Magazine Sport

TENNIS - Coppa Davis, quarti di finale, Canada-Italia 0-1: Seppi di ghiaccio, vittoria in rimonta.

Creato il 06 aprile 2013 da Andreakur
Ci sono voluti 5 set e 3 ore e 15 minuti di gioco prima che Seppi porti il sospirato punto dell’1-0 all’Italia nella sfida al Canada per l’accesso alle semifinali di Coppa Davis. Il match è stato un po’ strano e molto altalenante, oltre che bruttino. Strano perché la superficie, veloce indoor, faceva presagire un incontro con assai più discese a rete, invece è parso di assistere ad una partita da terra rossa, con scambi continui da fondo campo, a volte ben oltre la linea, senza peraltro che nessuno dei due capitani desse indicazioni diverse ai loro “assistiti”. Altalenante per l’andamento, con rapidi saliscendi di punteggio. Seppi era partito bene nel primo set: 2-0 con break di vantaggio, perso però subito dopo. Una palla-break sciupata dall’azzurro al settimo game risultava decisiva ai fini del set, perso malamente 7/5 alla prima opportunità utile per Pospisil. Che giocava in casa in tutti i sensi (nato a Vancouver) e ben oltre le sue possibilità di numero 140 delle classifiche mondiali. Certo, Seppi non pareva indossare il pettorale numero 18 del pianeta (best ranking, agganciati Gaudenzi e Camporese), tanto da gettare alle ortiche tre chances di togliere il servizio al canadese nel terzo gioco della seconda frazione. E poi l’azzurro perdeva la bussola esattamente come nel primo set, quando andava a servire per salvare il set (che finiva per cedere 6/4 con un brutto rovescio in rete). Sotto di due set a zero, in un match (ripetiamo, da fondo) equilibrato, l’altoatesino è stato bravo a credere fino in fondo alla vittoria, complice anche l’equilibrio regnante in campo sino ad allora. La sua freddezza nel non scomporsi più di tanto gli permetteva di fare questo benedetto break al quarto gioco e mantenerlo fino al 6/4 della terza frazione. La quarta ha ricalcato la falsa riga precedente; Pospisil, mezzo shoccato, perdeva subito il servizio, Seppi solidissimo saliva in cattedra e pareggiava il conto dei set breakkando addirittura di nuovo il tennista di casa. E nel quinto si è ristabilita la gerarchia, con Seppi a dominare il gioco e il suo avversario (forse stanco per un match sovraritmo) a subirlo. Tutto ciò si concretizzava nel vantaggio di 3-1 (rovescio profondo dell’azzurro), 4-1, 5-2 e il sospirato 6/3 finale in rimonta. Italia 1 Canada 0. Aspettando Fognini.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog