Magazine Cinema

“Sugar man”, la straordinaria storia di Sixto Rodriguez stasera su Rai 5. Guarda il trailer!

Creato il 17 gennaio 2015 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Oggi è sabato, per cui vi concedo di uscire a divertirvi con i vostri amici ma vi raccomando anche come la migliore delle mammine di tornare a casa presto e con i neuroni sani per guardare su Rai5 all’1.00 un mitico film, Sugar Man di Malik Bendjelloul.

Questo film, Oscar 2013 per il miglior documentario, racconta una storia davvero sensazionale. Sixto Rodriguez è un americano di origine ispanica che vive nel centro di Detroit, in una casa molto povera, cercando di sbarcare il lunario facendo l’operaio. Nessuno lo conosce, o almeno così pensa Sixto. Non sa però che negli anni ’70 qualcuno sbarcò da un aereo a Città del capo portando con sé il vinile di un album, Cold Fact. Quell’album lo aveva inciso proprio Sixto, ma in America non se n’era accorto nessuno e la sua carriera era finita ancora prima di cominciare.

Non fu così però in Sudafrica, dove regnava ancora l’apartheid. Le parole di protesta del disco di Sixto si diffusero a macchia d’olio e in breve tempo le copie di quel disco divennero centinaia di migliaia e vennero considerate dai sudafricani un vero e proprio inno alla rivolta e alla libertà. Il governo vietò la riproduzione, ma non servì a nulla. Sugar Man, pezzo del disco che parla del mondo della droga, diventò una vera e propria hit e il suo autore un mito nazionale, senza che lui ne fosse minimamente a conoscenza.

Sixto rimane all’oscuro di tutto per circa trent’anni, mentre leggende vogliono che si sia sparato sul palcoscenico oppure che si sia dato fuoco. Fino a quando due fan sudafricani, Stephen “Sugar” Segerman e Craig Bartholomew Strydom fanno una scoperta eccezionale e iniziano la ricerca di “Sugar Man”, ripresa da Malik Bendjelloul. Questo porterà Sixto a scoprire di essere una star dall’altra parte del mondo e ricongiungersi per la prima volta con una enorme moltitudine di fan, in un commovente finale! Una storia folle ed emozionante davvero da non perdere!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog