Magazine Diario personale

Tenete un diario | Un consiglio a settimana per migliorare la nostra vita e quella altrui

Da Lifarnur @silvialazzerini
I prossimi sette giorni avremo bisogno di un po' di disciplina e costanza per portare a termine la nostra azione, sarà un ottimo modo per conoscere meglio noi stessi e inoltre avremo la grande opportunità di crescere nello spirito.
Tenete un diario | Un consiglio a settimana per migliorare la nostra vita e quella altrui
  • Forse avete già un diario in cui registrate ogni giorno i vostri pensieri e tutto ciò che vi accade. Ma il diario a cui mi riferisco è un po' diverso: vi insegnerà a riflettere  più a fondo sulle vostre esperienze quotidiane e ad accrescere la consapevolezza di voi stessi
  • Il modo migliore per assicurarvi di essere costanti è stabilire un momento preciso da dedicare a questo compito e prendervi un po' di tempo per meditare sulle azioni che avete compiuto nel corso della giornata. Prima di iniziare, rispondete alle seguenti fondamentali domande:
  • Fate una lista delle vostre azioni. Quante ne avete compiute oggi? Vi siete sforzati di essere gentili con qualcuno? Qunate frasi gentili avete pronunciato? In quante occazioni vi siete resi utili agli altri o li avete sostenuti in qualche modo?
  • Elencate le azioni che gli altri hanno realizzato per voi. Quanti sorrisi vi sono stati rivolti? Avete ricevuto qualche parola gentile?
  • Di fianco ad ogni azione scrivete che sensazione provate nel ricordarla. In certi giorni la vostra lista sarà più breve che in altri, ma non fatevene una colpa. Ricordate: qualsiasi dimostrazione di bontà che concedete a voi stessi vale tanto quanto quelle che dedicate agli altri
  • Ripercorrendo la giornata vi renderete conto di quante azioni avete realizzato senza nemmeno pensarci. Prendete per esempio tutte le volte in cui avete sorriso: avrete riempito il mondo di luce senza esserne coscienti. E' da questo che si riconosce una buona persona. Custodite il vostro diario come un tesoro: sarà uno strumento straordinario per ricordarvi i progressi compiuti nel corso dle vostro viaggio spirituale.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Se un mattino d’autunno un sognatore

    mattino d’autunno sognatore

    .Un racconto incolpevolmente ispirato da g..Un giorno il giovane Melegatto, aprendo la cassetta della posta, ricevette una cartolina spedita da lui stesso a... Leggere il seguito

    Da  Icalamari
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Cucire un cappello da un maglione vecchio

    Cucire cappello maglione vecchio

    Qualche giorno fa ho scritto del mio primo cappello fatto a maglia e come l’ho donato ad un’amica che sta raccogliendo  cappelli e sciarpe per un gruppo che... Leggere il seguito

    Da  Cucicucicoo
    BAMBINI, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un dono

    Vivere con una malattia così fin da piccolo, pensare di non poter vedere i 18 anni; arrivare a 27 e inaugurare la propria casa; arrivare a 28 e donare tutti... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • “Grifondoro, per favore seguitemi. Tenete il passo”

    Non è sparita. O meglio, un po’ sì: ingoiata dai labirinti di una Praga magica nella quale si è recata, in gita, la settimana scorsa (e nella quale non rimettev... Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA
  • Un Paese grande come un treno

    Paese grande come treno

    S. Kubrick, Circus scene for Look Magazine 1948 Il treno Verona-Lecce partiva alle 22.40. Arrivava dal Brennero già stracolmo di emigranti al rientro. Leggere il seguito

    Da  Lara Ruzza
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Un gatto, una libellula, un filo rosso

    gatto, libellula, filo rosso

    Quando un bambino molto piccolo legge un libro (lo assapora, spesso letteralmente) la prima cosa che considera non sono tanto i colori, cosa che un adulto... Leggere il seguito

    Da  Atlantidekids
    LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI, MATERNITÀ, PER LEI, TALENTI
  • Un commesso

    Non vivo per il lavoro. Non vivo per il mio lavoro, precisamente. Il fai da tè, che sebbene un lavoro sia non è salariato, mi è cagione di ben maggiori... Leggere il seguito

    Da  Nubifragi82
    CULTURA, TALENTI

Dossier Paperblog