Magazine Cinema

The Meyerowitz Stories (New and Selected)

Creato il 28 ottobre 2017 da In Central Perk @InCentralPerk
Andiamo al Cinema su Netflix
Che succede a Noah Baumbach?
O meglio, che succede al mio rapporto con lui?
Lui che continua a raccontare famiglie disfunzionali, altamente snob e dell'élite di New York, quelle famiglie fatte d'artisti, che chissà come riescono a vivere una vita di rendita, con case da invidia ma rapporti tra i loro componenti disgregati.
Parla ancora e ancora di hippie ingrigiti, di bohemien d'altri tempi, e di moderni hipster, ma nel farlo, si chiude con questi tipi di personaggi lasciando fuori ogni emozione.
Ogni mio coinvolgimento.
Sembrava promettere sempre questi stessi ingredienti The Meyerowitz Stories, passato per Cannes e poi finito dritto su Netflix, nonostante un cast di quelli importanti: Adam Sandler, Ben Stiller, Emma Thompson e Dustin Hoffman.
The Meyerowitz Stories (New and Selected)
Forse, già la presenza del da me fortemente odiato Sandler doveva farmi sospettare nei confronti di un film tanto fumo poco arrosto, mettiamoci il suo sosia Ben Stiller, e i dubbi si fanno certezza.
Basta poco infatti per capire che tipo di film è e vuole essere questo The Meyerowitz Stories.
Diviso in capitoli, in punti di vista, con dialoghi veloci e irrefrenabili, con voci che si sormontano, con il caos organizzato di uno script che non tace mai, e quella regia che segue e segue i suoi personaggi, li va a riprendere, si sposta come a una partita di tennis, e innervosisce.
Innervosiscono questi personaggi sopra le righe, egocentrici, questa famiglia Tenenbaum che le sue fragilità non le vuole mostrare.
C'è Harold, il capofamiglia. Artista, scultore, che vive di una gloria passata che in realtà mai è esplosa. Vive in un mondo dove si crede chissà chi, e i suoi figli li lascia fuori dai giochi. Distanti, inutili orpelli, solo ascoltatori delle sue vanaglorie, artisti falliti e mancanti, mica come lui.
C'è Danny, il figlio più grande, pianista mancato, padre amorevole, succube del fascino paterno, a cui si soggioga con piacere, accettando ogni critica, ogni lamento.
C'è Matthew, figlio di un altro matrimonio, all'apparenza venerato, nei fatti bistratto perchè al mondo dell'arte ha preferito quello degli affari.
E poi ci sono le donne di questa famiglia.
Maureen, matrigna alcolizzata e poco materna.
Eliza (interpretata da quella Grace van Patten che già da Tramps si tiene d'occhio) figlia benevola ma artista in erba fin troppo provocatoria.
E infine, Jean, figlia e sorella da sempre messa da parte, pure nel suo punto di vista.
The Meyerowitz Stories (New and Selected)
Era ovvio aspettarsi qualcosa di strano, di diverso e folle.
Era ovvio aspettarsi una storia che di queste stranezze tenesse conto per raccontare il disgregarsi e l'unirsi di questa famiglia in vista di cambiamenti come divorzi, college che iniziano, malattie che avanzano.
E invece, tutti questi personaggi egoisti ed egocentrici si fatica ad amarli, ad apprezzarli, augurandogli di volta in volta il peggio.
Soffocati dalle loro parole, finiscono per opprimere anche quel poco di buono che qui c'è -il rapporto tra padre e figlia, le stoccate a certi tipi di artisti, certe canzoncine naive. Mentre si intrufolano brevi cammei di Adam Driver nella parte del solito Adam Driver e di Sigourney Weaver nella parte davvero di se stessa.
Adam Sandler qualche punto lo guadagna, sì, mettendoci più cuore anche se confuso.
Noah Baumbach, invece, ne perde ancora e ancora, e finchè rimarrà appresso a certe storie e a certi mondi chiusi in se stessi, continuerà la sua caduta libera nelle mie preferenze.
The Meyerowitz Stories (New and Selected)
Regia Noah BaumbachSceneggiatura Noah BaumbachMusiche Randy NewmanCast Adam Sandler, Ben Stiller, Dustin Hoffman, Emma ThompsonIl TrailerSe ti è piaciuto guarda ancheGiovani si diventa, Mistress America, I Tenenbaum

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine