Magazine Cucina

Sugoli

Da Lisbeth @minpeppex
Quando chiedi a un amico se ti procura 1/2 kg di uva rossa da vino per fare il mosto che ti serve per il pane, e questo amico ti si presenta con una cassetta di circa 5 kg di uva, hai un problema 😱 Per l'esattezza, devi decidere cosa farci con quei 4,5 kg di uva in eccedenza.
Dunque, sicuramente una seconda pagnotta per l'amico che ti ha portato l'uva, e scendiamo a 4 kg.
Un po' d'uva si potrebbe essiccare... e facciamo che così faccio fuori un altro chiletto.
Ne restano 3. Aiuto.
La scrucchiata? No, quella l'ho già fatta e ne ho più che a sufficienza.
Cavolo! Che ci faccio con tutta quest'uva?!?
All'improvviso mi sovviene un ricordo. Una cosa che avevo intravisto molto tempo prima, forse sul forum Cucina in Simpatia, che non c'è più 😟 o forse altrove, un dessert non troppo complicato da preparare con l'uva rossa da vino... i sugoli!
Sugoli
Immediatamente parte la ricerca tra i vari siti di cucina per cercare la ricetta, e finisco per seguire questa di Giallo Zafferano.
Intanto, va detto che i sugoli sono tipici del periodo della vendemmia in alcune zone dell'Italia settentrionale, e sono un dolce al cucchiaio. Semplificando, un budino d'uva, in cui l'ingrediente principale è il succo d'uva, zucchero in quantità più o meno variabile, in funzione della dolcezza dell'uva (c'è chi li fa con l'uva fragola e lo zucchero non ce lo mette affatto) e farina, poca, per addensare. Una ricetta semplicissima, in cui l'unica vera accortezza sta nel dosare bene la farina, in modo che faccia addensare, ma non ne emerga il sapore.
  • 1 kg di uva rossa da vino (Montepulciano) lavata e deraspata
  • 120 g di acqua
  • 100 g di zucchero semolato
  • 70 g di farina
  • i semi di un baccello di vaniglia (un cucchiaino di vaniglia essiccata in polvere)
Mettere gli acini deraspati e lavati in una casseruola e far cuocere per alcuni minuti a fuoco dolce, incoperchiata.
Aggiungere l'acqua e far cuocere, sempre incoperchiata, finché gli acini non siano tutti appassiti, all'incirca 15 minuti.
Passare tutto al passaverdure e raccogliere il succo.
Mescolare in una ciotola lo zucchero con la farina e i semi di vaniglia, e diluire col succo, un po' alla volta, amalgamando con una frusta per non far formare i grumi.
Passare tutto attraverso un colino e rimettere sul fuoco ad addensare (consigliabile usare un diffusore di calore o una pentola col fondo bello spesso, per non far attaccare).
Sugoli
Quando la crema d'uva si sarà addensata a sufficienza, distribuire in 6/7 vasetti, mettendo su ognuno un pezzo di pellicola alimentare a contatto, far stiepidire e tenere in frigo per almeno un'ora prima di gustare.
Mi hanno creato una fortissima dipendenza, che si è trasformata in disperazione quando sono finiti e non si trovava più uva adatta per poterli rifare.
Attendo con impazienza la vendemmia dell'anno prossimo!
Ecco qua... si comincia con un acino d'uva, e si finisce per ritrovarsi dal veterinario! 😂
Sugoli

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog