Magazine Cinema

The Lighthouse

Creato il 19 febbraio 2020 da In Central Perk @InCentralPerk
È già Ieri -2019-
Erano gli ultimi giorni dell'anno e la rete è impazzita.
Impazzita per un film in bianco e nero, per un film con due soli protagonisti: Robert Pattinson e Willem Dafoe, soli in un isolotto dimenticato da Dio con un faro da governare e mantenere.
La rete è impazzita perché il film è strano forte.
Quello strano che ti porta a parlarne, quello strano fatto di una trama confusa e che rende confusi, cervellotica o semplicemente folle, che ti trascina nella stessa spirale di follia in cui cadono i protagonisti. O solo Pattinson. Forse Dafoe ci è da sempre.
La trama è di per sé risicata: il veterano guardiano del faro Thomas Wake accoglie il novellino Winslow sulla sua isola, lo costringe ai lavori più umilianti, non gli  permette di governare quel faro. Cosa nasconde?
Cercare di capirlo porterà lentamente Winslow alla pazzia, a guardare con ogni sospetto ogni mossa di Wake, a mantenere stretto il suo segreto.
The Lighthouse
Ma più della storia, conta che The Lighthouse è un film che senti, con tutti e 5 i sensi.
Senti l'odore di sporco, senti pure l'odore del sesso a cui ci si abbandona fra remore, sporcizia e follia, senti la puzza della latrina, di una casa che in poco tempo (o tanto?) cade a catafascio coprendo tutto il pulito che il mare dovrebbe ispirare.
Senti il sapore di salsedine sulla lingua, senti quel vino copioso e forte che scende, quell'alcool a profusione a cui Wake non rinuncia mai, a differenza dell'inizialmente ligio Winslow.
Tocchi le rughe profonde di Dafoe, tocchi quella sirena che forse è una visione, forse un tormento, tocchi l'estasi che dà.
Ascolti le urla di gabbiani inferociti, che sono divinità da rispettare. Ascolti strane interferenze, strane lingue, ascolti una strana presenza.
Vedi, infine, e rimani basita.
Vedi una fotografia che dà i brividi.
Più dei protagonisti stessi.
Più della loro storia di ossessione.
I brividi.
Un bianco e nero in cui ogni inquadratura è un quadro.
Che sa di incubo, sa di espressionismo, sa di perfezione.
The Lighthouse
Chiusi in un 19:16 claustrofobico, l'unica luce viene data da questo rigore.
Per il resto, ci lascia andare ad incubi ad occhi aperti, a una degenerazione voluta o già latente, a cui Winslow è predestinato per essere lì, su quel faro con Wake, o che se l'è cercata per quel gabbiano, per le sue speranze mal riposte.
E alla fine, anche se ci capisci poco, se il bello è proprio capirci poco, rimanere in sospeso, complici e partecipi di questa follia generale, di queste ossessioni e di queste paure e di questi incubi, alla fine -dicevo- lo senti con un altro il senso, il sesto, che The Lighthouse è quel film per cui la rete deve impazzire, quella chicca (non così)nascosta, che non sai spiegare, non sai capire, non sai nemmeno cosa ti vuol dire ad un certo punto, ma che sai ammirare.
Voto: ☕☕☕☕/5

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine