musica tra amici, ricordare e raccontare, come si fosse a casa di amici, degustando del buon vino e anche qualche prodotto locale in compagnia.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :